WWE

WWE SMACK DOWN - Gli uni(ficati) e gli altri?

WWE SMACK DOWN - Gli uni(ficati) e gli altri?

Analisi Smack Down Live

WWE Pubblicato in data 22/05/2022 da Andrea Capruzzi

Occhi puntati  per Smack Down che diventa un punto di non ritorno sia per la questione della unificazione dei titoli di coppia dei due brand ma anche, se non soprattutto, per capire quale sarò la risposta della federazione al tanto parlato caso Sasha-Naomi e delle possibili conseguenze .Ma quali aggiornamenti ha lasciato intendere lo show blu e quale strada sembra essere stata presa?

 

Primo scontro tra Shinsuke Nakamura e Samy Zayn, vinto dal nipponico dopo una contesa divertente ma ben lontana dal potenziale che possono raggiungere i due (come visto nel loro match a NXT TakeOver: Dallas); un faccia a faccia che si prospetta essere il primo passo per creare una faida tra i due in modo da mantenerli attivi senza sprecare il momento d’oro di Zayn e non bruciare Nakamura come papabile sfidante di Roman Reings anche se non ancora tale scontro potrebbe essere ben lontano dall'accadere.

 

Nuovo episodio dello show più felice del modo, l’Happy Talk, condotto da un Happy Corbin più serio del normale che, dopo aver rivendicato di aver infortunato (in chiave Keyfabe) l’ex battutista personale Madcap Moss, distrugge il trofeo della Andrè The Giant Memorial Battle Royal rubato a quest'ultimo. Una ottima scrittura del Lone Wolf da vero Heel che riesce ad impressionare il pubblico rinnovando l’odio ne suoi confronti dando anche il motivo cardine per un inasprimento del personaggio di Moss, dato il colpo basso di aver distrutto un traguardo importante per quest’ultimo. Resta da vedere come verrà gestito in futuro lo scontro tra i due e se Corbin dovrà condurre in solitaria il feud a causa dell’assenza ddell'avversario per vendere l’infortunio dell’ex campione 24/7 ( con un probabile rientro in tempo per l’Hell in a Cell) e come, o soprattutto se, riuscirà a mantenere alto l’interesse da parte del pubblico sulla faida.

 

Continua la distruzione da parte di Gunther ai danni di Drew Gulak con l’austriaco che sconfigge il Submission Magician in un match senza storia, tendando poi di infierire nel post match salvo però venire interrotto dal campione intercontinentale Ricochet arrivato per salvare Gulak. Un intervento che può suggerire un imminente  scontro tra il Ring General e il One and Only, voglioso di vendicare l’amico, conin palio il suo titolo.

 

Debutto in un segmento con Adam Pearce il fu L.A. Knight , ribattezzato in Max Dubri, che si presenta come il proprietario della Maximum Male Modelin, società di reclutamento per “modelli”, entrato in collaborazione con la WWE grazie ad un contratto stipulato con Sonya Deville. Un debutto che aleggiava da qualche tempo (da metà Aprile circa) dopo alcune notizie che vedevano Dubri esibirsi nei Dark Match dello show Blu  al affiancato di Mace, ex Retribution, ronominato in Face. Una stable che può contare sulla bravura dell’ex LA Knight ma che potrebbe risultare stucchevole proponendo delle gimmick stucchevoli, quali quelle dei modelli lottatori, un po’ antiquate.

 

