NXT

NXT: Accelerata di qualità

NXT: Accelerata di qualità

Puntata Differente da ogni punto di vista.

NXT Pubblicato in data 01/07/2021 da Roberto Rotonda

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT.
Prima dello speciale Great American Bash, il Black&Gold Brand mette su un episodio che va a dare la sterzata definitiva in virtù proprio della prossima puntata di NXT. Grande wrestling, intrattenimento sempre centrato e Main Event titolato che offre nuovi spunti.

 

Centrale nella puntata è la faida tra Karrion Kross e Johnny Gargano. I quali vengono alle mani, con Gargano che alla fine ha la peggio. Faida che oramai sembra prossima a dover culminare con un incontro singolo tra i due, con l’NXT Championship in palio. Nonostante i rumors di un passaggio del Campione nel Main Roster, penso sia questo comunque un feud transitorio in attesa di vedere qualcuno con uno status al momento più credibile per spodestarlo. L’ideale sarebbe proprio Samoa Joe.

 

Centrale è anche poco per descrivere la rivalità tra Adam Cole e Kyle O’Reilly. Un faccia a faccia che scade nello scontro, a cui Joe partecipa attivamente sul ring. Lasciando Cole in pasto a O’Reilly per qualche secondo, prima di chiamare la security. Ottimo storytelling tra i due, che come sempre riescono a mettere il giusto hype a una sfida che si preannuncia molto succulenta. L’augurio è che sia la riconferma definitiva di O’Reilly. A Cole, per la sua storia a NXT, vincere servirebbe a poco. O almeno servirebbe a allungare la faida, e chissà che non si voglia regalare a un pubblico live più ampio di quello del Capitol Wrestling Center il piacere di gustarsi uno scontro del genere da vicino. Chissà.

 

Intenso anche il faccia a faccia tra MSK e la coppia Ciampa & Thatcher. Gli sfidanti alla fine delle provocazioni dei Campioni decidono di non alzare le mani. Lasciando tutto in sospeso in virtù del Tag Team Championships Match di Great American Bash. Sinceramente mi dispiacerebbe vedere Lee & Carter abdicare, ma la strada fatta dagli altri due mi fa pensare che un cambio di campioni non è così fuori discussione. Soprattutto se consideriamo la reazione del pubblico al loro regno, da face spesso l’NXT Universe ha preferito schierarsi per i loro avversari, chiunque essi fossero.

 

NXT Universe schierato totalmente a favore di Cameron Grimes, che senza impegnarsi neanche troppo, ha fatto un turn face “pilotato” egregiamente da LA Knight. Cattivo vecchia scuola, a cui basta davvero poco per riuscire a farsi odiare. Altro match, con il Million Dollar Championship on the line, a cui si è saputo mettere hype con successo. Inoltre oltra al titolo, se Cameron Grise perde, diventa il maggiordomo di Knight. Situazione pressoché identica a quella vista qualche mese fa in AEW tra Miro e Chuck Taylor, chissà che non si voglia in qualche modo dare una frecciatina alla compagnia di Khan dopo anche le recenti dichiarazioni stupide di Eddie Kingston. Una rivalità comunque così perfetta per il ruolo che ha, che rischia di offuscare qualsiasi cosa venga dopo e riguardi questa iconica cintura.
Grimes aveva sconfitto Ari Sterling dopo un buon incontro.

 

Buono era stato anche il match a coppie miste tra la Tian Sha (Xia Li & Boa) e Mercedes Martinez & Jake Atlas. Purtroppo la vittoria dei cinesi è condizionata da un calcio poco safe di Li su Martinez che, colpita al volto, fa subito il segno delle braccia incrociate. Finirà poi in ospedale per accertamenti. Di certo è un momento che, nella sua sfortuna, può risultare ottimo per dare maggiore cedibilità a Li da heel. Anche se non è la prima volta che capita una cosa del genere a lei. Vediamo se il management ne frenerà gli sviluppi o se continueranno a spingere.

 

Vincente il ritorno sul ring per Roderick Strong che, da leader della Diamond Mine, batte Asher Hale dopo un match tutt’altro che semplice. Hale conferma quanto già mostrato contro Ciampa, il ragazzo può giocarsi le sue carte. Strong è chiaro deve per forza andare contro Kushida dopo quanto accaduto al debutto della sua fazione. Sarà un match incredibile.

