NXT

NXT TakeOver: In Your House

NXT TakeOver: In Your House

Editoriale TakeOver.

NXT Pubblicato in data 08/06/2020 da Roberto Rotonda

Bentornati con NXT. Andiamo a vedere cosa è accaduto a NXT TakeOver: In Your House. Todd Pettengill ritorna per l’occasione e presenta la puntata in versione In Your House old school facendoci fare un bel salto negli anni ’90. Set scenografico in stile classico molto bello. Si parte subito gasatissimi con l’esibizione hard rock dal vivo dei Code Orange.

Il primo match è il Six-Woman Tag Team Match dove Tegan Nox, Shotzi Blackheart e Mia Yim fanno squadra contro Dakota Kai, Raquel Gonzalez e Candice LeRae. Opener buono, dove tutte le partecipanti hanno ben figurato. Non è mancato qualche momento di confusione tipico delle stipulazioni con più partecipanti. Con il conseguente allontanamento di Yim e LeRae finite a occuparsi l’una dell’altra nell’area del backstage. Trasformando così l’incontro in un tag team match, dove Nox e Blackheart hanno prima isolato e messo fuori gioco Gonzalez, per poi vedersela con Kai e vincere l’incontro con lo schienamento della gallese sulla sua acerrima rivale. Un build up realizzato a pennello, che ha saputo rispecchiare gli intrecci narrativi alla perfezione. Come ho scritto qualche giorno fa: Sei delle più meravigliose protagoniste di questi mesi, ringrazio il Triplo per aver bookato questo match. Ecco, dopo questi mesi in cui le nostre sono state al centro dei piani di ottimo mid card, mi auguro che nei prossimi mesi possano essere più vicine a un discorso (chi prima chi poi) di rivalità per il titolo.

Nel prossimo incontro si sfidano Finn Bálor e Damian Priest. Anche qui abbiamo avuto alle spalle una buona costruzione secondo me. Con due così è difficile assistere a un qualcosa di brutto, e infatti hanno regalato davvero un match molto piacevole. Equilibrato, fisico e intenso. Con l’irlandese che non ha aspettato nemmeno il suono della campanella ed è partito come un razzo contro l’Archer of Infamy. Forse lo starpower gravitante attorno all’aurea leggendaria del Prince ha fatto scemare un pochino l’hype, anche per l’attuale status di Priest che fino a ora nei grandi appuntamenti ha sempre fallito la vittoria, nonostante abbia offerto gran belle prestazioni. Cosa confermata anche in questa occasione, dove pur avendo sofferto e non poco, Bálor alla fine è riuscito a uscire vincitore. Altro stop dunque per Priest che da quando è arrivato, nonostante abbia avuto un ruolo buono all’interno del roster e della card, sembra essere rimasto un personaggio bloccato, senza alcuna crescita. Chissà se le cose cambieranno per lui. Per Finn Bálor 11° TakeOver dove vince, ed è record. Cosa dire, aspettiamo che ritorni campione di NXT, prima o poi succederà. Anche perché se ritorna a NXT, e in quasi un anno gli fai vincere tutte le faide, indi per cui non mandi over gli altri, allora solo l’NXT Championship spiegherebbe tutto ciò. È da luglio 2019 che non ha un titolo alla vita inoltre (all’epoca IC Champion), quindi il prossimo passo per me sarà il titolo.

Titolo che Keith Lee difende contro Johnny Gargano, nel match con in palio l’NXT North American Championship. Anche qui veniamo da una buonissima storyline che ha visto coinvolte anche le rispettive compagne, Mia Yim e Candice LeRae. Lee e Gargano sono due dei migliori lottatori al mondo, e questo penso sia fuori discussione. Infatti il match è stato molto molto bello. Forse hanno fatto vedere meno di quanto possono in realtà fare e forse anche di quanto noi stessi ci aspettavamo a livello di “bagaglio wrestling”. Ma che incantevole lo storytelling, che splendido l’aspetto psicologico che entrambi hanno raccontato in una maniera egregia. Bello lo spot che vede Lee mandare il rivale attraverso il plexiglass, solo per citare uno degli OMG! Moments della serata. Gargano ha provato con le sue armi, letteralmente visto che ha riutilizzato la chiave come fatto pochi giorni fa a NXT, per sconfiggere il campione ma nulla da fare. Vana è stata anche l’intromissione di LeRae, prontamente bloccata da Yim. Lee soffre, dolorante, ma si conferma meritatamente NXT North American Champion. Secondo me ancora non è finita la loro rivalità, vediamo.

