IMPACT

IMPACT WRESTLING: Il nuovo vecchio Fulton

IMPACT WRESTLING: Il nuovo vecchio Fulton

Analisi IMPACT.

IMPACT Pubblicato in data 25/06/2020 da Roberto Rotonda

Ben ritrovati con IMPACT WRESTLING, andiamo a vedere cosa è successo questa settimana.  Episodio stravolto dopo i licenziamenti di Dave Crist e Joey Ryan, a causa delle accuse per molestie e abusi. Accadimenti che hanno travolto un po’ tutto il mondo del wrestling recentemente. Appoggiamo la scelta della federazione in toto, questi atti vili non si devono tollerare.

 

Inoltre la questione riguarda pure Michael Elgin, anche se lui a quanto pare ha già risolto a suo favore la cosa, legalmente, a gennaio. Al momento è solo sospeso, vediamo se questo avrà influenza sull’ IMPACT World Championship Match di Slammiversary.

 

Ma passiamo ai fatti del ring. Cominciando dalla sfida tra Tasha Steelz (con Kiera Hogan) e Nevaeh (con Havok). Le due ragazze si dividono equamente la scena offrendo tutto sommato una buona prestazione. Hogan più presente di Havok in chiave di disturbo, è anche il motivo della vittoria di Steelz, arrivata grazie a un furtivo e scorretto roll up. Decisione decisamente azzeccata a mio avviso, e giusta maniera per continuare questo feud. Per essere una rivalità diciamo minore, è molto ben fatta. Il bello deve ancora venire.

 

 

Alisha Edwards interrompe l’intervista di Deonna Purrazzo nel backstage e, dopo un alterco, la sfida a un match. Scelta non tanto felice. La Virtuosa infatti è autrice di un’esibizione dove emerge tutto il suo talento, facendo cedere la rivale dopo aver dominato l’incontro. A fine match, visto anche quanto accaduto durante Busted Open Radio, la IMPACT Knockouts Champion Jordynne Grace arriva infuriata, ma l’italo-americana lascia il ring. Con il match per Slammiversary ufficiale, un modo perfetto di aumentare l’hype e rendere questa sfida ancora più importante. Lavoro che entrambe stanno portando avanti egregiamente, Purrazzo si vede che ha voglia di affermarsi ad alti livelli finalmente. Grace da quando ha cominciato questa rivalità, la vedo più sul pezzo e nella parte. Anche più di quanto ha sconfitto Taya, magari è solo la mia impressione.

 

 

Segmenti di backstage che inoltre hanno portato al vile attacco dei campioni di coppia su Ken Shamrock. Ethan Page e il suo tag team partner lo hanno colpito alle spalle prima che questi salisse sul ring per affrontare proprio Josh Alexander. Dopo i fatti recenti mi sto convincendo sempre di più, anche se questa settimana non si è fatto vivo, che Shamrock si unirà a Sami Callihan per spodestare The North. Non lo so perché, ma ho questa sensazione.

 

Anche Moose è impegnato solo nel backstage questa settimana. In questa occasione a prenderlo in giro è Crazzy Steve, i due si affronteranno, per il TNA World Heavyweight Championship, nel prossimo episodio. Si prevede l’ennesima conferma in attesa del 18 luglio dove secondo me la compagnia ci sta preparando un bello scherzetto, ma ci arriviamo alla fine.

 

Ora torniamo all’azione con un altro match delle Knockouts. Taya Valkyrie affronta Susie. Quest’ultima fa quel che può tenendo bene testa alla Wera Loca, ma alla fine complice anche le solite interferenze del fedele Johnny E Bravo, deve arrendersi alla Road To Valhalla. A fine match l’ex campionessa si prende gioco dell’avversaria ed è dunque l’arrivo di Kylie Rae a evitare il peggio. Nuova sfida all’orizzonte tra le due. Mentre invece sul fronte Susie, aspettiamo impazienti che il suo alter-ego Su Yung ritorni a deliziarci, fino al 18 luglio di tempo ce n’è.

