Ultimi aggiornamenti

Fight Planet Italia

WWE Pubblicato in data 30/06/2020

WWE RAW: Sfidanti vincenti

Racap Monday Night Raw

Bentornati su Fight Planet Italia , andiamo ad analizzare quanto accaduto la note scorsa a Monday Night Raw.

Neanche il tempo di immergerci nello show che troviamo immediatemente il caos sul ring con una mega rissa tra Asuka, Sasha Banks e Bayley chiamate ad aprire la serata con le firme sul contratto per il match di Extreme Rules, in una cerimonia che prevedeva anche la presenza di Drew Mcintyre e Dolph Ziggler, pure loro per rendere ufficiale la sfida per il titolo WWE che si svolgerà nel prossimo pay per view.


Un Drew Mcintyre molto sicuro di sè, concede a Ziggler la possibiltà di scegliere la stipulazione per il loro match ma prima che lo Show Off possa annunciare la sua decisione viene interrotto da Asuka che inizia a pronunciare incomprensibili parole giapponesi nei confronti di Sasha Banks che risponde a tono, convinta di poter conquistare la cintura di Raw a Extreme Rules ed estendere ancor di più il dominio delle Role Models all'interno dell'intera divisione femminile.


Le 4 superstars appongono le loro firme sui rispettivi contratti e come altamente pronosticabile scatta nuovamente la rissa.
Tutto ciò scaturirà un tag team match a coppie miste Campioni vs Sfidanti tra la coppie formata da Drew Mcintyre ed Asuka contro Dolph Ziggler e Sasha Banks.

 

 

 

 

 

Nel backstage Big Show interrompe Charlie Caruso alle prese con un intervista con la stable messicana composta da Andrade, Angel Garza e Zelina, dicendo di essere alla caccia di Randy Orton.

 

I latino americani non prendono bene l'intrommisione del gigante e appena Big Show prende la parola al centro del ring intervengono circondando il quadrato. Compie il suo ingresso in scena anche Ric Flair per lodare il suo amico Randy Orton ed esprimere i suo complimenti al lavoro da manager svolto da Zeliga Vega.


Inizialmente Big Show si scusa per l'accaduo, successivamente lancia il guanto di sfida a Andrade e Angel Garza.


Si palesano sullo stage i Vicking Raiders che non hanno gradito l'inserimento dei messicani nella corsa per i titoli tag team detenuti dagli Street Profits, dando inizio ad un match tra le due fazioni.
Nonostante i raccomandamenti di Zeliga nelle scorse settimane, continuano gli screzi tra Garza ed Andrade, con quest'ultimo che ad un certo punto del match si allontana dal ring minacciando il compagno di lasciarlo solo contro il gigante. Solo il tempestivo soccorso della manager rimette tutto in ordine.
I Vicking Raiders sembrano prevalere per più fasi del match ma un ispirato Angel Garza compie lo schienamento vincente che potrebbe valere come pass per un imminente incontro con i campioni con titoli di coppia in palio.
I latino amricani nel corso della serata sono saliti nuovamente sul ring per affrontare Big Show in un handicap match.
Anche questa volta continuano i problemi tra i due, con Garza che abbandona il ring infastido dal comportamento del compagno di squadra che distrandosi viene messo ko da Big Show.
Nonostante la stable sia ormai formata da parecchio tempo , questi continui screzi rendono difficile da pronosticare il percorso nella divisone tag team dei due messicani, ma penso che i due saranno prossimi alla sfida che potrebbe decretarli campioni di categoria.

 

 

 

 

 

 

Con astuzia R-Truth ritorna campione 24/7 nella rinvincita contro Akira Tozawa fingendo un infortunio alla gamba , poi con un roll up atterra il giapponese e vince l'incontro, evitando anche un tentativo di schienamento di un ninja nel post match prima di darsi alla fuga nel backstage.

 

 

 

 

 

Parole forti quelle pronunciate da Seth Rollins nei confronti di Rey Mysterio e suo figlio Dominick , non presenti al Performance Center ma collegati da casa.


Il Messiah chiede a Rey di perdonarlo per il male che continuerà a procurargli in futuro e minaccia Dominick affermando che se continuerà ad immischiarsi farà in modo che la sua carriera non abbia mai un inizio.
Ormai la resa dei conti pare vicina, quasi sicuramente questo match sarà uno dei pezzi forti di SummerSlam.


Nel frattempo intervengono Aleister Black e Carillo che negli ultimi tempi si sono schierati in maniera netta contro il regno del terrore orchestrato da Rollins e i suoi discepoli, dando il via ad un tag team match contro il Messiah e Murphy. In questa puntata di Raw non abbiamo visto Austin Theory al fianco dei suoi alleati.

Ne esce un gran bel match, con una convincente performance da parte di tutti e quattro gli sfidanti con repentini colpi di scena e schienamenti vicinissimi al decisivo conteggio di tre.
Vincono gli ex campioni di coppia , che nel post match continuano la loro ossessione nell'infliggere infortuni simili a quello causato a Rey Mysterio nelle scorse settimane. Rollins rifila un stomp sui gradoni d'acciaio a Carillo primo di allontanarsi trionfate verso il baskstage.


Per il momento può anche andar bene così, ma alla fine di questa rivalità tra Seth Rollins e Rey Mysterio spero di vedere Aleister Black competere nuovamente come singolo per qualcosa di importante.

 

 

 

 

 

MVP sconfigge Apollo Crews sfruttando una distrazione causata da Bobby Lashley, con quest'ultimo che a sua volta domina il successivo match contro Richocet.
Manager ed assistito sembrano entrambi attratti della cintura degli Stati Uniti detenuta da Apollo, sviluppo interessante che potrebbe portare ad alcuni screzi tra i due nelle prossime settimane.

 

Il main event è stato senza alcun dubbio il pezzo forte della serata.
Se questo è stato solo l'antipasto, allora ad Extreme Rules assisteremo ad due grandi match. Gli sfidanti portano a casa una bella vittoria con una super performance da parte di Sasha Banks che schiena Asuka, ed un Dolph Ziggler capace di tener testa alla grande al campione WWE.
La presenza di Bayley al tavolo di commento è la ciliegina sulla torta di un gran finale di puntata.