 

Molto più che incredibile la sfida per decretare le nuove sfidanti ai titoli di coppia femminili. Miglior incontro della serata a mani basse. Se esiste qualcuno che ha ancora dubbi su dove sia il miglior wrestling femminile attualmente beh, non v’è paragone con quanto si vede a NXT. Narrativamente e dal punto di vista del lottato, non v’è storia. Shotzi Blackheart & Ember Moon vs Dakota Kai & Raquel Gonzalez vs Zoey Stark & Io Shirai è stato uno spasso sotto tutti i punti di vista. Facile prevedere la vittoria di queste ultime, vero, ma la poesia narrativa e la performance lottata delle sei è davvero qualcosa che non può lasciare malcontento in nessun vero fan della disciplina. A Great American Bash sarà dunque Stark & Shirai vs The Way, per quanto sarebbe curioso vedere le sfidanti come campionesse giacché unite quasi per caso. Allo stesso tempo il lavoro fatto con Hartwell & LeRae può portare a un prosieguo del regno titolato. Classica situazione dell’ovunque caschi, caschi bene.

 

È cascato benissimo Isaiah “Sweve” Scott che, dopo aver sfidato Bronson Reed a mettere in palio l’NXT North American Championship nel Main Event, lo ha detronizzato grazie anche alle distrazioni fondamentali dei suoi colleghi della Hit Row. The Colossal aveva dato peso al suo essere un fighting champion accettando la sfida. Era riuscito anche ad arginare sia Adonis che Top Dolla, però questo gli è costato il match, che si è lasciato vedere. Scott dunque è il nuovo North American Champion. Sempre pronosticato avrebbe vinto almeno un titolo a NXT, cosa che puntualmente è successa. Ed è ciò che mi fa apprezzare Triple H come persona esecutiva, perché se andiamo all’albo d’oro delle varie cinture, la conseguente parola chiave per descrivere i regni per me è una, RICONOSCIMENTO. Nel senso proprio del saper riconoscere, e rispettare anche, il reale valore del wrestler a cui si affida il determinato titolo. E Scott è un talento che merita e tanto. Certo dall’altro lato abbiamo un regno lungo poco più d’un mese per Reed, ma non sarà certo strano rivederlo Campione in futuro.

 

Puntata che tutto è, fuorché transitoria. Ma anzi, da un boost enorme non solo in vista di Great American Bash, ma per il futuro immediato del brand in generale.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.



Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 22/07/2021

NXT: Samoa Joe Is Coming Home?

Joe sta per tornare sul ring?

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT.
NXT costruisce un solido episodio, dove succedono cose anche significative. Che, viste in ottica dell’annuncio ufficiale di TakeOver 36 il 22 agosto, possono darci una sorta di assist su come potrebbe formarsi la card dell’evento.

 

E in primis va citato l’eventuale ritorno, la federazione ci sta facendo accarezzare bene l’idea, sul ring di Samoa Joe. Che è il leitmotiv dell’intera puntata. Aperta proprio da Joe che vuole Karrion Kross, con William Regal a rispondergli che Kross arriverà ma dovranno limitarsi a un chiarimento pacifico. E che si conclude infine, dopo il Main Event femminile, con l’NXT Champion che dà un vero motivo a Joe per sentirsi provocato, ovvero mette KO proprio il GM William Regal per poi svignarsela in auto. Questo vile accadimento contro Regal, l’annuncio di TakeOver 36, Kross sempre più verso RAW. Dai, possiamo dirlo?  Samoa Joe prossimo NXT Champion.

 

Fatto singolare succede dopo la sconfitta di Austin Theory contro Kyle O’Reilly. I due regalano un gran bel match, che si chiude con il tap out di Theory. Il quale poi in un segmento di backstage, stufo dei litigi tra i membri della The Way, abbandona il gruppo senza che gli altri tre se ne accorgono. Il che mette un po’ di pepe in più, e ciò non guasta.

 

Mentre Bronson Reed promette di distruggere Adam Cole. È molto divertente il segmento nel quale gli MSK stanno per dire che cosa significa appunto l’acronimo, ma il tutto viene interrotto da un video della Imperium e quando la camera torna a inquadrarli oramai hanno già detto tutto a Mckenzie Mitchell.

 

La faida tra Hit Row e Legado del Fantasma si arricchisce di un altro buon paragrafo. Prima i latini offendono Swerve & Co., che non si fanno attendere e rispondono a dovere. Alterco che si chiuderà con il North American Champion che colpisce Joaquin Wilde con la chitarra. Prima del molto probabile match titolato tra i due leader, sarà piacevole vedere un match tra i due gruppi.