Altro incontro con titolo in palio. Il Backlot Match per l’NXT Championship detenuto da Adam Cole, che affronta Velveteen Dream. Per molti sulla falsa riga del cinematic wrestling di cui tanto si è parlato in queste settimane di virus, l’incontro in questione è stato ritenuto da tanti il meno entusiasmante di quelli realizzati in questi mesi. Ma è anche normale ci aggiungo io, perché del cinematic wrestling c’era poco se non addirittura nulla. È stato più simile a una sorta di parking lot brawl. Non è stato brutto, anzi, a livello narrativo ben fatto e con diversi momenti da ricordare. Su tutti Dexter Lumis che sbuca da sotto l’apron per poi rinchiudere Strong e Fish nel bagagliaio portandoseli via. Cole che viene lanciato dalla scala su un’auto, e la Panama Sunrise sulle sedie che ha sancito la vittoria del più longevo campione nella storia di NXT, che ha allungato così ulteriormente il suo regno. Visto l’accordo con Regal, Dream non può più andare per il titolo. E questo significa molto probabilmente passaggio a RAW o SmackDown secondo me. A questo punto, considerando che Lee ha difeso con successo e considerando anche quanto detto qualche paragrafo fa parlando di Bálor, penso quest’ultimo sia il profilo migliore per detronizzare Cole magari al prossimo evento TakeOver. Non mi dispiacerebbe, ma vado più di fantasia, neanche la suggestione di un Lee primo memorabile doppio campione in contemporanea, considerando anche il momento storico che gli Stati Uniti stanno, purtroppo, tornando a vivere con il problema della discriminazione razziale. Potrebbe essere una scelta anche molto significativa.

Scelta per certi versi clamorosa, invece, quella riguardante l’incontro tra Tommaso Ciampa e Karrion Kross, accompagnato da Scarlett. Sono bastati sei minuti scarsi a Kross infatti, per far perdere i sensi al rivale con l’arbitro che ha decretato la fine del match e la vittoria del nuovo arrivato. Sicuramente un esordio a TakeOver memorabile per Kross che subito mette in saccoccia un risultato che lo proietta verso un ruolo sempre più importante all’interno delle gerarchie di NXT. A dire il vero mi ha sorpreso vedere Ciampa perdere così, pensavo a una sfida più equilibrata e con più minutaggio. Lo dico non tanto per Kross, che ci abituati in passato a match di questo tipo, ma per la scelta in sé della federazione di far perdere nettamente uno dei migliori wrestler del brand di sempre, contro un neo arrivato da altri lidi. Non credo sia successo così spesso in WWE, è un segnale importante per Kross. Vediamo che tipo di sviluppi ci saranno.

Molto significativo e anche bello il Main Event. Il secondo tutto al femminile nella storia di TakeOver. Charlotte Flair affronta Rhea Ripley e Io Shirai nel match in cui mette in palio l’NXT Women’s Championship. Incontro intenso e ben narrato, che si è svolto sul filo dell’equilibrio e che ha visto le parti in causa dare un buonissimo spettacolo. Bravissime tutte e tre, che vuoi dire a atlete di questo calibro? Pensare che c’è gente che davvero dice Charlotte si trova lì solo perché raccomandata!” mi fa venire il volta stomaco, se lo dite semplicemente non capite un tubo di wrestling, e se lo seguite sbagliate, dedicatevi ad altro. Abbiamo visto un bel match di wrestling, con qualche spot notevole che aggiunge quel qualcosa in più, con la giapponese in particolare protagonista di un bel tuffo sulle rivali, dalla scenografia a forma di casa. Io Shirai, chi mi legge lo sa, ho sempre pensato che se avesse salutato la compagnia senza vincere alcun titolo, sarebbe stato a mio avviso clamoroso. Vista l’alta considerazione che gode all’interno del mondo del wrestling non solo nipponico. Essendo considerata come una delle migliori lottatrici al mondo dagli esperti del settore. Non pensavo sarebbe successo in questo NXT TakeOver: In Your House però. Nell’ultimo appuntamento avevo scritto che Flair poteva perdere senza essere schienata, e in effetti è andata così. Con Shirai che ha schienato, a seguito del patentato moonsault, Ripley mentre quest’ultima era chiusa nella Figure 8 della Queen. La regina è stata detronizzata. Io Shirai è la nuova NXT Women’s Champion.