Continuo a ritenere difficile un'affermazione di Dolph Ziggler nel match titolato di Extreme Rules, ma ritengo che lo Show Off meriti di stare in questi posti da top superstar da cui ultimamente si era allontanato, con l'incognita della stipulazione ancora in ballo.
Ritengo invece più alte le possibiltà di vedere la Boss diventare doppia campionessa, con l'idea di avere le Role Models detentrici di tutto che mi affascina parecchio.

 

 

 

 

 

Termina qui un altra interessante puntata di Monday Night Raw, alla prossima!


Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 26/06/2020

NXT: Un campione senza limiti

Analisi NXT.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT. Settimana cruciale che vede un Main Event molto atteso. Keith Lee difende l’NXT North American Championship contro Johnny Gargano e Finn Bálor in un triple threat match, il vincitore sfiderà Adam Cole in un winner take all match che si terrà il giorno 8 luglio.

 

Puntata che si apre con la vittoria di Cameron Grimes ai danni di Damian Priest. Grimes si avvantaggia danneggiando il rivale addirittura fuori dall’edificio, Priest ci mette anima e cuore, ma i problemi alla schiena sono una discriminante decisiva. Grimes ottiene l’ennesima vittoria importante, ma la continuazione della faida lo vedrà quasi sicuramente perdere con l’Archer Of Infamy, almeno credo. Due gran bei wrestler messi in una rivalità minore senza troppe pretese.

 

Vittoria anche per l’NXT Cruiserweight Champion Santos Escobar che ha sconfitto Jake Atlas in un Non-Title Match. Incontro dove Atlas ha fatto molto bene, andando seriamente a impegnare Escobar. E questo è un buon segno per lui. Tuttavia era difficile che il fresco campione perdesse. Aspettiamo il ritorno di Maverick. Poi il mio pallino per i pesi leggeri si chiama sempre Kushida, ma di tempo ce n’è. Escobar e i El Legado del Fantasma mi piacciono come concetto, è stata una bella mossa. Sembrano funzionare bene.

 

 

Funzionano più che bene Raquel Gonzalez e Dakota Kai, che hanno la meglio su Kacy Catanzaro e Kayden Carter. Carter e Catanzaro in crescita nelle ultime settimane, si stanno ritagliando il loro spazio con merito. Nonostante la seconda sconfitta consecutiva (settimana scorsa Kai aveva battuto Carter) che serve più che altro a ribadire l’intenzione della Captain of Team Kick di puntare Io Shirai e l’NXT Women’s Championship. Strada che potrebbe avvicinarla al titolo nel prossimo futuro, anche se al momento Shirai è difficile possa perdere subito.

 

 

Bronson Reed era smanioso di fare il colpaccio contro Karrion Kross. Ha anche iniziato bene, senza timore, ma il risultato a favore di Kross era troppo telefonato. Vittoria arrivata puntualmente. Kross potrebbe magari spostarsi ora su uno dei due titoli, a meno che non si voglia fare subito il rematch con Ciampa. Se poi il management vuole tardarne la gloria titolata, facendo passare Kross per altre rivalità, vediamo che cosa costruiranno. Di materiale ce ne sta con cui lavorare. So che c’è chi pensa sia un character a cui non serve per forza il titolo per essere diciamo importante, ma un titolo è pur sempre un titolo.

 

 

Ufficiale, Aliyah firma con il Robert Stone Brand. Stone cerca di convincere nuovamente Rhea Ripley ma in tutta risposta riceve un viaggio nel cassonetto dell’immondizia. La canadese dà uno schiaffo all’ex NXT Women’s Champion, le due di conseguenza si affrontano sul ring dove nonostante le interferenze di Stone, Ripley esce vittoriosa. William Regal poi concede il rematch, ma stavolta Stone affiancherà la sua cliente in un handicap match, dove Ripley accetta anche la particolare stipulazione, se dovesse perdere si unirà al Robert Stone Brand. Rivalità di contorno, sicuro un bene per Aliyah avere tutto questo spazio televisivo.

 

 

Altra seduta terapeutica per Roderick Strong che finalmente sembra aver sconfitto il demone dell’essere rinchiuso nel bagagliaio. Riesce infatti a restarci (rinchiuso da Cole, Fish e O’Reilly) per poi uscire super gasato. Dunque i suoi compari lo mettono d’innanzi al passo successivo, affrontare Dexter Lumis. Purtroppo ancora non siamo arrivati a quei livelli, infatti perde il match per count-out quando impaurito scappa nel backstage. Settimana prossima i due si affronteranno in uno strap match, e Strong non potrà fuggire, vediamo cosa succederà. Rivalità simpatica che sta facendo emergere il lato più entertainment della Undisputed Era, con diversi segmenti molto divertenti.

 

 

Il Main Event è stato bello, ma quando metti sul ring Keith Lee, Johnny Gargano e Finn Bálor è impossibile che esca qualcosa di non all’altezza. Non è stato straordinario, ma bello e coinvolgente sì. Personalmente non ho mai avuto la sensazione, durante questa settimana di attesa, che Lee potesse perdere. Anche se con due fenomeni come Gargano e Bálor, ci vuol poco a far cambiare idea. E infatti in più di un’occasione entrambi sono andati vicino al 3 vincente. Il wrestling, che poesia. Lo storytelling pure è stato buonissimo, con Gargano che prima si è defilato, per poi allearsi più o meno tacitamente con il Prince lavorando insieme per provare a indebolire il Campione. Che però alla fine si è confermato tale, schienando proprio Bálor, cosa da non trascurare. La puntata si chiude quindi con il faccia a faccia tra Lee e Adam Cole, che arriva a fine match sul ring. Appuntamento al 8 luglio, lo avevo già detto nel recente passato, lo ripropongo:
Non mi dispiacerebbe, ma vado più di fantasia, neanche la suggestione di un Lee primo memorabile doppio campione in contemporanea, considerando anche il momento storico che gli Stati Uniti stanno, purtroppo, tornando a vivere con il problema della discriminazione razziale. Potrebbe essere una scelta anche molto significativa. Ecco, per me il regno di Cole è agli sgoccioli, vediamo se mi sbaglio.

