NXT

NXT: La Cura

NXT: La Cura

Lo spettacolo del wrestling in ogni sua forma.

NXT Pubblicato in data 13/05/2021 da Roberto Rotonda

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT.
Si potrebbe dire in sintesi che sì, NXT va alla grande perché a fine puntata semplicemente non vedi l’ora che passa la settimana per vedere come proseguono le varie storie nella prossima. Dalla più importante, a quella che lo è apparentemente di meno. Tutto sembra funzionare al meglio, dalle trame sempre ben curate, allo sviluppo dei vari characters e ovviamente al wrestling lottato. NXT per me è La Cura, citando il Maestro Franco Battiato, ideale a tutte le noie della vita di ogni fan di wrestling. Quel toccasana su cui fare affidamento per divertirsi, rilassarsi e godersi lo spettacolo del wrestling in ogni sua forma.

 

E così abbiamo un Main Event che ribadisce quanto già scritto da me recentemente. Kushida e Santos Escobar sono due top mondiali, che hanno dato una nuova luce al NXT Cruiserweight Championship con un feud che se lo allungano all’infinito, e chi si stanca. Il giapponese resta campione dopo un notevole 2-Out-Of-3 Falls Match. Stupisce sempre come NXT riesce a essere un qualcosa dalla variegata offerta settimanale, dove puoi spaziare nel vedere incontri normali e incontri a stipulazioni speciali. Il 2-Out-Of-3 Falls di cui sopra, lo street fight del precedente episodio, lo Steel Cage Match dove Johnny Gargano difenderà l’NXT North American Championship contro Bronson Reed la prossima settimana. Come ci si può annoiare? Io lo so, guardando RAW! Ahahahahah.

 

Gargano che fa da spettatore alla sconfitta di Austin Theory contro Karrion Kross, risultato che comunque non preclude a una fine degli eventi che potranno magari essere ripresi dopo che il leader della The Way concluderà la faida con Reed. Nel frattempo Kross viene sfidato da Finn Bálor che va faccia a faccia con l’NXT Champion per chiedere il re-match. Bisognerà aspettare due settimane.

 

Restando in ambito campioni, Raquel Gonzalez è rimasta tale dopo un duro match contro Mercedes Martinez. Data in pasto a Big Mami Cool in attesa di capire quale sia la prossima antagonista, magari con una più longeva e solida rivalità. Se seguiamo un po’ gli indizi degli avvenimenti, Zoey Stark potrebbe essere in cima alla lista, soprattutto se dovesse portarsi sulla conferma contro Toni Storm. Stark è partita con l’acceleratore e fosse lei la prescelta, non ne sarei stupito. Storm in egual misura sembrava essere arrivata a quello status, le ultime settimane però hanno segnato un cambio di rotta. Poi c’è sempre Franky Monet, che a un certo punto sono sicuro diventerà NXT Women’s Champion. Da non sottovalutare nemmeno la carta Dakota Kai, la gelosia e l’invidia che prevalgono sull’amicizia, sarebbe un semplice ed efficace pretesto per costruire un feud importante tra le due.

 

All’inizio parlavo di sviluppo dei vari characters. Cameron Grimes, Isaiah “Swerve” Scott e Leon Ruff sono un esempio lampante di come si provano a sviluppare, chi meglio chi un po’ forse meno, i personaggi che vediamo in azione.
Grimes, che abbiamo sempre apprezzato per le sue doti di lottatore, sta trovando gloria anche come entertainer, se mi passate il termine. Con questo personaggio spocchioso e ricco che crede di avere il mondo ai suoi piedi, ma che puntualmente diventa uno dei tanti, quando di mezzo gli si mette quel leggendario genio di Ted DiBiase. Si è generato quel Ma dove andranno a parare? che è il filo che lega ogni cosa buona nel pro-wrestling di intrattenimento.

 

Scott è diventato leader di una fazione a mo’ di crew rap/hip pop che comprende AJ Francis, Ashante Adonis e Briana Brandy. Si chiamano Hit Row, e non parlate di stereotipo dei neri rapper, sicuramente la trasposizione arriverà anche a toccare picchi estremi della cosa, ma Scott davvero coltiva la passione per la musica, ha anche lanciato vari singoli che trovate sul suo canale YouTube, e dunque si è unito l’utile al dilettevole. Poi, come sempre, ai posteri l’ardua sentenza.