 

Così si chiude questo NXT TakeOver: In Your House che è stato un buonissimo show, non il migliore dei TakeOver realizzati, ma un buonissimo show che non è mai parso essere noioso in tutta la sua durata. Altro punto a favore di Triple H e soci, fantastica tra l’altro la scenetta nella quale lui, HBK e Road Dogg cercano di accedere a AOL attraverso un vecchio computer, da vedere.

Tornando allo show, le prossime settimane non potranno che continuare quanto di buono abbiamo visto in questo evento nel quale, ancora una volta, abbiamo avuto la conferma che NXT ha una marcia in più degli altri show della WWE. E non solo.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.



Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 31/07/2020

NXT: Le nuove opportunità

Analisi NXT.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT. Continua il percorso che ci porterà ad avere il quadro completo in vista di NXT: TakeOver XXX, con la messa in palio del secondo spot a disposizione per il Ladder Match che andrà a decidere chi sarà il nuovo NXT North American Champion. Inoltre Keith Lee chiede un confronto con Karrion Kross.

 

 

La puntata si apre col botto quando la NXT Women’s Champion Io Shirai è sulla rampa e viene attaccata da Dakota Kai. Questo porta all’intervento di Tegan Nox prima, e Candice LeRae poi, con annessa zuffa che anticipa quindi il tag team match tra le quattro. Un bel opener che vede Kai e LeRae lavorare bene insieme nella prima parte della contesa isolando Nox. È Shirai tuttavia a dare il cambio di marcia che porterà lei e Nox alla vittoria. Nonostante la sconfitta, Kai ribadisce che il suo intento è di detronizzare la giapponese. Rhea Ripley non ci sta e William Regal decide per un #1 Contender’s Match che ci sarà settimana prossima. Può essere la consacrazione per Dakota Kai, anche se in vista di un evento alle porte come NXT: TakeOver XXX, è più facile pensare al più “vendibile” Shirai vs. Ripley. Vediamo che salta fuori.

 

 

Il più bel match dell’episodio è senza dubbio quello tra Roderick Strong e Johnny Gargano. Due dei migliori pro-wrestler del globo che hanno dato ampiamente saggio di tutta la loro straordinaria qualità, dandosi battaglia in una contesa ad alto ritmo, equilibrata e incredibilmente bella dall’inizio alla fine. Spaziando dalle manovre tecniche a quelle di potenza. Vince Gargano e vediamo questo cosa significherà da qui a TakeOver. Incontro davvero molto bello. This is Wrestling!

 

Che la divisone femminile di NXT sia ricca di talento, è dimostrato anche dal fatto che spesso vediamo più di un incontro nella stessa card. Anche questa volta è così, e assistiamo al match tra Shotzi Blackheart e Mercedes Martinez, che è accompagnata da Robert Stone e Aliyah. Blackheart ci mette anima e cuore, ma è Martinez alla fine ad avere la meglio. Continua così la costruzione di Martinez, che mette a segno un’altra importante vittoria. Contro inoltre una delle lottatrici più “hot” del momento.

 

 

Molto convincente il promo di Keith Lee, che dà prova anche delle sue qualità al microfono mostrando anche tutto il suo carisma. Quando chiama in causa Karrion Kross, ma a presentarsi sul ring è Cameron Grimes che viene subito allontanato con la forza. È poi Scarlett a apparire sulla rampa, e dal titantron arriva il messaggio di Kross che vuole a tutti i costi il titolo. Continuiamo solo ad aspettare l’annuncio ufficiale per quello che credo sarà il Main Event del prossimo TakeOver.

 

 

Si rivede anche la Undisputed Era al completo. Che attacca Fabian Aichner e Marcel Barthel dopo che la Imperium ha vinto agilmente il suo match contro la Ever-Rise. Cole, Strong, Fish e O’Reilly sono pronti a riconquistare le scene, partendo proprio dai titoli di coppia. Vediamo che tipo di sviluppi ci saranno per quattro dei migliori e più presenti nomi del roster. Che da ben tre anni rappresentano una miniera d’oro per NXT. C’è moltissima curiosità attorno alla stable e a come sarà gestita da qui in avanti. Troppo facile immaginare un 4vs4 tra Undisputed Era e Imperium in quel di TakeOver XXX. Magari succede e ci starebbe pure visto che da Worlds Collide in molti aspettano la rivincita della Undisouted Era, che proprio a gennaio era stata sconfitta.