 

 

Inoltre quella del 8 luglio sarà la sfida, presumibilmente il Main Event, di una delle serate che NXT andrà in onda come NXT The Great American Bash, altro tuffo nel passato dopo In Your House. La prima serata, quella di settimana prossima, vede i già detti prima Strap Match tra Strong e Lumis, e l’handicap match tra il Robert Stone Brand e Rhea Ripley. In più Regal ha annunciato il match tra Mia Yim, Tegan Nox, Candice LeRae e Dakota Kai che collideranno in un Fatal 4-Way Match per determinare la No. 1 Contender della NXT Women's Champion Io Shirai. Mica male come anteprima.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Fight Planet Italia

NXT UK Pubblicato in data 06/06/2020

Nxt UK : Back To The Future

Nxt Uk Takeover Cardiff 2019

Il 31 Agosto 2019 presso la Motorpoint Arena andò in scena Nxt Uk Takeover Cardiff, secondo PPV esclusivo del roster europeo.
Prima di iniziare vorrei consigliarvi la visione di questo evento perché a parer mio è stato uno dei più belli ed emozionanti PPV degli ultimi anni, con un Mein Event da favola.

Ad aprire Takeover Cardiff è l'incontro tra Rhea Ripley e Piper Niven, vinto dalla prima Women's Nxt Uk Champion della storia . Va sottolineato come questo incontro sia stata una reale passerella per la Ripley, dato che pochi giorni prima ha fatto il suo debutto ad Nxt, lasciando definitivamente il brando brittanico.

Dal mio punto di vista il match tra Noam Dar e Travis Banks è stato sotto le aspettative, viste le qualità che possiedono i due Cruiserweight. A vincere è stato l'attuale ICW Champion Noam Dar, ma sono convinto che avrebbero potuto fare molto ma molto di più .

Grazie ad un Open Challenge lanciata da Cesaro e raccolta da Ilja Dragunov abbiamo potuto assistere ad una sfida di pura tecnica ,una vera delizia per tutti gli amanti di questo tipo di lotta.
L'atleta svizzero si è portato a casa una vittoria molto sudata,dato che l'attuale primo sfidante al L'Nxt UK Championship gli ha dato un sacco di filo da torcere . Chissà che questi due lottatori non possano affrontarsi un giorno nel Mein Roster .

Questo PPV ha visto anche Mark Andrews insieme Flash Morgan Webster laurearsi nuovi Nxt Uk Tag Team Champion a discapito dei Grizzled Young Veterans (campioni in carica) e dei Gallus ( Wolfgang e Mark Coffey ) I due hanno fatto letteremente impazzire l'arena con le loro manovre volanti . Sono stati i beniamini dei tifosi presenti ,essendo nati entrambi a Cardiff.
Tornando all'incontro invece posso dire che è stato veramente eccezionale, dato che si trattava di un Triple Threat Tag Team Match non era così scontato che potesse venire fuori un incontro così bello.

Dave Mastiff e Joe Coffey hanno letteralmente distrutto il ring nel loro Last Standing Match. Personalmente non amo tantissimo il Bomber ma in questo caso mi devo assolutamente ricredere, dato che entrambi hanno svolto un ottimo lavoro ,non risparmiandosi in nessun caso. L'ultimo a rimare in piedi è stato Joe Coffey ,anche se Mastiff qualcosina in più l'avrebbe certamente meritata.

L'attuale Nxt Uk Women's Champion Kay Lee Ray è riuscita a vincere il titolo proprio durante l'edizione di Cardiff di TakeOver battendo Toni Storm. Si è arrivati a questo incontro con una ottima costruzione che poi è proseguita anche nelle settimane successive a questa sfida. La contesa tra le due è stata piacevole ma probabilmente potevano e dovevano spingersi un pochino oltre .

Ed eccoci al Mein Event della serata . Questo incontro secondo me avrebbe potuto essere classificato come Match Dell'anno per la WWE. Quarantadue minuti di pura adrenalina con i due lottatori che hanno messo in scena un match epico. Riguardando questo incontro mi ha emozionato uguale allo stesso modo di quando l'ho visto la prima volta e pur sapendo che alla fine Walter avrebbe difeso con successo la sua cintura fino alla fine avevo il batti cuore a vedere Tyler Bate combattere in maniera sontuosa . La WWE non può permettersi di farsi sfuggire questo ragazzo , e mi auguro veramente di vederlo a Raw oppure a Smackdown veramente presto.

L'appuntamento con Nxt UK è per Sabato, ma vi ricordo che domani uscirà il Recap di Smackdown Live .


Fight Planet Italia

AEW Pubblicato in data 27/06/2020

AEW DYNAMITE: È il momento di Cassidy

Analisi DYNAMITE.

Nuovo appuntamento con la All Elite Wrestling. Andiamo a vedere cosa è successo questa settimana a DYNAMITE. Siamo all’ultimo stop come DYNAMITE prima delle due serate a tema FYTER FEST, che si preannunciano davvero esaltanti.

 

 

La serata inizia davvero bene con il Lumberjack Match tra Luchasaurus e Wardlow. Alla maniera tipica di questa stipulazione, succede un po’ di tutto. Con anche qualche notevole spot. Bella prova di entrambi, con Wardlow che vince imponendosi molto bene. Da notare la rissa finale. Due lottatori che potranno avere anche ruoli più importanti in futuro, specie in chiave di titolo TNT, anche il discorso tag team va considerato. Con Jungle Boy per il Luchasauro, e MJF per Wardlow, è un discorso che può starci. Opener intenso, ben combattuto, narrato bene e anche coinvolgente.

 

Match passerella per Hikaru Shida, che ci mette un battito di ciglia per sconfiggere la povera Red Velvet. Prima e dopo il match la AEW World Women’s Champion ha vari battibecchi con la sua sfidante al titolo, Penelope Ford. Scoppia la rissa con le due che vengono separate. Ottima mossa che fa aumentare l’hype e riesce a mettere entrambe in una posizione più verosimile in vista del match. Buonissima costruzione. Risultato che mi sento di indirizzare verso la conferma della nipponica.

 

La conferenza stampa in stile pugilato o MMA per il match tra Cody e Jake Hager, con il TNT Championship in palio, non mi è tanto piaciuta. Questo tipo di cose le trovo fuori contesto e penso non aggiungano nulla a livello di build up o aumento di attesa. Prendiamoci di buono il promo del Campione e Catalina Hager che gli versa l’acqua in faccia. Ma preferisco le classiche firme dei contratti in stile pro-wrestling, questione di gusti.