 

Sempre piacevole vedere Cameron Grimes, che questa volta è protagonista di un momento che segna in modo negativo, nell’animo ora gentile, per la prima volta la sua esperienza di maggiordomo di LA Knight. A seguito dell’aver provato ad aiutare Grimes con i bagagli del suo boss, è Drake Maverick a finire nel mirino del Million Dollar Champion. Che sfida il britannico in un incontro che Knight perde quando proprio Grimes fornisce un assist involontario a Maverick. Knight dunque pesta il rivale, Grimes lo ferma ma poi viene costretto a colpire Maverick con un pugno. Cosa che alla fine fa rispettando gli accordi, anche se riluttante. Il classico feud che porterà Grimes (il face) a vivere l’apoteosi del trionfo totale, perché no proprio magari a TakeOver 36.

 

Il Breakout Tournament prosegue questa puntata con il match tra Odissey Jones e Andre Chase. Jones avanza al prossimo turno facendo valere anche la sua prestanza fisica.

 

Franky Monet sconfigge Jayce Jane, match che fa da contorno all’apparizione di Mandy Rose che va a mettersi comoda sul tavolo per vedere da vicino tutto. E a questo strano inserimento di Robert Stone tra Monet e Jessi Kamea. Sembrano quelle cose apparentemente stupide, ma chissà che non possano rivelarsi invece determinanti per questioni nuove anche fatte bene.

 

Prima piccola rivincita per Kushida & Bobby Fish, che nell’opner hanno la meglio di Roderick Strong & Tyler Rust, proprio il capellone della Diamond Mine cede a Kushida. Storia destinata a proseguire almeno fino a quando il giapponese e Strong non si sfideranno per il Cruiserweight Championship.

 

Il Main Event non è che avesse chissà quale hype. Raquel Gonzalez, soffrendo appena il giusto, difende con successo l’NXT Women’s Championship contro Xia Li che, paradossalmente visto quanto successo con Mercedes Martinez, si fa anche male nel finale con l’incontro che viene fermato per qualche minuto. Nulla di grave comunque, visto che la cinese poi riceve l’ok e il conseguente ko a seguito della Chingona Bomb. Per TakeOver 36 serve un’avversaria più adatta allo strapotere di Gonzalez, vediamo cosa salta fuori.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 15/07/2021

NXT: Un po’ di cambiamenti

Cose nuove in quel di NXT.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT.
Episodio tutt’altro che “normale”, in quanto succedono tante cose che vanno a cambiare in qualche modo il futuro del Black&Gold Brand. Nel Main Event Karrion Kross mette in palio l’NXT Championship contro Johnny Gargano, con Samoa Joe a fare da Special Guest Referee.

 

Cominciamo con la situazione della divisione femminile. Innanzitutto partendo dal rammarico di, molto probabilmente, non vedere più la faida tra Tegan Nox e Candice LeRae. La gallese era tornata a sorpresa la scorsa settimana, per poi arrivare a SmackDown con Shotzi Blackheart e essere inserita nella divisione di coppia. Dico ciò in quanto Ember Moon attraverso i social ha salutato definitivamente la sua ex tag team partner Shotzi, e dunque adesso cambiano gli scenari. Vediamo ora come sarà gestita l’ex NXT Women’s Champion. Una Ember Moon che si trova impegnata contro Dakota Kai in questo episodio, incontro solido che alla fine però perde.

 

Kai era accompagnata da Raquel Gonzalez che, a fine match, riceve la sfida per il titolo (accolta subito) di Xia Li. A questo punto direi trattasi di “normale amministrazione” per la NXT Women’s Champion.

 

Altro incontro al femminile è quello tra Sarray e Gigi Dolin. Quest’ultima soprattutto, sfrutta al massimo l’opportunità concessagli, mostrando di poter essere un valido elemento su cui fare affidamento. È Sarray ovviamente a vincere ma, a catturare maggiore attenzione, è la presenza sorprendente a un certo punto di Mandy Rose sullo stage. Che va di pari passo a collegarsi con la “separazione” di Aliyah dal Robert Stone Brand.

 

A seguito infatti della sconfitta, combatteva in coppia con Jessi Kamea, patita contro Kaci Catanzaro & Kayden Carter, Aliyah s’infuria e incolpa Stone per i loro insuccessi. Arrivando perfino a colpirlo più volte, spinta anche dall’incoraggiamento del pubblico. È Franky Monet a farsi carico di Kamea e, almeno momentaneamente, anche di Stone.

 

Intrecci vari che si spiegano con, stando alle voci che giungono dagli States, una sorta di scambi tra roster. Con Mandy Rose che dovrebbe ritornare dunque in pianta stabile a NXT e Aliyah passata definitivamente invece tra le fila di RAW. Inoltre pare che nelle prossime settimane ce ne potrebbero essere anche altri.