 

Bello anche l’incontro tra Jake Atlas e Iasiah “Swerve” Scott. Altra piccola perla della divisione di coppia, che regala sempre ottime cose e non risulta mai noiosa. La vittoria di Scott va forse ad avvicinarlo a una chance seria contro l’NXT Cruiserweight Champion Santos Escobar.

 

 

E chiudiamo con il Main Event. Dexter Lumis, Finn Bálor e Timothy Thatcher si sfidano per il secondo posto in palio nel Ladder Match che andrà a decidere chi sarà il nuovo NXT North American Champion. Il match, concluso con la vittoria di Dexter Lumis che fa cedere Thatcher mentre quest’ultimo sottomette Bálor, ci dà dei messaggi abbastanza chiari. Dopo Reed, viene data un’opportunità a un altro dei volti nuovi di NXT che solo nell’ultimo anno stanno avendo spazio TV e presenza importante, Lumis. Su quest’ultimo ci si scommette un bel po’ visto gli ultimi mesi, anche a discapito (per ora) dello stesso Thatcher che aveva già avuto un momento alto quando ha sconfitto Riddle qualche settimana fa. Finn Bálor per ora non sarà, a meno di sviluppi diversi, North American Champion.

 

Ma sono sciuro che per lui, futuro WWE Hall Of Famer e l’uomo con più TakeOver vinti (11) nella storia, Triple H e soci hanno in mente, per la trentesima edizione di TakeOver, qualcosa di molto importante. E chissà che una bella sfida tra lui e Thatcher possa essere uno dei pezzi pregiati della card. Penso che sia quasi clamoroso che l’irlandese da luglio 2019 è senza un titolo alla vita. Anche perché di fatto ha vinto tutte le faide avute da quando è tornato a NXT.

 

Un episodio mai noioso, sempre bello, scoppiettante e scorrevole.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 24/07/2020

NXT: Thicc Toc

Reed e Kross protagonisti di questa puntata.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT. Comincia il percorso di costruzione del prossimo TakeOver. Rinominato NXT: TakeOver XXX perché, nella notte che precede SummerSlam, assisteremo alla trentesima edizione di un evento TakeOver. Dunque prepariamoci a delle settimane intense perché penso sarà un TakeOver memorabile.

 

 

E si parte subito con il clamoroso, e inaspettato, annuncio di Keith Lee. Il Limitless One “decide” di rendere vacante l’NXT North American Championship e “creare” così delle nuove opportunità per i suoi colleghi lottatori. Partirà dunque una serie di qualificazione a tema Triple Threat Match che assegnerà i posti per il Ladder Match di TakeOver dove avremo il nostro nuovo campione. Decisione che mi ha sorpreso, ma che credo sia stata presa per avere più libertà creativa con le altre Superstar, evitando così di incentrare lo show al maschile (a livello di titoli) tutto solo sul buon Lee. Che comunque dispiace non possa difendere questa cintura, perché la curiosità di un evolversi della storia del doppio campione c’era tutta.

 

Il primo match è quello tra Killian Dain e Dexter Lumis. Incontro solido e fisico, opener buono per scaldare il pubblico. Con anche qualche manovra che non ti aspetti. È Lumis a vincere via sottomissione. Ennesima prova che lo vuole ancora protagonista importante della card. Risultato che da dunque maggiore credito al suo inserimento nella serie di incontri per l’NXT North American Championship. Infatti nella prossima puntata affronterà Finn Bálor e Timothy Thatcher.

 

Vittoria schiacciante per i Breezango contro i canadesi Ever Rise. Divertente e veloce riempitivo che bene si sposa con il ruolo che gli compete.

 

 

Stessa cosa per la vittoria di Shotzi Blackheart su Aliyah, accompagnata da Robert Stone. Qui però abbiamo un clamoroso sviluppo, perché dopo aver investito Stone con il suo mini carrarmato sulla gamba “sana”, si becca un bel inatteso calcione in volto da addirittura Mercedes Martinez. Che più tardi chiederà, con fare minaccioso, a Stone di occuparsi dei suoi affari. Ho già parlato dell’importanza del Robert Stone Brand e dello spazio televisivo accresciuto con il passare delle settimane. Ora l’inserimento di una delle migliori lottatrici del pianeta non fa che confermare il tutto. E se Martinez potrebbe puntare prima o poi (e credo si arriverà a questo scenario) il titolo femminile, Stone e il suo brand potrebbero essere ancora più importanti all’interno dello show. E perché no anche Aliyah può beneficiare di questa alleanza. La piccola e più atletica ragazza, con la più grossa e forzuta compagna. In chiave gimmick ci sta e non mi sorprenderebbe vederle andare a caccia dei titoli di coppia. Ho curiosità di vedere come si svilupperà questa alleanza.