 

E ne ha avuto durante tutta la serata di tempo Johnny Swinger per trovare il terzo partner da affiancare a lui e a Chris Bey, per affrontare Cody Deaner, Cousin Jake e Willie Mack. Dopo aver ricevuto diversi no, da Taya Valkyrie, Hernandez (in realtà ha perso a braccio di ferro), Suicide e Rich Swann. Si, lo ha chiesto anche a Swann. In una serie di momenti super divertenti che vanno a collocare il buon Swing Man in cima alla lista delle cose positive della federazione senza alcun dubbio. Alla fine l’unico sì è stato quello di Rohit Raju e, nonostante il disappunto di Bey, si è rivelato addirittura fondamentale. Infatti l’ex Desi Hit Squad si è preso la Stunner che l’X-Division Champion stava per eseguire su Bey. Con quest’ultimo che ne ha approfittato per colpire e schienare il campione vincendo l’incontro. Sono ripetitivo, aspettiamo solo questo match con il titolo on the line. Match comunque piacevole dove anche i Deaners hanno ben figurato, va detto.

 

 

Il Main Event è la sfida tra Eddie Edwards e Madman Fulton (con Ace Austin). Incontro solido, i due hanno saputo tener fede ai loro personaggi andando a dividersi ottimamente gli spazi durante il match. Vi ricordate quando dicevo di Fulton monster heel da provare a tutti i costi? Ecco, credo che questo incontro sia stata una sorta di prova. La sua vittoria poi, contro un ex World Champion e veterano come Edwards, dà ancora più credito e se vogliamo importanza a quanto ipotizzato. Dopo il match con Shamrock palesemente cannato anche per via dell’infortunio a Hard To Kill, sembra essere arrivato nuovamente il suo momento. Vediamo come si sviluppa l’alleanza con Austin e a cosa porta. Se la sospensione di Elgin dovesse essere confermata anche per le prossime settimane (non credo a dire il vero) magari potrà essere proprio Fulton, anche tradendo chissà proprio Austin, a entrare nel discorso del titolo. Ha comunque schienato, pulito e senza interferenze, uno dei partecipanti a quel match. Un piccolo indizio già c’è. Non è un discorso troppo fantasioso.

 

Andiamo più di fantasia con la suggestione del rientrante misterioso World Champion. D’Lo Brown ha chiuso la puntata al telefono accennando agli Aces & Eights. Ora, se vogliamo vedere le vignette sotto una certa luce, il whiskey, i bicchierini. Gli indizi ci sono. E se fosse Bully Ray a fare clamorosamente ritorno a Slammiversary? A questo punto sembra troppo telefonata come cosa, ma è comunque molto suggestiva. Potrebbe essere una mossa volta solo a giocare con i fan, ci sta. Come ci potrebbe anche stare, ma non ne sarei felice in verità, una riesumazione della vecchia stable sotto una nuova gestione. Io sono più per lo scherzetto, poi se dovesse arrivare Bully Ray, sarei comunque contento. Uno dei migliori heel nonché World Champions nella storia della compagnia.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.



Fight Planet Italia

IMPACT Pubblicato in data 26/11/2020

IMPACT WRESTLING: The Fighting Champion

Analisi IMPACT.

Ben ritrovati con IMPACT WRESTLING, andiamo a vedere cosa è successo questa settimana. Rich Swann difende l’IMPACT World Championship nel Main Event contro Ken Shamrock. Mentre prosegue anche il torneo per i titoli di coppia femminili.

 

La puntata comincia con Scott D’Amore che fa visita a John E. Bravo. Il tutto in funzione del processo alla Wrestler’s Court che si concluderà con la risoluzione del caso, dove Lawrence D è dichiarato colpevole per sua stessa ammissione. Un epilogo che francamente mi ha deluso, una storia che era stata costruita bene ma che con il tentato omicidio e con questo finale, mi ha lasciato molto perplesso. Menomale almeno è finita e si può mettere tutti quanti su un nuovo percorso.