 

Non mi è tanto piaciuto neanche il tag team match di Mr. Brodie Lee in coppia con Colt Cabana, che hanno sfidato e sconfitto Sonny Kiss e Joey Janela. Incontro dal quale mi aspettavo di più, vittoria telefonata con schienamento di Cabana, concessogli dal Exalted One. Boom Boom sembra destinato a unirsi al Dark Order, che a FYTER FEST sfida la SCU. Dopo una partenza in pompa magna e la sfida per il titolo, Lee è ritornato a essere quel mid carder che è sempre stato, coinvolto in situazioni poco importanti e francamente dalla dubbia comprensione. Vediamo cosa riserverà il futuro, al momento tre passi indietro. Discorso identico per Archer, che arriva a fine match per attaccare Kiss e Janela. Due in teoria dei top super heel, relegati al momento al quasi nulla.

 

 

Rimaniamo in tema di coppie, ma cambiamo decisamente registro, in meglio. #FTR (Dax Harwood & Cash Wheeler) vs. SCU (“The Fallen Angel” Christopher Daniels & Frankie Kazarian) è stato un signor incontro di tag team wrestling. Una bella e armoniosa contesa. Anche qui il risultato forse troppo prevedibile già alla vigilia, infatti Harwood e Wheeler escono vincitori. Ma che bel match, tra due dei migliori team della federazione che negli ultimi anni, ben prima della nascita della AEW, sono stati il top della categoria. Da segnalare il ritorno di Fenix e Pentagon Jr. che, presentati da The Butcher and The Blade, si uniranno a quest’ultimi per sfidare gli #FTR e i Young Bucks, in un match 4 vs. 4 proprio a FYTER FEST. Non nego della curiosità di vedere come mixeranno i due stili, totalmente opposti, FTR e Bucks. Ottima idea, anche per rilanciare Butcher and Blade.

 

Altra settimana, altro squash match per Brian Cage. Che sconfigge Jon Cruz. È poi Taz a insultare Jon Moxley, non presente questa settimana, per continuare così la loro faida. Ricordate quanto detto poco più su sui super heel? Ecco, Cage è un wrestler che sa essere straordinario, ma ha il carisma e le qualità al microfono di un palo della luce. Per questo metterlo con Taz è stata una genialata, tuttavia non penso proprio sia arrivata ancora la parola fine per il regno di Mox.

 

 

Big Swole sale sull’auto di Britt Baker per buttargli addosso l’immondizia. Per me dopo l’infortunio della più immaginifica dentista del pianeta, la AEW ha saputo sfruttare al meglio questo spiacevole evento, girandolo a suo favore. Regalandoci ogni settimana una piccola chicca meritevole di attenzione. Merito, oltre che dell’infortunata, anche di Swole che magistralmente porta avanti la sua personale battaglia contro la rivale.

 

Altro match che non mi ha per niente convinto, è stato quello tra Santana (con Ortiz) e Matt Hardy. Un Hardy lento e macchinoso che non riesce a stare al passo del rivale, più tonico e esplosivo. Ma ci sta visto l’età rispettiva. La grande capacità del Broken in questi anni è stata quella di creare delle storie narrativamente affascinanti, coadiuvate da incontri di stampo cinematico che ne hanno accresciuto il valore e gli hanno dato una terza, se non addirittura quarta vita. I match 1-on-1 così, non lo aiutano a mio avviso, magari è stata solo una serata storta. Però ci aspettiamo che la AEW punti di più proprio sull’aspetto narrativo del suo personaggio per offrire tutto il meglio. Match che comunque vince grazie a un pin furtivo.

 

 

Il face off finale tra Chris Jericho e Orange Cassidy invece è andato come avevo immaginato. E cioè con il Freshly Squeezed che, dopo le vessazioni subite in queste settimane, si è preso la sua rivincita addirittura facendo finire Le Champion (sempre top in quanto a prestazioni parlate) attraverso un tavolo a seguito di un superman punch nella zona del pubblico. A FYTER FEST potrebbe esserci la consacrazione definitiva di Cassidy. A mio avviso un’occasione troppo ghiotta per la compagnia, da non sprecare. Deve vincere. Anche perché a Jericho onestamente una vittoria o una sconfitta cambia poco, non ha nulla da dimostrare. Mi auguro che la decisione sia questa. Così che anche Cassidy, visto il successo riscosso tra i fan, può accrescere la sua posizione e puntare perché no il TNT Championship.

 

Una puntata tutto sommato buona. Aperta e chiusa ottimamente. Nel mezzo un po’ di cose da rivedere.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Fight Planet Italia

IMPACT Pubblicato in data 25/06/2020

IMPACT WRESTLING: Il nuovo vecchio Fulton

Analisi IMPACT.

Ben ritrovati con IMPACT WRESTLING, andiamo a vedere cosa è successo questa settimana.  Episodio stravolto dopo i licenziamenti di Dave Crist e Joey Ryan, a causa delle accuse per molestie e abusi. Accadimenti che hanno travolto un po’ tutto il mondo del wrestling recentemente. Appoggiamo la scelta della federazione in toto, questi atti vili non si devono tollerare.

 

Inoltre la questione riguarda pure Michael Elgin, anche se lui a quanto pare ha già risolto a suo favore la cosa, legalmente, a gennaio. Al momento è solo sospeso, vediamo se questo avrà influenza sull’ IMPACT World Championship Match di Slammiversary.

 

Ma passiamo ai fatti del ring. Cominciando dalla sfida tra Tasha Steelz (con Kiera Hogan) e Nevaeh (con Havok). Le due ragazze si dividono equamente la scena offrendo tutto sommato una buona prestazione. Hogan più presente di Havok in chiave di disturbo, è anche il motivo della vittoria di Steelz, arrivata grazie a un furtivo e scorretto roll up. Decisione decisamente azzeccata a mio avviso, e giusta maniera per continuare questo feud. Per essere una rivalità diciamo minore, è molto ben fatta. Il bello deve ancora venire.