Vengono forniti aggiornamenti sulla situazione inerente ai titoli di coppia femminili con Micheal Cole che comunica, dopo aver ribadito la poca professionalità di Sasha Banks e Naomi, come le detentrici dei titoli sono state sospese in maniera indefinita e che sarà instituito un torneo per decretare le nuove campionesse della categorie . Una presa di posizione da parte della federazione che alcuni siti di settore avevano riportato (anche se si limitava a riportare una rimozione solo dai Live Event),nonostante fosse stata smentita dal marito della Blue Print, e che potrebbe essere vista come un tentativo di temporeggiare per trovare un accordo tra le parti programmando un eventuale rientro delle Ex Team B.A.D .Va riconosciuto che l’idea di instituire un torneo potrebbe rivelarsi molto interessante sia per l’evento in se per se dato che potrebbe vedere la presenza di squadre provenienti anche da NXT, sia per mettere in luce il vivaio della federazione oltre che a “rimpolpare” la divisione del Main Roster, sia per le dinamiche future qualora Sasha e Naomi tornino in azione andando a creare uno scontro per decretare l’Undisputed Women Tag Team Champions (citando quasi la faida pre Summerslam 2011 tra John Cena e CM Punk per eleggere l’Undisputed WWE Champion). Una decisione molto interessante che di fatto è stata “causato” dalle azioni, al di là del legittime o non, di Sasha Banks e Naomi che sono riuscite nel loro intento di rendere interessante ( seppur lontano dall'essere rilevante) lo scenario dei titoli di coppia e che la WWE, citando il credo di Erick Bishop per cui “ Le controversie creano denaro”, potrebbe sfruttare per costruire una storia degna di nota oltre che a presentare le “rivoluzionarie” con due personaggi più maturi e non piatti come abbiamo visto fino ad ora. Una piccola speranza che però sembra rimanere tale dato che la federazione e le due wrestler sembrano sempre più lontano dal raggiungere una intese con la prima che ha iniziato una campagna di “rimozione” di ogni riferimento alle due ex campionesse ( partendo dalla sospensione del  merchandising fino alle clip della Boss nella intro di Level Up) e con queste che hanno modificano ogni riferimento alla WWE sui loro canali social. Una prassi che al momento non sembrerebbe preventivare un rilascio delle campionesse ma che comunque mostra come il clima sia più teso che mai.

 

Si arriva alla parte finale della puntata con lo scontro di unificazioni dei titoli di coppia della federazione, vinto dagli Usos ( come erroneamnete spoilerato dalla stessa federazione durante la settimana) al termine di una contesa titolata ben lottata ma che non rende giustizia al clima creatosi per lo scontro. Vittoria che avviene con la duplice interferenza da parte di Paul Heyman, prima, ed di Roman Reigns poi, che nel post match infierisce sugli avversari con un brutale pestaggio sotto gli occhi attoniti del pubblico presente. Un finale che lascia poco spazio all’ipotesi di un rematch tra le coppie  visto il comunicato della federazione nelle ore a seguire della puntata che comunica come Riddle e Orton siano sotto osservazione medica per un possibile infortunio: un infortunio che, stando ad alcuni siti di settore, potrebbe essere legato alla storyline in modo da far affrontare Roman Reigns prima con l’Original Bro a Money in The Bank e poi The Viper a Summerslam. Un Rumors che potrebbe giustificare anche l’intervento del Tribal Chief nel match, ma che comunque sembra molto forzato lasciando di fatto gli Usos senza degli avversari credibili già dalla prima difesa titolata. Resta da capire anche cosà porterà l’unificazione degli stessi che, seppur sia stata molto accattivante da vedere, potrebbe rilevarsi poco funzionale visto che la categoria di coppia continua ad avere poche alternative fresche da contrapporre ai campioni samoani (salvo gli Street Profits che, nonostante il loro recente seppur non ufficializzato turn Heel, potrebbero essere i prossimi sfidanti) oltre che al rischio di rendere poco felici i network che hanno sempre preferito una divisione marcata dei Brand.

In conclusione, la puntata settimanale di Smack Down offre uno show incentrato sull’unificazione dei titoli di coppia ma dando però pochi spunti per gli altri feuds, sviluppati in maniera troppo lineare e poco approfondita. Non colpisce il lottato, che nonostante il pubblico presente dai primi scambi, rasenta  la media qualitativa che si potrebbe vedere in uno show settimanale deludendo le aspettative con il main event tra gli Usos e gli RK-Bro, ben condotto ma che visto il pathos avrebbe potuto offrire qualche cosa di più. Grava sull’interesse generale della puntat anche l’assenza della campionessa Ronda Rousey andando a rendere vano quanto detto settimana scorsa definendosi una campionessa “combattente”; una pausa dovuta a forze maggiori e che però evidenzia come la Hall of Famer UFC sia la vera vittima della vicenda Banks-Naomi dato che si trova senza sfidanti e con una divisione femminile già decimata nel roster Blue ed ancora più “contata” visto l’imminente torneo di coppia. Una soluzione potrebbe essere quella di far scontrare Ronda con Becky Lynch, al momento rimasta senza impegni per i prossimi mesi,di modo da creare il tanto agognato rematch di Wrestlemania 35 .Tante speculazioni che di fatto mostrano uno smarrimento da parte del brand che, al di là dell’unificazione, non ha mostrato particolare attenzione nel costruire una valida alternativa alla faida principale anche a causa, spezzando una lancia in favore della WWE, dei recenti sviluppi. Va bene pensare all’unificazione, ma agli altri chi ci pensa?