 

Buono il match tra Sea Sisters e la coppia Kiera Hogan & Tasha Steelz. Le prime impressionano bene al debutto, tuttavia impensabile la sconfitta per le loro avversarie. Che si confermano e avanzano al prossimo turno nel torneo dei titoli di coppia. Nessuna sorpresa, ma altri due profili interessanti inseriti dalla compagnia nel comparto femminile.

 

Comparto femminile che si arricchisce di una leggenda del calibro di JAZZ, è lei infatti la prescelta di Jordynne Grace. Una coppia così ha sicuramente il pedigree per la vittoria finale. La ex WWE Women’s Champion e anche ex NWA Women’s Champion esce dal ritiro scegliendo IMPACT come destinazione. Sicuramente un bel segno di stima nei confronti della fed.

 

Inoltre Alisha Edwards e Tenille Dashwood si rimettono in coppia, se pur ormai fuori dal torneo. È una mossa che a mio avviso blocca l’australiana. La quale mi aspettavo vincesse il titolo molto prima dell’attuale campionessa.

 

Rohit Raju accetta la sfida di Suicide, a patto che l’X-Division Championship non sia in palio. Match che il campione perde quando, convinto che sotto la maschera si nasconda TJP, la musica di quest’ultimo risuona e lui compare sullo stage. Raju, che aveva smascherato l’avversario, viene schienato e scopre che a vestire i panni di Suicide è invece Crazzy Steve. Un buon modo di proseguire la storia, con il campione sconfitto a sorpresa. Vedremo se decideranno di mandare Steve contro Raju, o di optare per la soluzione Suicide magari turnando heel TJP che a mio avviso ha bisogno di un cambiamento in questo momento di stallo. Anche se con la partecipazione alla NJPW Super Cup, non so quanto possa essere realistica questa ipotesi.

 

Il match tra Killer Kelly e Kimber Lee si basa tutto sull’arrivo a fine contesa di Susie. Un buon incontro che a mio avviso ha la pecca del risultato. Visto appunto la conclusione, si poteva concedere una bella vittoria alla portoghese in virtù del match di coppia che poi lei e Renee Michelle avranno proprio contro Lee e Deonna Purrazzo. Ovviamente molto ben costruita la situazione di Suise che porta all’arrivo di Su Yung che a un certo punto è proprio di fianco a lei. Molto bello il gioco della doppia personalità contemporaneamente esposta. Yung attacca entrambe, ma le nostre riescono a salvarsi. Poi chiederanno aiuto a Father James Mitchell, e questo è un buon spunto. Può aprire uno scenario nuovo attorno a questa storyline che è comunque da promuovere.

 

Ethan Page sale sul ring per il suo match contro il Phenomenal Opponent, Karl Anderson ce lo presenta. Risuona la musica di AJ Styles, ma ovviamente non è lui. Bensì AJ Swoggle. Il match è una commedia che vede la vittoria di rapina di Swoggle. Condivido la scelta della vittoria del Weenomenal One, che così dà la giusta continuazione della faida tra The North e Good Brothers.

 

Anche questa settimana Eric Young e Joe Doering fanno finire un match in No Contest. Si tratta della sfida tra Fallah Bahh e Daivari. È Rhino che prova a correre in soccorso dei due, ma anche questa settimana ha la peggio.

 

E il Main Event chiude la puntata. Swann e Shamrock mettono su un match buono, Callihan si fa subito sgamare e viene allontanato dall’arbitro. Incontro tosto per il Campione, che soffre le sottomissioni e i colpi duri del rivale. Ma riesce ad avere la meglio proprio quando gira in schienamento vincente una delle manovre di sottomissione di Shamrock. Rich Swann si conferma World Champion, il neo Hall Of Famer s’infuria e comincia a colpirlo, arriva Callihan, poi Eddie Edwards. Quest’ultimo sarà protagonista di un beat down che lo porta al sanguinamento quando Sami Callihan lo colpisce con la mazza da baseball all’altezza dell’occhio. L’arrivo di security e arbitri evita conseguenze peggiori. Tuttavia Shamrock mette KO D'Lo Brown. Un finale che lascia pochi dubbi. La storia continua.
Onestamente non mi è piaciuto tanto, già visto, già vissuto qualcosa del genere. Mi auguro che le prossime settimane possano offrire spunti nuovi, invece che andare a riciclare una storia che è anche abbastanza recente. Mi auguro solo non venga portata troppo per le lunghe.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.