 

Ruff sta facendo la transizione dal personaggio simpatico che si tifa più perché sembra una schiappa destinata a perdere con chiunque, al cazzuto giovane uomo che vuole invece dimostrare di avere gli attributi e l’attitudine per ambire anche a grandi cose. E lo fa dapprima arrabbiandosi con Regal che non vuole farlo combattere, su suggerimento dello staff medico. E poi rispondendo alla open challenge arrogante di Pete Dunne, che attacca alle spalle e poi affronta in un incontro dove prova a tenere testa al britannico, per poi soccombere con l’arbitro costretto a fermare il match e dichiarare la vittoria del Bruiserweight. Una sconfitta che non cambia di molto le cose, Ruff continuerà maggiormente a mostrarsi più rude e aggressivo. Vediamo se ciò concilierà con qualcosa di più del mid carding, ma avendo avuto già un bonus del tutto inatteso (la vittoria del North American Title) penso proprio di no.

 

Dunne è protagonista dell’assalto a Kyle O’Reilly perpetrato insieme al compagno di merende Oney Lorcan, avvenuto dopo che quest’ultimo ha perso il suo match contro O’Reilly. Ciò ha portato al ritorno di Bobby Fish che ha salvato l’amico. Nessun accenno a quanto accaduto con la UE, ma O’Reilly ha messo in chiaro di essere impegnato nei suoi affari. Fish di suo, ha fatto lo stesso puntando proprio Dunne e Lorcan. La cosa si fa interessante da subito, specialmente perché Cole e Strong prima o poi torneranno ed è probabile che la cosa venga ripresa.

 

MSK contro Breezango è semplicemente tag team wrestling. Gli NXT Tag Team Champions vincono dopo un avvincente incontro. Dove si è calcata la mano, un messaggio forse alla AEW? sulla presenza e la prestanza atletica del ruolo dell’arbitro. Che spesso in questo anno, ha ricevuto l’inutile critica di essere solo lì a far scena quasi senza importanza, specie se paragonato alla sua controparte nella compagnia di Tony Khan. A parte questo, i campioni a fine incontro hanno ribadito di non temere i Legado del Fantasma, che hanno attaccato poi nel Main Event, favorendone così l’allontanamento e garantendo un match senza interferenze.

 

Un’altra puntata piacevole.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.



Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 10/06/2021

NXT: Pronti a tornare nelle nostre case

Ultimo peisodio prima di In Your House 2021.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT.
Episodio davvero ben strutturato, che riesce nell’intento di andare a mettere più hype a un NXT TakeOver: In Your House 2021 davvero costruito molto bene.

 

Sempre un piacere notare come quando si tratta di NXT, ogni cosa è curata al dettaglio e inserita in un contesto ottimale, nonostante magari lo spettatore non se lo aspetta. Prendete la presenza di Poppy, la giovane artista che spesso collabora con NXT, è funzionale e totalmente a suo agio nell’essere una delle figure chiavi dell’episodio. È lei a fa intristire Indi Hartwell, quando abbraccia affettuosamente Dexter Lumis che gli ha regalato una delle sue opere di disegno, con la conseguenza della lamentela di Candice LeRae che la chiama a un confronto. Confronto che porta al ritorno di Io Shirai che si fa carico di difendere la cantante. Il segmento che ha preceduto tutto poi, ha coinvolto anche Triple H e William Regal, in uno dei momenti più divertenti e strani di sempre.

 

E continuando a parlare di scenario femminile. La vittoria di Mercedes Martinez che annienta la debuttante Amari Miller nonostante l’attacco subito prima del match per mano di Xia Li, è il modo di rendere più atteso il loro scontro di domenica.

 

Molto più bello, logicamente, il Main Event tra Ember Moon e Dakota Kai. Che si sono affrontate in una contesa davvero ben riuscita. Dal punto di vista del lottato e anche della narrativa. Che ha portato alla vittoria di Moon per squalifica, dopo che Raquel Gonzalez l’ha colpita. Non sembra però essere arrivata l’ora dello stop al regno della NXT Women’s Champion, che anzi uscirà da TakeOver avendo sconfitto una delle migliori Campionesse nella storia del brand, elevando così maggiormente il suo status. Sarei molto sorpreso accadesse il contrario.