 

Una piccola considerazione sulle due protagoniste. Rose nel Main Roster ha avuto come picco massimo la storyline dello split con Sonya Deville con ramificazioni di liaison con Otis, pur avendo praticamente sempre una presenza on screen anche se risicata, non è andata poi oltre. Il tag team con Dana Brooke, per quanto le due ci abbiamo messo il massimo e la colpa non è sicuramente loro, non è mai davvero decollato. Al momento sembra indirizzata verso un ruolo non propriamente incentrato all’azione sul ring, chissà cos’ha in serbo per lei il Triplo. Aliyah invece è a tutti gli effetti una delle veterane, e lo so che fa strano usare un termine simile per una ragazza di soli 26 anni, dello show giallonero. Ma è a NXT dal 2015, son tanti anni. Ha visto passare da NXT tante Superstar, e lei mai è riuscita nemmeno a sfiorarne le gesta, però con sacrificio e umiltà si è garantita un posto tra le preferenze dello NXT Universe che non gli ha fatto mai mancare calore. Ora riceve una chiamata che, glie lo auguriamo, possa rivelarsi bella per la sua carriera. È sicuramente molto migliorata dagli esordi, pur essendo ancora giovanissima. Sa interagire con il pubblico, se non fanno disastri, può essere un’aggiunta buona per RAW. Ma non mi aspetto tanto dai capoccia di Zio Vince, VOGLIO SBAGLIARMI ASSOLUTAMENTE.

 

Al maschile pure succedono cose abbastanza interessanti. Ciampa & Tatcher spostano l’attenzione su Dunne & Lorcan.

 

È un gioiellino la serie di scene che mostrano Cameron Grimes, in veste di maggiordomo, far infuriare LA Knight perché Grimes è totalmente a suo agio in questo ruolo. E riesce anche a sbattergli in faccia il fatto di avere i milioni, Knight finisce anche nell’acqua della sua piscina alla fine della fiera dopo uno scontro “accidentale” con Grimes. Mi sta piacendo tanto questa storia, davvero azzeccata da ogni punto la vedi.

 

Il Breakout Tournament vede la sfida tra Ikemen Jiro e Duke Hudson. È Hudson a vincere e avanzare al secondo turno.

 

Più notevole la vittoria di Tyler Rust su Bobby Fish, arrivata anche grazie alla distrazione di Roderick Strong. La Diamond Mine vorrebbe poi impartire una lezione a Fish, salvato da Kushida.

 

Santos Escobar ha la meglio su Dexter Lumis, sfruttando adeguatamente le interferenze di Wilde & Mendoza. I Legados poi hanno un faccia a faccia verbale con la Hit Row. Rivalità a squadre che sicuramente garantirà interesse, anche perché logica è l’ossessione del messicano per il suo caro vecchio NXT North American Championship.

 

Lumis alla fine viene (ricambio diciamo di favore) preso in braccio da Indi Hartwell. Quando quest’ultima prova a baciarlo, Candice LeRae si palesa per trascinarla via. Situazione che ha sempre il benestare del pubblico, affascinato da questa stramba possibile Love Story.

 

Mentre Adam Cole e Kyle O’Reilly continuano a punzecchiarsi a distanza, il vecchio caro BAY BAY viene interrotto da Bronson Reed, stufo di sentire i soliloqui megalomani dell’ex UE. I quali includono anche Samoa Joe, che a fine segmento va per un attimo faccia a faccia proprio con il più longevo NXT Champion della storia. E beh che dire, intrecci di quelli che piacciono.

 

Il Main Event non regala grosse sorprese. Karrion Kross difende con successo il titolo in un incontro solido dove come sempre Johnny Gargano non sfigura. Per quanto riguarda il Campione, parliamo di uno che risulta ancora imbattuto e, come ho detto di recente, dopo aver annientato tutti i migliori del brand è difficile intravedere qualcuno che possa sconfiggerlo. Ma proprio lo Special Guest Referee Samoa Joe potrebbe essere LA SORPRESA a questo punto. Kross infatti a fine match, dopo aver battibeccato in lungo e in largo per tutta la durata della contesa, lo imprigiona nella guillotine hold. Come lo vediamo questo finale?

 

Sembra la cosa più sensata propendere per un ritorno in ring della Samoan Submission Machine, che certamente ha lo status per sconfiggere chiunque gli si metta contro, compreso Kross. Inoltre i vari giochi di sguardi con Cole e Pete Dunne, ci possono dare una piccola speranza verso il ritorno attivo di Joe come wrestler.

 

Chi meglio di lui può scaldare il cuore del pubblico di NXT, magari laureandosi come Nuovo Campione in un bel TakeOver che si tiene in un palazzetto davanti a migliaia di spettatori?