 

Vi ricordo che se volete avere il piacere di confrontarvi su ogni tipo di tema riguardante IMPACT Wrestling, potete seguire i nostri amici di IMPACTZone Italia (cliccate sul link a sinistra) su facebook. Mi raccomando iscrivetevi alla loro pagina!


Fight Planet Italia

IMPACT Pubblicato in data 19/11/2020

IMPACT WRESTLING: The Rascalz Farewell

Ultimo match a IMPACT Wrestling per i Rascalz.

Ben ritrovati con IMPACT WRESTLING, andiamo a vedere cosa è successo questa settimana. Turning Point è stato un evento importante, che ha visto ben due cinture cambiare padrone. Deonna Purrazzo ha sconfitto Su Yung per diventare così, in pochi mesi, una già 2 volte IMPACT Knockouts Champion. Mentre i Good Brothers, sconfiggendo i The North, hanno aggiunto gli IMPACT Tag Team Championship alla loro leggendaria collezione di titoli.

 

 

La serata si apre con il No DQ Match tra Moose e Willie Mack. Soluzione che segue gli eventi di Turning Point, con un copione molto simile. Solo che a questo giro i colpi del TNA Heavyweight Champion sono legali e la decisione dell’arbitro di fermare l’incontro gli vale la vittoria. Come detto recentemente, un feud breve e transizionale per Moose. In effetti dico ciò perché penso sia ora di chiudere il capitolo della TNA con la sfida tra lui e Rich Swann, altre faide con ex TNA o simili, sarebbero solo una cosa già vista.

 

Finisce in No Contest l’incontro tra Suicide e Gio. Quando Eric Young e il suo nuovo affiliato, Joe Doering (che ha esordito al suo fianco a Turning Point) arrivano in scena per fare piazza pulita. I due saranno poi affrontati da Rhino nel backstage, e la Gore Machine avrà la peggio assieme a Heath, un bell’investimento e una bella coppia heel. Vediamo se dopo la parentesi di EY come World Champion, i due saranno collocati nella divisione di coppia o meno.

 

Classico momento creepy legato a Su Yung. L’ex Campionessa femminile alla sua maniera disturba l’intervista di Deonna Purrazzo e Kimber Lee, che a proposito fanno sapere di voler mettere le mani sui redivivi titoli di coppia, con un messaggio scritto col sangue molto chiaro nei confronti della Virtuosa, settimana prossima arriverà il momento della vendetta. Con questo passaggio di consegne fresco, è curioso vedere come procederà questa faida.

 

Altra sfida che segue linearmente la disputa di Turning Point, è quella tra Crazzy Steve e Brian Myers. Quest’ultimo, dopo essere andato vicino alla capitolazione, riesce a vincere anche aiutandosi con un colpo non proprio corretto. Al momento situazione da riempitivo, ma sicuramente con questa gimmick di Most Professional Wrestler ce lo vedo bene anche in contesti più importanti.

 

“Svolta” clamorosa nell’indagine di Tommy Dreamer. Su suggerimento dei Deaners, l’Innovator Of Violence scopre che Johnny Swinger detiene una pistola. Ragione che lo porta a pensare sai lui l’indiziato principale del tentato omicidio contro John E. Bravo. Settimana prossima perciò ritorna la Wrestle Court e ci sarà sicuramente da ridere a morte.