Fight Planet Italia

WWE Pubblicato in data 20/06/2022

WWE TOP E FLOP: Episodio 0

Il meglio ed il peggio della settimana del 19/06/2022

Si è conclusa la settimana di werestling targata WWE ricca di eventi e destinata a rimanere negli annali della storia della federazione sia per le vicende extra ring, ma anche per quello visto nel fine settimana con lo scontro valevole per i titolo massimi della federazione e per ciò che ne è conseguito. Ma se dovessimo fare una lista tra i  momenti più interessanti e quelli meno della settimana, quali sarebbero il migliore? ed i peggiori? Benvenuti con una nuova rubrica targata FPI che fa proprio questo chiamata Top e Flop.

 

TOP: Brock Lesnar (Smack Down)

Si dimostra ancora una volta l’asso della manica della WWE Brock Lesnar che, con il suo ritorno, riesce a sollevare gli ascolti( complici anche vari altri fattori) e risollevando l’interesse per un titolo indiscusso poco celebrato in queste settimane oltre che a creare un grande Hype in vista dello scontro titolato di SummerSlam contro Roman Reigns. Resta da capire come sarà gestita una faida a lungo termine con protagonisti due “Part Timer” che, fino ad ora, non hanno brillato per presenze e capire come faranno a rendere interessante uno scontro che sulla carta sembra vedere Lesnar come sconfitto in virtù anche degli impegni, già pubblicizzati, di Roman Reigns in particolare con Drew McIntyr al PPV Bash Under the Castle. Fatto sta che il nome di Brock Lesnar è sempre simbolo di successo a Stanford e con questo ritorno non ne è stato da meno; Garanzia.

TOP: Seth Rollins (Raw)

Che l’architetto stesse vivendo uno stato di grazia senza precedenti è innegabile, ma nella puntata di Raw ha dimostrato ancora una volta di essere una figura fondamentale nel roster attraverso una intervista nel Locket Room da autentico Heel di razza e poi vincendo il match di qualificazione per il Money in The Bank Ladder match contro Aj Styles in un ottimo incotro. Una vittoria che potrebbe far fantasticare su una vittoria di Seth, unica superstar a vantare uno status idoneo per battere Roman Reigns e diventare campione indiscusso ed ottenere un titolo accostatogli tanto tempo e che merita di conquistare permettendo così di tornare ad occupare la parte più alta della card.Fondamentale!

TOP: Cameron Grimes (NXT 2.0)

Buona prestazione parlata per Grimes che ottiene una Title Shot dopo aver attaccato verbalmente Bron Brakker accusandolo di essere il campione solo a causa della sua illustre discendenza oltre che a ribadire come tutti conoscano il padre del campione NXT quando nessuno conosce il suo nonostante sia stato anch'egli un wrestler e promoter (Trevor Lee ). Una costruzioni della fauda molto interessante e che vede finalmente Grimes ottenere la sua prima occasione per il titolo massimo di NXT. staremo a vedere cosa ci riserverà la faida in vista di Great american Bash ma già da questo primo promo che mostra un Grimes in grande spolvero si può solo che sperare bene. Graziato

FLOP: Vince McMahon (Smack Down)