 

Al dettaglio curata anche la card del prossimo TakeOver. Che passa dunque da questa tappa ultima cruciale che vede ancora MSK e Bronson Reed scontrarsi verbalmente con i Legado del Fantasma. Con i latini che vanno a sfidare i tre rivali in un Winner Take All Six-Man Tag Match con in palio sia gli NXT Tag Team Championships sia l’NXT North American Championship. i campioni dovrebbero restare tali, ma una stipulazione simile tiene aperta ogni possibilità.

 

Dal sapore quasi poetico la costruzione del feud tra LA Knight e Cameron Grimes. Sempre detto su queste pagine che non si cita Ted DiBiase così spesso per caso. Infatti il Million Dollar Man è arrivato, a piccole dosi, a essere quasi lui il protagonista. Di sicuro è lui il fulcro delle attenzioni dei due contendenti, che ora oltre ad accaparrarsi i favori di DiBiase, avranno occasione di mettere le mani sul leggendario Million Dollar Championship. E lo faranno in un Ladder Match proprio a TakeOver. Una stipulazione speciale per un alloro prestigioso e iconico per la memoria dei fan, e parliamo di Mid Card. Chapeau.

 

La vittoria dei Grizzled Young Veterans su August Grey & Ikemen Jiro non fa notizia, ma è utile a favorire l’ennesima querelle tra i britannici e la coppia Tommaso Ciampa & Tiimothy Thatcher. Con l’epilogo del Tornado Tag Match che vedremo la prossima settimana.

 

Discorso abbastanza simile, quantomeno per il non far notizia, lo facciamo per la vittoria di Isaiah “Swerve” Scott contro Killian Dain, che ha visto il coinvolgimento della Hit Row e di Drake Maverick. Anche qui però abbiamo un risultato scontato visto l’attuale momento della fazione di Scott, che però è uscito vincitore dopo una sfida per nulla facile, che tiene aperta la rivalità per le prossime settimane.

 

Bello l’opener tra Austin Theory e Oney Lorcan, che quest’ultimo ha portato a casa anche perché Theory si è lasciato distrarre dalle schermaglie fuori ring tra Johnny Gargano e Pete Dunne.

 

Che hanno poi chiuso lo show nel confronto tra Karrion Kross e i suoi quattro sfidanti. Dove oltre ai due sopracitati, si è palesato anche Kyle O’Reilly. Adam Cole ha fatto buon viso a cattivo gioco, presenziando solo via video, per poi apparire all’ultimo dopo che la cosa aveva preso la solita brutta piega, sfociando in uno scontro fisico tra i protagonisti. È stato Cole a chiudere da trionfatore. Un po’ come per il discorso legato al titolo femminile, mi viene difficile pensare a un cambio di titolo. Ma qui il MA è più centrato e logico. Trattasi di Fatal-5-Way, quindi c’è soprattutto l’imprevedibilità degli eventi a farla da padrone. Anche se personalmente la vedo come più il voler alzare il valore di Kross, facendogli sconfiggere quattro delle migliori stelle del Black&Gold Brand in un sol colpo. D’altronde la narrativa ci dice già qualcosa, O’Reilly unico face che sconfigge tutti i cattivoni in una sola notte pare improbabile, a meno che non si voglia farne il Più Grande NXT Champion di Sempre, ma ripeto PARE IMPROBABILE. Gli altri sono invischiati in beghe personali che possono addirittura favorire il Campione. Cole praticamente va a infilarsi in u 4 vs 1 iniziale, visto l’odio che è maturato nei suoi confronti. Difficile ipotizzare un suo successo.

 

Domenica è alle porte, mettiamoci comodi che il divertimento è assicurato.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 27/05/2021

NXT: Una puntata normale, ma di qualità

NXT continua a lasciarsi vedere con piacere.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT.
Puntata forse meno scoppiettante del solito questa settimana. Non ci sono cose negative da segnalare comunque, il che è sempre un bene. Da registrare il debutto in ring di Franky Monet, oltre al solido Main Event con il titolo di NXT Champion in palio tra Karrion Kross e Finn Bálor.

 

E cominciamo proprio dalla prima esibizione sul quadrato di NXT per Franky Monet, nella vittoria contro Cora Jade. La Wera Loca appare in forma e pronta a scalare in fretta le vette. L’ho già detto e, a costo di essere noioso oltre che ripetitivo, ribadisco che è difficile pensare non diventerà Women’s Champion in futuro.