 

 

L’incontro più bello della puntata è a mio avviso quello tra Bronson Reed, Roderick Strong e Johnny Gargano per un posto nel Ladder Match di NXT TakeOver XXX che decreterà il nuovo NXT North American Champion. Davvero un bellissimo incontro di wrestling. Dove tutti e tre i ragazzi hanno dato tutto per la riuscita di un match che è stato svolto senza mai un attimo di respiro. Lineare e mai slegato dalla logica dello storytelling. È stato Reed a vincere, forse anche a sorpresa. Ma se l’intento di rendere vacante il titolo era quello di dare realmente nuove opportunità, giusta la scelta di puntare sul Thicc Boi. Che, sconfiggendo due ex campioni, si piazza da subito come possibile candidato alla vittoria del titolo. A livello di lottato non è certo la prima volta che lo vediamo fare delle prestazioni notevoli. Strong e Gargano giocano il finale ruolo dell’essere stati due “comprimari” di super lusso. Ma sicuramente li vedremo protagonisti in qualche modo.

 

Altro bel match di wrestling, soprattutto per i puristi della disciplina, tra Timothy Thatcher e Oney Lorcan. Nonostante un buon equilibrio, Thatcher alla fine riesce a schienare furbescamente il rivale. Un po’ come detto di Lumis, risultato volto a dare una ulteriore nota positiva in vista del Triple Threat Match contro proprio Lumis e Bálor. Vedo quest’ultimo comunque favorito, addirittura mi sbilancio già ora, penso sarà lui il prossimo North American Champion.

 

 

Il Main Event è stato come mi aspettavo. Karrion Kross (accompagnato da Scarlett) e Dominik Dijakovic ci hanno offerto una sfida a due fasi. Nella prima c’è stato equilibrio, nella seconda Kross ha preso il largo e ha vinto il match dopo aver distrutto senza pietà il rivale. Prima danneggiandogli la testa grazie all’aiuto dei gradoni d’acciaio, e poi facendogli perdere i sensi. Nel frattempo l’arrivo a bordo ring di Keith Lee non aveva portato a niente, in quanto Dijakovic, prigioniero nella morsa di Kross, aveva chiesto all’amico di non interferire. L’NXT Champion a fine match sale sul quadrato, Kross lascia la presa e abbandona il ring continuando però ad avere un intenso gioco di sguardi col campione.

 

È chiaro che arriverà l’annuncio del match titolato tra i due a breve. Il regno di Lee è appena iniziato, ma Kross (sempre più convincente) ancora non è stato sconfitto da quando ha esordito. Dunque c’è tanto in ballo da questo feud, ed è interessante vedere come continuerà la costruzione e come sarà scritturato questo match e chi avrà la meglio. Magari Adam Cole e Tommaso Ciampa potrebbero essere le due variabili decisive per non danneggiare lo status di entrambi i due protagonisti, ma questa è solo una mia banalissima ipotesi.

 

Una buonissima puntata che tanto ci ha dato su cui ragionare. E che ha visto anche Dakota Kai intensificare, attraverso un promo video, la sua voglia di spodestare Io Shirai.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 17/07/2020

NXT: Nox-in on Io’s door

Analisi NXT.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT. Messo alle spalle il capitolo The Great American Bash, comincia il regno come doppio campione per Keith Lee, inoltre Tegan Nox affronta Io Shirai per il titolo femminile nel Main Event.

 

Proprio il nuovo NXT Champion, e già NXT North American Champion, apre le danze con i ringraziamenti al suo mentore e ai fan. Poi chiama sul ring l’amico/rivale Dominik Dijakovic a cui dà la prima chance di detronizzarlo, tutte e due i titoli in palio. Più tardi nella puntata, altro paragrafo della loro lunga storia.