Lasciando al di fuori le vicende extra ring, il “discorso” del Chairman ha portato con se molta aspettativa per la puntata, ma che si è risolta con il patron della WWE parlare al pubblico per pochi minuti: Una scelta da un punto di vista pratico forzata in quanto è difficile immaginare di sentire un giudizio personale sulla vicende, specie con una indagine in corso, ma che risulta ancora più goffa e forzata nel contenuto con Vince che, dopo essersi aggiudicato il favore del pubblico, mette al centro di questo le parole presenti nella intro dei programmi WWE concentrandosi sulla parola “Togheted”, insieme. Una scelta di parole molto strana e poco in linea con quanto accaduto in settimana in quanto tale scandalo sembrerebbe essere stato fatto da una piccola parte della dirigenza WWE e che, probabilmente, vedrà sanzionati una piccola parte di questi creando delle disparità a livello di giustizia. Una interpretazione che però non va ad intaccare il vero scopo della presenza dell’ex Chairman, ovvero quella di mostrare uno stato di tranquillità generale del diretto interessato di modo da mostrare come la leadership della federazione si ancora ben salda; una strategia già mostrata, stando ai rumors, nel backstage con continui appelli ad atteggiarsi a“tutto come prima” nel tentativo di mantenere l’ordine anche se, in tempi dove le notizie corrono molto veloci, sembrerebbe difficile da immaginare ed uscite del genere potrebbero solo creare altro heat. Incoscente  

 

FLOP: La gestione di Aj Styles (Raw)

Continua il momento nero di Aj Styles con la sconfitta subita a Raw per mano di Seth Rollins, che sancisce l'estromissione del Phenomenal dal Money in the Bank Match. Un responso a dir poco negativi che si aggiunge alla lista dei risultati poco incoraggianti in questa prima parte dell'anno che ha visto Aj sconfitto negli incontri più importanti. Ad aggravare il tutto è la gestione poco chiara del Fenomenale che, dopo gli ultimi sviluppi del Judgment Day, sembra non avere nessuno questione in sospeso con i tre lasciando ad Edge il compito di vendicarsi sui suoi ex adepti anche se non è da escludere in team tra la Superstar Vietata ai Minori ed Styles, mandando in fumo mesi e mesi di costruzione tra i due. Un lusso quello di vanificare mesi e mesi di costruzione esagerato considerando anche che il Fenomenale abbia ancora poco tempo a disposizione prima del ritiro dal ring. Un vero peccato visto anche i possibili spunti per creare storie più avvincenti come ad esempio una faida con Theory per consolidare il regno del rampollo di Vince McMahon, come sfidante per il titolo del neo campione Gunther oppure andando contro Roman Reigns per il titolo indiscusso, visto la mancanza di sfidanti,ecc. Speculazione che si spera vengano vagliate dal team creativo perchè vedere Aj Styles vagare senza meta fa male all'anima. Misericordioso.

FLOP: Giovanni Vinci (NXT)

Vince ma non convince il nuovo personaggio del fu Fabian Aichmer che ,nonostante il cambio di gimmick, non riesce a rendere il wrestler diverso dalle sue versioni precedenti: dopo le vignette viste le settimane precedenti ci si poteva spettare una maggiore “italianicità” a partire dai promo, molto coraggioso nell'essere fatta solo in italiano, ma che vede come unico riferimento al Bel Paese solo la la catchphrase “Veni, Vidi, Vici”. Un altro aspetto poco esplorato è latteggiamento di Vinci, ovvero se si tratti di un Face o di un Heel dato pochi elementi espliciti durante l'incontro seppur facendo intuire un possibile riferimento al mondo dei cattivi. Giovanni Vinci rimane un personaggio sicuramente da approfondire ma che di primo impatto delude un po’ le aspettative che si spera possano però possa togliere ogni dubbio con il tempo. Temporeggiatore.


Fight Planet Italia

WWE Pubblicato in data 18/06/2022

SMACKDOWN: Risultati del 17/06/22

Grande scontro per il titolo unificato a Smackdown

Attesissima puntata quella di Smackdown, svoltasi nel Taget Center di Minneapolis in Minnesota, incentrata sulla prima difesa dei titolo indiscusso di Roman Reigns dall’attacco di Riddle, alla presenza di Vince McMahon (resa eclatante a seguito delle vicende legate allo scandalo scoppiato in questi giorni) ed a tanto altro.

 

 

  • Apre la puntata Mr. McMahon (presentato senza l’appellativo di Chairman della WWE) che, dopo aver ringraziato il pubblico presente, si sofferma sulle parole nell’intro della federazione (Then, Now, Forever e Together) affermando che l’ultima, insieme, è la più importante concludendo il tutto dandoci il benvenuto a Smackdown.

  • Segue il promo di Riddle che, dopo aver ripercorso le fasi della rivalità con Reigns, dedica il match contro il Tribal Chief a Randy Orton.