 

Mercedes Martinez anche è vittoriosa. Sconfigge Zayda Ramier, è comunque il misterioso inserimento della Tien Sha a catturare l’attenzione. Stanno cercando di portare Martinez dalla loro parte o meno, è sicuramente uno spunto utile per aprire una storia nuova.

 

Il match tra Ember Moon & Shotzi Blackheart opposte a Raquel Gonzalez & Dakota Kai è stato piacevole e intenso. Ci ha ribadito ancora come la NXT Women’s Champion sia la forza dominante del brand al femminile. Nonostante la sconfitta, infatti è lei a avere l’ultima parola, attaccando Blackheart con Moon costretta a guardare bloccata da Kai. Niente split per ora, le due viaggiano all’unisono, ma certamente ci aspettiamo una svolta. Anche se non dallo slpit immediato, quantomeno da uno scossone dalla divisione per dare a Gonzalez un’avversaria.

 

Avversario che sembra aver già trovato il nuovo NXT North American Champion Bronson Reed. Trattasi di Santos Escobar, sempre più a suo agio nel ruolo dell’Imperatore della Lucha Libre. Nord America vuol dire anche Messico secondo lui, dunque la cintura gli appartiene e se la prenderà. Una piccola forzatura che comunque non stona con la megalomania del personaggio, che anche al microfono si è dimostrato sempre super affidabile da quando è arrivato. Pensare che la gente si “strappa i capelli” per Andrade (grande wrestler senza dubbio, ma come ce ne sono tanti oramai in giro per il mondo), quando Escobar garantisce match di qualità, ha un character facilmente riconoscibile che interpreta impeccabilmente e parla inglese in maniera perfetta. POTREBBE ESSERE UN TOP ANCHE NEL “MAIN ROSTER” ma questa è solo una considerazione personale, ovviamente.

 

Avevo hype per il ritorno sul ring di Bobby Fish, non tanto per il risultato fin troppo scontato del suo incontro contro Pete Dunne (con il britannico che ha vinto), ma più per vedere come il match sarebbe cresciuto e impostato. E bene non sono rimasto deluso. Tanto equilibrio e l’attacco finale di Lorcan nel post match, che porterà alla vittoria di Fish contro quest’ultimo al 99,99999% in futuro. Con la scomparsa della Undisputed Era, è difficile trovare una collocazione chiara per l’ex Campione di Coppia, ma confido nel team creativo, Fish è ancora una risorsa importante, anche in singolo. Dunne lo sapete, va verso i piani alti.

 

Altissimi i piani quando si parla di una delle più grandi leggende della storia, Ted DiBiase. Che si confronta con Cameron Grimes nello scontro tra milionari, il tutto finisce con l’arrivo di LA Knight che colpisce Grimes. Con DiBiase che se la ride alla sua inconfondibile maniera. Un feud tra i due può sicuramente essere una buona mossa, con l’aggiunta di DiBiase, che è parso più essere dalla parte di Knight, abbiamo del buon materiale per mantenere interessante lo show.

 

Che si è chiuso con un Main Event sì solido, ma senza alcuna sorpresa. Kross vince e mantiene la cintura. Incontro fisico e intenso. Che il nostro si aggiudica anche grazie ai sussurri della sempre presente Scarlett, la quale è forse la vera essenza per il successo del Campione, addirittura facendo perdere i sensi a Bálor (con il feud che si presume chiuso del tutto) , rafforzando così la sua posizione e il suo status di NXT Champion. Pare difficile ora intravedere un avversario che possa sconfiggerlo nell’immediato, il che rende sicuramente molto appetibili gli scenari sul futuro di Kross e del suo titolo.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 20/05/2021

NXT: Nord America in gabbia

Una ventata d'aria fresca per NXT.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT.
Il Black&Gold Brand continua a marciare benissimo sulle sue gambe. Offrendoci un’altra puntata lineare e divertente. Dove oltre alla qualità in ring, abbiamo come spesso accade anche del sano intrattenimento d’autore. Non mancano nemmeno nuovi scenari accennati, segno di una creatività sempre attiva in positivo.