 

 

Alisha Edwards interrompe l’intervista di Deonna Purrazzo nel backstage e, dopo un alterco, la sfida a un match. Scelta non tanto felice. La Virtuosa infatti è autrice di un’esibizione dove emerge tutto il suo talento, facendo cedere la rivale dopo aver dominato l’incontro. A fine match, visto anche quanto accaduto durante Busted Open Radio, la IMPACT Knockouts Champion Jordynne Grace arriva infuriata, ma l’italo-americana lascia il ring. Con il match per Slammiversary ufficiale, un modo perfetto di aumentare l’hype e rendere questa sfida ancora più importante. Lavoro che entrambe stanno portando avanti egregiamente, Purrazzo si vede che ha voglia di affermarsi ad alti livelli finalmente. Grace da quando ha cominciato questa rivalità, la vedo più sul pezzo e nella parte. Anche più di quanto ha sconfitto Taya, magari è solo la mia impressione.

 

 

Segmenti di backstage che inoltre hanno portato al vile attacco dei campioni di coppia su Ken Shamrock. Ethan Page e il suo tag team partner lo hanno colpito alle spalle prima che questi salisse sul ring per affrontare proprio Josh Alexander. Dopo i fatti recenti mi sto convincendo sempre di più, anche se questa settimana non si è fatto vivo, che Shamrock si unirà a Sami Callihan per spodestare The North. Non lo so perché, ma ho questa sensazione.

 

Anche Moose è impegnato solo nel backstage questa settimana. In questa occasione a prenderlo in giro è Crazzy Steve, i due si affronteranno, per il TNA World Heavyweight Championship, nel prossimo episodio. Si prevede l’ennesima conferma in attesa del 18 luglio dove secondo me la compagnia ci sta preparando un bello scherzetto, ma ci arriviamo alla fine.

 

Ora torniamo all’azione con un altro match delle Knockouts. Taya Valkyrie affronta Susie. Quest’ultima fa quel che può tenendo bene testa alla Wera Loca, ma alla fine complice anche le solite interferenze del fedele Johnny E Bravo, deve arrendersi alla Road To Valhalla. A fine match l’ex campionessa si prende gioco dell’avversaria ed è dunque l’arrivo di Kylie Rae a evitare il peggio. Nuova sfida all’orizzonte tra le due. Mentre invece sul fronte Susie, aspettiamo impazienti che il suo alter-ego Su Yung ritorni a deliziarci, fino al 18 luglio di tempo ce n’è.

 

E ne ha avuto durante tutta la serata di tempo Johnny Swinger per trovare il terzo partner da affiancare a lui e a Chris Bey, per affrontare Cody Deaner, Cousin Jake e Willie Mack. Dopo aver ricevuto diversi no, da Taya Valkyrie, Hernandez (in realtà ha perso a braccio di ferro), Suicide e Rich Swann. Si, lo ha chiesto anche a Swann. In una serie di momenti super divertenti che vanno a collocare il buon Swing Man in cima alla lista delle cose positive della federazione senza alcun dubbio. Alla fine l’unico sì è stato quello di Rohit Raju e, nonostante il disappunto di Bey, si è rivelato addirittura fondamentale. Infatti l’ex Desi Hit Squad si è preso la Stunner che l’X-Division Champion stava per eseguire su Bey. Con quest’ultimo che ne ha approfittato per colpire e schienare il campione vincendo l’incontro. Sono ripetitivo, aspettiamo solo questo match con il titolo on the line. Match comunque piacevole dove anche i Deaners hanno ben figurato, va detto.

 

 

Il Main Event è la sfida tra Eddie Edwards e Madman Fulton (con Ace Austin). Incontro solido, i due hanno saputo tener fede ai loro personaggi andando a dividersi ottimamente gli spazi durante il match. Vi ricordate quando dicevo di Fulton monster heel da provare a tutti i costi? Ecco, credo che questo incontro sia stata una sorta di prova. La sua vittoria poi, contro un ex World Champion e veterano come Edwards, dà ancora più credito e se vogliamo importanza a quanto ipotizzato. Dopo il match con Shamrock palesemente cannato anche per via dell’infortunio a Hard To Kill, sembra essere arrivato nuovamente il suo momento. Vediamo come si sviluppa l’alleanza con Austin e a cosa porta. Se la sospensione di Elgin dovesse essere confermata anche per le prossime settimane (non credo a dire il vero) magari potrà essere proprio Fulton, anche tradendo chissà proprio Austin, a entrare nel discorso del titolo. Ha comunque schienato, pulito e senza interferenze, uno dei partecipanti a quel match. Un piccolo indizio già c’è. Non è un discorso troppo fantasioso.

 

Andiamo più di fantasia con la suggestione del rientrante misterioso World Champion. D’Lo Brown ha chiuso la puntata al telefono accennando agli Aces & Eights. Ora, se vogliamo vedere le vignette sotto una certa luce, il whiskey, i bicchierini. Gli indizi ci sono. E se fosse Bully Ray a fare clamorosamente ritorno a Slammiversary? A questo punto sembra troppo telefonata come cosa, ma è comunque molto suggestiva. Potrebbe essere una mossa volta solo a giocare con i fan, ci sta. Come ci potrebbe anche stare, ma non ne sarei felice in verità, una riesumazione della vecchia stable sotto una nuova gestione. Io sono più per lo scherzetto, poi se dovesse arrivare Bully Ray, sarei comunque contento. Uno dei migliori heel nonché World Champions nella storia della compagnia.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Fight Planet Italia

INDIES Pubblicato in data 13/05/2020

NWA: Back of the Power hour

Recap NWA Super Power

La NWA è stata tra le pochissime federazioni nel panorama americano a fare un passo indietro a causa della pandemia: show sospesi e annullamento del PPV che probabilmente avrebbe dato un verdetto sul futuro della compagnia. Sebbene Power sia tornato con l'episodio speciale registrato prima del disastro il futuro è una incognita, a causa del fresco annuncio di Billy Corgan, che riguarda un nuovo show che sostituirà Powerrr dalla prossima settimana chiamato Carnyland, definito come "una idea pazza e innovativa" dallo stesso patron della NWA.

 

Quanto a SuperPower ad ogni modo, il ritorno sulle scene è nel perfetto stile NWA: senza sussulti, in maniera perfettamente coerente a sé stessa. Tutto riparte dal punto in cui si era fermato, nominando ancora la Crockett Cup come prossimo obiettivo, lasciando dunque intendere che prima o poi l'evento avverrà, sebbene in modalità ancora ignote.