  • Madcap Moss sconfigge Happy Corbin chiudendo definitivamente - si spera - la rivalità tra i due. Nel post match, Corbin se la prende con Pat McAfee per averlo sempre denigrato; l’ex NFL di tutta risposta inizia a prenderlo in giro e, supportato dal pubblico presente, ad andarsene.

  • Gli Street Profits ufficializzano il match tra di loro e gli Usos valido per i titoli di coppia unificati per Money in the Bank.
  • Viene intervistata nel backstage Natalya che promette di diventare la prima donna a far cedere Ronda Rousey in WWE.

  • Il New Day batte il duo formato da Jinder Mahal e Shanky grazie ad una Roll-up di Kofi Kingston ai danni di distratto Mahal, impegnato a rimproverare il compagno intento a ballare invece che a lottare.

  • Adam Pearce comunica che Sheamus e Drew McIntyre, nonostante non abbiano vinto il loro match di qualificazione per il Money in The Bank Ladder Match, sono stati entrambi aggiunti all'incontro con la valigetta in palio.

  • Viene mostrato Sami Zayn intento ad entrare nell'ufficio di Roman Reigns ma, dopo essere stato interrotto da Kayla Braxton che tempesta di domanda il canadese, rinuncia al confronto con il Tribal Chief.
  • Raquel Rodriguez si qualifica per il Money in the Bank match femminile battendo Shyna Baszler.

  • Max Dupri rimanda a settimana prossima la presentazione del suo primo cliente della Maximum Male Models a causa di alcune inadempienze tecniche di Adam Pearce.

  • In una intervista nel backstage, Ludwig Kaiser ed il nuovo campione intercontinentale Gunther si dicono pronti a ridare prestigio al titolo tolto da atleti come Ricochet: un lottatore americano che, come la sua nazione, è solo apparenza e nessuna sostanza. Nella prossima puntata l'ex campione avrà il suo rematch.

  • Nel main event, Roman Reigns batte Riddle rimanendo il campione indiscusso al termine di un ottimo match. Nel post match fa il suo ritorno Brock Lesnar che colpisce i membri della Bloodline con un tris di F-5.


Fight Planet Italia

WWE Pubblicato in data 14/06/2022

RAW: Risultati del 13/06/2022

Primi match di qualifica al Money in the Bank a RAW

La puntata di RAW andata in onda nella notte appena conclusa, dalla INTRUST Bank Arena a Wichita, Kansas, ha portato con se i primi nomi dello show rosso che andranno a partecipare nei rispettivi Money in the Bank Ladder Match, e tanto altro.

 

 

  • La puntata si apre con un nuovo MizTV con Paul Heyman come ospite: viene rivelato che, qualora Riddle dovesse perdere il suo match di venerdì contro Roman Reigns, non potrà più lottare per il titolo fintanto che il Tribal Chief sarà campione. Gli Usos entrano in scena, ma in difesa di Riddle intervengono gli Street Profits
  • Jimmy Uso sconfigge Montez Ford con un roll-up
  • Il match per il titolo 24/7 tra Dana Brooke e Becky Lynch non prende luogo, grazie all'assalto della sfidante sulla campionessa prima dell'inizio dello stesso: in seguito, l'ex campionessa di RAW dichiara le sue intenzioni per il Ladder Match femminile
  • Alexa Bliss & Liv Morgan sconfiggono Nikki ASH & Doudrop, qualificandosi per il Money in the Bank femminile
  • Ezekiel sconfigge Kevin Owens per count-out: al termine dell'incontro il vincitore dichiara che la prossima settimana Elias sarà a RAW!
  • MVP sconfigge Cedric Alexander: subito dopo l'incontro il manager di Omos dichiara di voler portare il suo cliente a lottare nel Money in the Bank maschile
  • Seth Rollins sconfigge AJ Styles, qualificandosi per il sopracitato incontro
  • Riddle sconfigge Ciampa con una RKO
  • Chad Gable sconfigge Mustafa Ali
  • Veer Mahaan sconfigge Rey Mysterio facendolo cedere alla Cervical Clutch
  • Il main event vede una gara di pose di bodybuilding tra Theory e Bobby Lashley: quando era certa la vittoria di quest'ultimo, il campione degli Stati Uniti lo attacca alle spalle, spruzzandogli dell'olio negli occhi. La puntata si chiude con una sessione di selfies del campione