 

A partire dal Main Event che ha visto il trionfo di Bronson Reed su Johnny Gargano nello Steel Cage Match dove quest’ultimo difendeva il North American Championship. Immancabile la presenza di Austin Theory che però è stata vana. Un cambio titolo che è pura freschezza e che mette un nome nuovo in una posizione che è parsa sempre lì lì per essere realtà ma che, per una ragione o per l’altra, non avevamo visto ancora concretizzarsi. Reed dunque chiamato al banco di prova come NXT North American Champion è una scelta condivisibile. Il titolo in mano a Gargano, paradossalmente, stava rischiando di essere oscurato dal suo stesso personaggio e dalla narrativa che ruota attorno alla The Way. Johnny Wrestling a questo punto della sua carriera a NXT, non ha bisogno per forza del titolo per essere rilevante ed era giusto come dicevo prima portare un po’ d’aria fresca. Poi ce lo vedo bene in un feud da sfidante di Kross, ma questa è una cosa mia.

 

La divisione femminile invece l’aria fresca l’ha portata già da settimane. E in questo episodio è solo risultata continuativa. Un bel opener tra Zoey Stark e Toni Storm, con Storm che ottiene una vittoria in controtendenza con quanto visto recentemente. Segno che forse con lei non si è gettata del tutto la spugna. L’arrivo a fine match di Franky Monet a ufficializzare il suo debutto in ring della settimana prossima, può far presagire a un match tra le due. Vediamo se sarà così.

 

Mentre continua a essere molto ben gestita la situazione The Way al femminile. Con Candice LeRae e Indi Hartwell protagoniste di un segmento dove finalmente la giovane superstar scopre che in realtà è stata proprio LeRae a far recapitare fiori e biscotti alle ex campionesse Shotzi Blackheart & Ember Moon. Invece che arrabbiarsi, Hartwell è tutta un fremito perché allora ciò significa che Lumis è ancora interessato a lei. Nonostante abbia detto che è un perdente, proprio mentre il nostro la stava massaggiando al posto della massaggiatrice. Sì, sembra un love story da serie TV per ragazzi, ma la stanno portando avanti molto bene. Senza mai inoltre distogliere troppo l’attenzione dalle cinture. Che sono ancora tema importante per Dakota Kai e Raquel Gonzalez. E questo mi fa pensare che quanto detto nell’ultimo appuntamento su queste pagine, trova conferma per un possibile feud tra le due ragazze.
Sarray
sconfigge Aliyah continuando così a piccoli passi la sua costruzione.

 

Stessa sorte per la Hit Row, che vede il debutto in coppia di Ashante “Thee” Adonis e Top Dolla condito dal successo sulle vittime sacrificali Tony Nese e Ariya Daivari. Isaiah “Swerve” Scott annuncia poi che sarà il prossimo sulla via del titolo nord americano, aria di freschezza per l’appunto.

 

Cameron Grimes perde contro Jake Atlas perché distratto dall’arrivo sullo stage di Ted DiBiase, con la cosa che proseguirà anche nel prossimo episodio. Se c’è il Million Dollar Man, non sarà mai qualcosa di brutto.

 

Che bello poter parlare della categoria tag team di NXT. Match belli, valorizzazione dei titoli, personaggi ben sviluppati, trame lineari e interessanti. E così Killian Dain sconfigge Alenxander Wolfe. Ultimo match per lui, rilasciato recentemente, con l’uscita via pestaggio dalla Imperium che così mette fine alla sua carriera WWE.
Molto bello l’incontro tra Legado del Fantasma e la coppia Tommaso Ciampa & Timothy Thatcher. Match molto fisico, vinto dai latini grazie all’interferenza dei Grizzled Young Veterans, personalmente mi è piaciuto anche più del Main Event. Tre coppie oramai consolidate e pronte a essere il fulcro della divisione, assieme ai campioni MSK e a qualche altra aggiunta che di sicuro mi aspetto. La Hit Row ad esempio, ma anche i Breezango per restare sul “classico”. Dentro mettiamoci qualche futura sorpresa (The Way magari?) et voilà, abbiamo una divisione di coppia di tutto rispetto, come forse non accadeva da tempo.

 

Ma non c’è tempo per pensare a quanto ci ha divertito questa puntata. È già ora di concentrarsi sulla prossima. Il titolo di NXT in palio nel re-match tra il campione Karrion Kross e Finn Bálor, per quanto bene possano venderlo, sembra dal risultato scontato a favore dell’attuale campione.
M’intriga molto l’eventuale sfida tra Bobby Fish e Dunne o Lorcan. Sarebbe bello vedere Fish con una run singola per il titolo secondario come accaduto in Ring Of Honor, ma questa è una cosa mia.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.