 

E avverrà con trame che giungeranno al proprio naturale esaurimento, evolute in maniera naturale senza costrizioni, come avvenuto nelle 20 puntate precedenti: con Nick Aldis, vincitore assieme a Tom Latimer nel main event contro Marty Scurll e Brody King, che difenderà il titolo del mondo contro il Villain. Un vero peccato il fatto che la sospensione abbia completamente ammazzato l'hype dell'incontro tra i due, ma sarà ugualmente piacevole giungere a compimento della rivalità.

 

Rivalità titolata che si compie definitivamente anche sul fronte femminile: pare infatti prossimo un match a tre tra Thunder Rosa, Allysin Kay e Melina. Tutto sviluppato in maniera molto semplice ma efficacissima, se teniamo conto che la tensione tra le tre è partita praticamente dai primi episodi e si è sviluppata nell'arco di mesi senza mai perdere colpi e anzi, offrendo anche incontri di notevole fattura.

 

Discorso simile per le varie rivalità minori: quella tra The Pope e Eddie Kingston, che coinvolge ora anche i campioni di coppia James Storm e Eli Drake e quella tra Aron Stevens e Trevor Murdoch, con la presentazione di "Question Mark Junior", che si unisce alla stable del National Champion. Per il resto la puntata ha offerto, oltre che un solido match senza squalifiche tra Tim Storm e Jax Dane, il debutto sul ring di Kamille, che non ha mantenuto la promessa di parlare a fine incontro ma ha fatto ugualmente sentire la propria voce attraverso una bellissima clip che la introduce benissimo come character.

 

Nonostante la (si spera momentanea) assenza della Crockett Cup, la NWA si consacrerà? Difficile dirlo; per il momento possiamo solo sperare che la richiesta di fiducia di Billy Corgan a fine puntata venga ripagata.

 

----

 

NWA stepped back due to the pandemic: they stopped their shows and canceled the PPV that would have given them a big hint on their future.
Despite the fact that Power is back with the special episode taped before the disaster, future is unknown, and Billy Corgan announced a new weekly show that will be air instead of Powerrr starting next week called 'Carnyland'. Corgan said this is a crazy concept.

 

Speaking of Power, the return is in perfect NWA style: there are no gasps, in a very logical way. Everything started back frome where it stopped and the Crockett Cup seems still to be the focus. We can understand from what we saw that the Crockett Cup there may be, in ways we don't know.

 

Some plots are ending in a very natural way, whitout any forcing, as we saw in the 20 episode before Super Power, with Nick Aldis, winner alongside with Tom Latimer in the main event against Marty Scurll and Brody King, defending his World Championship against the Villain. Unluckily the suspension of the show killed many of the hype between the two of them, but it will still be good to see how it will end.

 

The women's championship picture is also coming to a solution: there will be Three Way Dance between Thunder Rosa, Allysin Kay and Melina. It all grown up in an easy way but it was very solid, with the tension between them started in the very early episodes of Power and some very good matchs.

 

For the minor storylines, the feud between The Pope and Eddie Kingston involve now also the tag team champions Eli Drake and James Storm, just like the rivarly between Aron Stevens and Trevor Murdoch involve now the new 'Question Mark Junior' who had joined the stable. In this episode there was also a very solid match between Tim Storm and Jax Dane and the in ring debut of Kamille, who did not keep the promise to speak after the match, but still made her voice heard by a beautiful videoclip that told her story.

 

Despite the absence (we hope just for now) of the Crockett Cup, will NWA consacrate itself again? It's very hard to say, but at the moment we can just hope that the faith that Billy Corgan asked for will repay.


Fight Planet Italia

APPROFONDIMENTI Pubblicato in data 25/06/2020

TOP TEN - I Migliori Match di Undertaker

La vostra classifica sui migliori incontri del Deadman

Dopo l'annuncio shock del ritiro avvenuto nell'ultimo episodio di "The Last Ride", abbiamo chiesto ai nostri fan di votare i 10 migliori match di Undertaker. Questa è la classfica che è uscita con i vostri voti:

 

 

10 - vs Stone Cold Steve Austin - Backlash 2002

L’epico scontro fra i due apre la nostra classifica dei vostri migliori 10 match del Becchino. Undertaker, in versione American Badass, affronta uno dei beniamini del pubblico, Stone Cold Steve Austin, in quella che diventa una vera e propria rissa fra due tipi tosti. Vero complice della vittoria di Undertaker fu l’arbitraggio di Ric Flair, che contò lo schienamento di Austin non accorgendosi che il Texas Rattlesnake avesse il piede sulla corda più bassa. Match interessante e davvero divertente, tra due icone dei primi anni 2000.

 

 

 

9 - vs Kane - Inferno Match - Unforgiven 1998

Non il migliore incontro di Undertaker, ma sicuramente uno dei più memorabili soprattutto per la messa in scena: vedere il ring circondato dalle fiamme è un immagine davvero forte, che perfettamente si adatta all’aura “infernale” del rivale Kane, il fratellastro di Taker da poco apparso in federazione e pronto a vendicarsi dei torti subiti in gioventù. La stipulazione altamente spettacolare (per vincere bisogna dar fuoco all’avversario) lo rendono uno dei Gimmick Match più significativi della WWE.

 

 

8 - vs Brock Lesnar – Wrestlemania 30

Il momento più scioccante nella storia di Wrestlemania: in maniera totalmente anticlimatica, dopo un esibizione di forza bruta, Brock Lesnar ottiene il primo tre vincente contro Undertaker allo Showcase of Immortals. Ricordo di non aver parlato per una buona mezz’ora, consapevole di aver assistito alla storia. Il match non è sicuramente un capolavoro, complice anche una brutta commozione celebrale del Becchino il quale, stoicamente, continuò a combattere per difendere la sua imbattibilità. Nessuno si aspettava che the Beast, quella sera, diventasse “The One in Twenty-One and One”. Un momento storico che ogni vero fan di Taker deve vedere.