 

Il primo match è la sfida tra Cameron Grimes e Damian Priest. Un opener buono, che ha messo forse la parola fine a questa rivalità. La vittoria dell’Archer Of Infamy era prevedibile dopo i soprusi subiti di recente per mano di Grimes, e dunque non è stata una sorpresa. Priest non nasconde le intenzioni di andare a caccia dei due titoli, suggerendo un possibile inserimento in chiave Lee. Per Grimes penso che al momento, con la zona titolata satura di grandi nomi per ambedue le cinture, l’ideale sia spostarlo seriamente a competere per l’NXT Cruiserweight Championship.

 

 

Probabilmente l’unica vera sorpresa della serata è la sconfitta di Shotzi Blackheart contro Indi Hartwell. Risultato che però arriva grazie a Robert Stone che distrae l’arbitro e Aliyah che colpisce Blackheart favorendo così Hartwell. La storia del Robert Stone Brand sta avendo sempre più spazio, e devo dire che fino a ora è molto divertente. Inoltre nella puntata avrà l’ennesimo alterco con Killian Dain, che però non gli fa nulla in quanto Stone riesce a procurargli un match contro Dexer Lumis per settimana prossima.

 

 

È tempo per il Winner Take All Match tra Keith Lee e Dominik Dijakovic. C’è poco da dire su questi due, hanno un’alchimia perfetta e sanno sempre regalare match di ottimo livello. Match vinto da Keith Lee, impensabile il contrario alla prima difesa, ma comunque una bella sfida. Dijakovic a mio avviso potrebbe essere anche un buon North American Champion, per cominciare non sarebbe male. Intanto settimana prossima affronterà Karrion Kross, dopo che quest’ultimo lo ha messo KO nel backstage a seguito di un battibecco. Nato anche perché a fine match è arrivata Scarlett per adagiare sull’apron i resti della clessidra che proprio Lee aveva distrutto settimane fa. Altro messaggio chiarissimo.

 

La sfida tra Timothy Thatcher e Denzel Dejournette ha mostrato, forse per la prima volta, che quest’ultimo ha anche le qualità per stare al passo di un Thatcher. Che però alla fine lo fa cedere abbastanza in fretta. Non pago della vittoria, innervosito forse dalla durata più longeva e dunque inaspettata del rivale, continua a non mollare la presa. È Oney Lorcan a correre in salvo di Dejournette. E quindi aspettiamoci un’altra entusiasmante sfida tra i due dopo quella già vista a The Great American Bash.

 

 

Molto bello il segmento con protagonisti i tre del Legado Del Fantasma. Con il capo Escobar a decantare le lodi di Mendoza e Wilde, fino a innalzarsi a grande leader della divisione cruiser. Continua a piacermi un casino come stanno costruendo di volta in volta questa stable. Ci vedo, e mi auguro di non sbagliare, proprio l’intenzione di voler valorizzare la cintura e l’intera divisione. Se da questo togliessimo 205 Live, dando alla cintura il beneficio di essere un’attrazione davvero esclusiva solo di NXT, con il già attuale roster si può creare qualcosa di molto simile a quanto fatto dalla WCW ai tempi di Nitro.

 

 

E siamo al Main Event. NXT Women’s Championship Match, la campionessa in carica Io Shirai difende il titolo contro Tegan Nox. È stato un bel match, come spesso accade a NXT. Un match molto equilibrato, dove la sfidante è riuscita a mettere in più di un’occasione in difficoltà la nipponica. Dando dimostrazione che il push, ormai partito mesi fa, è meritato e che anche in ottica di cintura può dire certamente la sua. Nox e le sue performance oramai sono garanzia e anche in questa circostanza non ha disatteso le aspettative. Nonostante un match incredibile a tratti, comunque ha dovuto arrendersi a una Io Shirai che ha mostrato perché è lei a detenere il titolo, affermandosi con successo sfruttando al meglio alcuni momenti girandoli a suo favore, come il finale che gli è valso la vittoria. Settimana scorsa avevo suggerito la possibile intromissione di Dakota Kai, che invece si è fatta vedere solo a fine match. Quando ha raggiunto sullo stage la Genius Of The Sky e l’ha colpita con un calcio violento in faccia. E il perché è super cristallino, Cap Kota vuole il titolo. Una chiusura perfetta che apre un nuovo capitolo per la divisione femminile, con Nox e Kai ancora protagoniste e che potrebbero in futuro anche diventare campionesse, e lo meriterebbero anche a mio avviso. Intanto continuiamo a goderci Io Shirai che male come campionessa non è, anzi.

 

Altra bella settimana in compagnia di NXT.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.