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.

 


Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 08/07/2021

NXT: Great American Bash

Altra settimana positiva per NXT.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT.
Un più che buon Great American Bash, mantiene le aspettative come sempre. Con il brand che sfrutta a pieno questa edizione speciale, continuando senza stonature sul filo della positività.

 

Si parte dal NXT Tag Team Championships Match tra MSK e Tommaso Ciampa & Timothy Thatcher. Opener che fa partire lo show in sesta, con un match fisico e dinamico dove gli stili di lotta delle due coppie si sposano che è un piacere. È un roll-up a far difendere con successo i titoli a Lee & Carter, ma la sensazione è che la faida proseguirà almeno con un altro match. Giusto rimandare eventualmente il passaggio di consegne, dando risalto maggiore alla faida anche nelle prossime settimane.

 

Difende con successo il suo titolo anche LA Knight, che ha la meglio su Cameron Grimes. Confermata l’ottima chimica tra i due, che regalano un altro piccolo gioiello del loro feud. Il Million Dollar Champion vince in modo scaltro colpendo il rivale con una DDT sulla cintura fuori ring, il che ovviamente apre alla continuazione della rivalità tra le due Superstar, anche perché ora Grimes è diventato maggiordomo di Knight. Un successo sotto tutti i punti di vista.

 

Successo è la parola chiave per descrivere la gestione degli NXT Women’s Tag Team Championships, che anche a questo giro è da promuovere con lode. La The Way affronta la strana coppia Io Shirai & Zoey Stark, le quattro protagoniste offrono una prestazione notevole come sempre. Ma la svolta decisiva non arriva da loro. È infatti il ritorno di Tegan Nox a spostare gli equilibri del match, causando la distrazione dell’arci-nemica Candice LeRae che ci consegna dunque due nuove NXT Women’s Tag Team Champions. Il paragone con la controparte Main Roster è inutile, la differenza nello sviluppo, nella presentazione, nella gestione e nella valorizzazione di storie, atlete e titoli lo è ancora di più. Penso alle continue vignette del caricamento della batteria che hanno portato al ritorno di Nox e più in generale a come si sia riusciti a rendere sensati, legittimi e credibili i titoli di coppia femminili da quando sono stati creati. E la cosa continuerà alla grandissima con Shirai & Stark, buon per noi. Da non sottovalutare neanche il fatto che Dexter Lumis è finalmente tornato a occuparsi di Indi Hartwell, andandola a prendere a fine match per portarla “al sicuro”, mentre LeRae era impegnata a sfuggire dalle grinfie della gallese.

 

Particolare l’esibizione della Hit Row, che si esibisce in un mini concertino rap che sicuramente rafforza questi characters e dà senso totale della loro esistenza come crew prestata allo sprts/entertainment. E proprio questo segmento a suon di rap fa valere tutto quanto il discorso legato all’intrattenimento che da sempre caratterizza in maniera singolare la WWE che, quando vuole e quando trova gli interpreti giusti, non si lascia sfuggire l’occasione. Molto bravi tutti quanti.

 

Il segmento tra Karrion Kross e Johnny Gargano è intrigante il giusto. L’NXT Champion dà credito ai recenti rumors parlando di come il suo obiettivo sia vincere il WWE Championship e disputare Il Main Event di WrestleMania. Gargano invece continua a insistere che Kross non sarà mai al suo livello. Il tutto per annunciare il match tra i due nel prossimo episodio, dove Kross mette in palio il titolo. Samoa Joe come Special Guest Referee dà quel tocco in più.

 

Il Main Event è stato l’ennesima sfida “all’ultimo sangue” tra Adam Cole e Kyle O’Reilly, che non si sono risparmiati nemmeno questa volta, dimostrando che sono due dei migliori pro-wrestler al mondo. Nell’ultimo appuntamento avevo detto di come sarebbe stato forse più utile un successo di O’Reilly, asserendo che la vittoria (che poi è arrivata) di Cole poteva essere vista essenzialmente come il voler allungare la faida, magari per regalare a un pubblico live più ampio di quello del Capitol Wrestling Center il piacere di gustarsi uno scontro del genere da vicino. Siamo 1-1, dunque quanto ipotizzato lo confermo e ribadisco. Il terzo, e forse ultimo, capitolo di questa saga ci sarà sicuramente e a questo punto mi auguro si proceda con la sfida tra i due in un TakeOver realizzato davanti a migliaia di spettatori, come ai vecchi tempi. Tanto a deludere, non ci deludono.

 

Il Black&Gold Brand non solo solidifica il suo status positivamente, ma aggiunge buonissimo materiale per il futuro.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.