 

 

7 - vs Triple H – No Holds Barred - Wrestlemania 27

Se si poteva credere che la Streak non sarebbe mai stata conquistata, il primo dubbio è venuto guardando questo match. I due si scontrano con in palio l’onore, nel massimo rispetto uno dell’altro ma pronti a metterci l’anima per portare a casa il risultato. Undertaker metteva sul piatto della propria bilancia la sua imbattibilità e, nonostante un avversario agguerrito e deciso a fare la storia, riesce a vincere la battaglia, uscendo però di scena in barella. Una scena che ci fece capire che la Streak, prima o poi, poteva essere conquistata…

 

 

6 - vs AJ Styles - Boneyard Match – Wrestlemania 36

Tra le tantissime innovazioni di cui Undertaker è stato protagonista, questa credo sia la perfetta per il suo personaggio e la sua età attuale. I due si affrontano in una sorta di Fienile abbandonato, con l’obbiettivo di seppellire vivo l’avversario. Il tutto, però, viene girato come un film, allontanandosi quindi dagli schemi classici dell’incontro di wrestling. Le motivazioni le sappiamo tutti: il Covid-19 ha impedito la partecipazione del pubblico a Wrestlemania 36, costringendo la federazione ad uno show a porte chiuse, dove non sono mancati però dei momenti epici. Uno su tutti, questo match “cinematico”, davvero divertente da vedere ed emozionante. Una formula perfetta per Undertaker, cha ha potuto così coreografare ed editare l’incontro senza cadere in vistosi botch, frutto dell’età e dei tanti acciacchi, come già successo a Crown Jewel mesi prima. Inoltre, l’utilizzo del montaggio ha esaltato ancora di più le sue “doti paranormali”, aggiungendo epicità all’intero incontro. Non è un match da considerarsi grandioso per il lottato, ma sicuramente per l’innovazione che ha portato sullo schermo.  

 

 

5 - vs Kurt Angle No Way Out 2006

Due sole parole: MAMMA MIA! I due sono protagonisti di quello che ritengo sia il miglior match del Becchino, che si amalgama perfettamente con lo stile di Kurt Angle. Entrambi sono in grande spolvero e in condizioni fisiche eccellenti e riescono a mettere in scena un incontro incredibile, con continui rovesciamenti di fronte ed una intensità ASSURDA. Il finale incerto, inoltre, rende perfetta giustizia: nessuno merita di uscire sconfitto pulito da questo show! Poco altro da aggiungere, guardatelo e non resterete delusi!

 

 

4 - vs Shawn Michaels – Wrestlemania 25

Il primo confronto fra i due, da molti considerato quasi migliore del successivo, vinse il titolo di “Match of the Year” di quell’anno e, riguardandolo oggi, si capisce chiaramente il perché. Nonostante non ci sia una gran storyline a supportarlo (situazione ben diversa l’anno successivo), i due mettono in scena un match emozionante, dal finale sempre incerto e dalla tensione palpabile. Lo scontro fra le “oscure tenebre” rappresentate da Undertaker e la “luce divina” impersonificata da Shawn Michaels è davvero di alta qualità. Da qui la volontà di replicarlo l’anno successivo, alzando la posta in gioco. Questo incontro rappresenta l’inizio della fine per Shawn Michaels ed una grande prova di Undertaker. Il punto zero di una delle storyline più belle di sempre.

 

 

3 - Vs Mankind – Hell in a Cell Match – King of the Ring 1998

“Quale è stato il miglior Hell in a Cell nella storia della WWE?”. A questa domanda, il 99% dei fans di wrestling risponderà con questo match. Mick Foley compie una prestazione al limite dell’impossibile, facendosi lanciare dall’Undertaker dalla cima della cella sul tavolo di commento, per poi risalire nuovamente sulla cime e venire proiettato attraverso la cella direttamente nel ring con una Chokeslam. Due bump clamorosi, primi nel loro genere, che sono diventati una icona della WWE. Undertaker è in grande spolvero ed all’apice della sua carriera, con questo incontro e grazie al sacrificio di Mankind, rafforza ancora di più la sua efferatezza come inarrestabile macchina da guerra. La parte lottata di questo match non è il massimo possibile, figlia anche dei due voli di Foley che, per inciso, avvengono PRIMA del suono della campanella. Ma se volete un match che vi lasci a bocca aperta, questo è il migliore possibile.

 

 

 

2 - Vs Triple H – Hell In a Cell Match – Wrestlemania 28

“The End of an Era”, la fine di un’epopea durata quattro anni, che ha visto cadere HBK per due anni consecutivi e Triple H al primo tentativo. Adesso i due della DX tentano l’ultimo assalto, costringendo il Becchino ad un vero e proprio miracolo: affrontare Triple H in un Hell in a Cell con Shawn Michaels come arbitro speciale. Taker si trova davvero con le spalle al muro e la sua Streak non sarà mai così tanto vicina ad essere conquistata, ma incredibilmente riesce a resistere all’assalto di The Game, aiutato non poco da un arbitraggio fazioso, e a mantenere la sua striscia di imbattibilità. L’abbraccio finale fra i tre, che si sostengono a vicenda mentre escono dallo stage, è il perfetto coronamento di un Era di grandi atleti e combattenti, incamminati gloriosamente verso la via del tramonto. Epico.

 

 

1 - vs Shawn Michaels – Carreer vs Streak – Wrestlemania 26

E qui, signore e signori, tanto di cappello. L’ultimo Match dell’Heartbreak Kid (escludendo il suo ritorno One Night Only a Crown Jewel) è considerato da molti il miglior match nella storia di Wrestlemania. La costruzione della faida è stata una delle più belle degli ultimi anni, con Michaels che tenta di tutto per affrontare nuovamente l’Undertaker a Wrestlemania, dopo la sconfitta subita l’anno prima. La tensione crescente fra i due è palpabile per tutto il lungo periodo di costruzione e si arriva allo Showcase of Immortals con la netta sensazione di essere davanti alla resa dei conti definitiva: da un lato la striscia di imbattibilità dell’Undertaker, vera e propria icona di Wrestlemania, dall’altro la Carriera di Shawn Michaels, che quella sera scrisse il suo ultimo capitolo. Match imperdibile per ogni vero appassionato di wrestling, dove i due mettono in scena una vera e propria “clinic” di Storytelling sul quadrato.

 


Fight Planet Italia

INTERVIEWS Pubblicato in data 14/06/2020

INTERVIEW: JEREMY MARCUS (NJPW Refree)

Con la ripartenza della NJPW dalla prossima settimana, abbiamo voluto intervistare qualche "addetto ai lavori" della più grande federazione giapponese. Abbiamo avuto il piacere di fare qualche domanda a Jeremy Marcus, arbitro di grande esperienza nella promotion nipponica e non solo, cercando di scoprire qualcuno dei suoi segreti ed imparando qualcosa dal ruolo di arbitro di wrestling.

 

Come è nata la passione per il wrestling? Quali sono stati i personaggi che ti hanno fatto innamorare della disciplina?

Ho iniziato a guardare il wrestling da bambino perché mio fratello maggiore noleggiava le videocassette del WWF dal nostro negozio di video locale. Dopo qualche anno lui è cresciuto ed ha smesso, mentre io sono stato catturato dal dramma e dalla fisicità. Non guardavo gli sport, ma mi piaceva perdermi nel mondo del wrestling. The Undertaker, Shawn Michaels, The Ultimate Warrior e Razor Ramon erano alcuni dei miei preferiti.

 

How did the passion for wrestling come about? What were the characters that made you fall in love with the discipline?

I started watching wrestling as a toddler because my older brother would rent WWF tapes from our local video store. After a few years, he grew out of it but I was hooked by the drama and physicality. I didn't watch sports but I loved to get lost in the world of wrestling. The Undertaker, Shawn Michaels, The Ultimate Warrior and Razor Ramon were some of my favorites.

 

 

Quali sono i tuoi obbiettivi primari come arbitro?

Il mio approccio è quello di migliorare l'incontro senza venir distratto dai lottatori. Cerco di essere attivo sul ring, non di intralcio ma in grado di contare quando necessario. Spero che, essendo in buona posizione, il dramma dell'incontro venga intensificato.

 

How did you approach the role of referee?

My approach to being a referee is to enhance the match without distracting from the wrestlers. I try to be active in the ring so I am not in the way but am in position to count when needed. I hope that by being in good position, the drama of the match is heightened.

 

 

L'arbitro ha una funzione fondamentale nel wrestling. Vuoi spiegarci brevemente quali sono i compiti più importanti di un arbitro in un match?

Gli arbitri prima di tutto applicano le regole del wrestling. Tuttavia, siamo anche lì per aiutare i lottatori a stare al sicuro. Se dobbiamo terminare un incontro a causa di un infortunio, abbiamo la facoltà di farlo.

 

The referee has a fundamental function in wrestling. Do you want to briefly explain to us what are the most important tasks of a referee in a match?

Referees first and foremost enforce the rules of wrestling. However, we are also there to help the wrestlers be safe. If we need to end a match due to an injury, then we have the discretion to do so.

 

 

Ci sono state situazioni nella tua carriera in cui dovevi fare delle scelte fondamentali per la sicurezza degli atleti?

Sì, sfortunatamente c'è un lato pericoloso del wrestling e gli atleti rischiano di farsi male. Un lottatore una volta si è rotto una gamba durante un incontro, quindi ho dovuto terminare immediatamente il match e chiedere aiuto. Se un lottatore subisce un infortunio alla testa e non risponde, è mio dovere come ufficiale terminare l'incontro.

 

Have there been situations in your career where you had to make fundamental choices for the safety of athletes?

Yes, unfortunately there is a dangerous side to wrestling and athletes to get hurt. A wrestler once broke his leg during a match so I had to immediately end the match and call for help.
If a wrestler suffers a head injury and is non-responive then it's my duty as an official to end the match.

 

 

L'arbitro gioca anche un ruolo nella scelta dell'andamento della partita o esegui ciò che viene deciso da atleti e booker?

No, nella mia esperienza, reagisco solamente in base all'azione sul ring.

 

Does the referee also play a role in choosing the progress of the match or do you perform what is decided by athletes and bookers?

In my experience, I react based on the action in the ring.

 

 

Il wrestling si è evoluto molto negli ultimi anni. Anche il ruolo di arbitro ha subito la stessa evoluzione?

Sì, gli arbitri devono tenere il passo con i lottatori poiché ci sono atleti straordinari. Non è sufficiente solo contare i tre, dobbiamo avere la resistenza fisica per seguire i lottatori nelle loro azioni sul ring. Inoltre, con una maggiore attenzione al trauma cranico e alla sicurezza del lottatore, dobbiamo essere consapevoli se un wrestler si è gravemente ferito in un match.

 

Wrestling has evolved a lot in recent years. Has the role of referee also undergone the same evolution?

Yes, referees have to keep up with the wrestlers as there are tremendous athletes in there. It is not good enough to just count the three, we have to have the cardio to follow the wrestlers around the ring. Also, with increased focus on head trauma and wrestler safety, we need to be aware if a wrestler has been seriously injured in a match.

 

 

Qual è stata il match più importante della tua carriera? E il migliore che hai arbitrato?

Direi che Roppongi 3K vs SoCal Uncensored di Strong Style Evolved 2018 è stato il più importante, perché è stato il mio primo grande incontro con la NJPW. Mi ha permesso di lavorare con l'azienda su base continuativa. Il più bell'incontro che ho arbitrato è stata Finjuice vs G.O.D. per gli IWGP Heavyweight Tag Team del tour New Beginning USA 2020. E' stata una contesa molto combattuta e per questo ho dovuto stare davvero attento.

 

What was the most important match in your career? And the best match you have ref?

I would say Roppongi 3K vs SoCal Uncensored from Strong Style Evolved 2018 was the most important because that was my first big match with NJPW. It opened the door for me to work with the company on an ongoing basis.
The best match I reffed was Finjuice vs G.O.D. for the IWGP Heavyweight Tag Team Championships from the New Beginning USA 2020 tour. It was a hard fought match and I really had to be on my toes for it.

 

 

Quali sono gli obiettivi della tua carriera che vorresti raggiungere?
Vorrei arbitrare nel Madison Square Garden. La NJPW avrà proprio in quell'arena Wrestle Dynasty nel 2021, spero di avere una possibilità per allora.
Vorrei anche arbitrare un torneo in Giappone e arbitrare match in singolo al Tokyo Dome!

 

What are the goals in your career that you would like to achieve?
I would like to referee in Madison Square Garden. NJPW is having Wrestle Dynasty there in 2021 so hopefully I get a chance then.
I would also like to referee a tournament in Japan and referee a singles match at the Tokyo Dome!

 

Ringraziamo ancora Jeremy Marcus per la disponibilità, preparandoci a vederlo presto in azione dalla prossima settimana in NJPW.


Categorie