 

 

Inizia ufficialmente il Knockouts Tag Team Title Tournament con il match tra Havok & Nevaeh e la coppia Tenille Dashwood, Alisha Edwards. Narrativa che vede Dashwood praticamente lasciare, intimorita, la compagna in balia di Havok. Nonostante ritorni attiva per provare a aggiustare le cose, usa Alisha come scudo umano per salvarsi, quindi le due perdono il match. Un buonissimo storytelling e un risultato che pone subito le due vincenti come papabili finaliste. Non prima di aver affrontato però Jordynne Grace e la misteriosa partner (penso sia una “formalità” il match tra Grace e la coppia Killer Kelly\Renee Michelle) che scopriremo nel prossimo episodio. Chi torna dal ritiro? Gail Kim, Tara, ODB, Taryn Terrell. Sono tanti i nomi che stuzzicano la mente degli appassionati e sicuramente mettere Grace con una delle glorie della federazione è una mossa che può rivelarsi vincente.

 

Capitolo finale della saga Fallah Bahh-Hernandez. Il messicano si aggiudica la vittoria e si vendica così dei soprusi subiti in queste settimane dove Bahh gli aveva rubato i soldi. Una faida riempitiva divertente, vediamo ora cosa il management avrà in serbo per entrambi.

 

Il segmento tra Scott D’Amore, Rohit Raju e TJP mi fa pensare che quest’ultimo tornerà a vestire i panni di Manik o Suicide e vincerà così finalmente l’agognato X-Division Championship. Sicuramente divertente e strambo quello che coinvolge Ethan Page e i Good Brothers, che affermano di aver trovato un avversario Phenomenal (riferendosi ovviamente a AJ Styles) per il canadese nella prossima puntata. Ovviamente Styles non ci sarà, ma resta la curiosità di vedere cosa hanno in mente i due nuovi campioni di coppia. Promossi a pieno finora.

 

 

E siamo al Main Event, l’ultimo match a IMPACT Wrestling per i Rascalz. Durante la puntata abbiamo visto i tre ripercorrere il loro cammino nella federazione attraverso contributi video. Chiudono con un tag team match dove Dez & Wentz sfidano Trey Miguel e Rich Swann. Incontro spettacolare che riesce nel ruolo di celebrare i tre ragazzi, che mettono sul ring tutta la loro qualità e il loro talento. Con Swann poi un’alchimia perfetta, benché non è stato mai in discussione il risultato, a favore di Swann e Trey, è stata comunque una bella celebrazione sul ring anche a livello empatico. I tre alla fine sono in lacrime, si abbracciano e poggiano le iconiche giacche sulla terza corda lasciando la scena. Nel backstage si riuniscono con Swann per poi essere attaccati da Sami Callihan e Ken Shamrock. Shamrock si prende quindi un bel vantaggio a sette giorni dall’IMPACT World Championship Match contro Swann.
Una scelta ovvia e lineare, gli heel che rovinano la festa dei face. Poeticamente semplice e dall’effetto garantito.
Salutiamo i Rascalz e gli auguriamo il meglio del meglio qualsiasi sia la prossima destinazione, questi tre ragazzi hanno saputo farsi apprezzare per la loro capacità di saper divertire indipendentemente dalle loro abilità, e ad avercene, di offrire sempre ottimo wrestling.

 

Episodio che ha dato seguito agli eventi di Turning Point in maniera molto efficace. E che ha messo già fatti nuovi che rendono le prossime settimane all’apparenza molto curiose e interessanti.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.

 

Vi ricordo che se volete avere il piacere di confrontarvi su ogni tipo di tema riguardante IMPACT Wrestling, potete seguire i nostri amici di IMPACTZone Italia (cliccate sul link a sinistra) su facebook. Mi raccomando iscrivetevi alla loro pagina!

 


Fight Planet Italia

IMPACT Pubblicato in data 12/11/2020

IMPACT WRESTLING: Turning Point “Preview”

Analisi IMPACT.

Ben ritrovati con IMPACT WRESTLING, andiamo a vedere cosa è successo questa settimana. Episodio che fa da ultima tappa prima dell’evento speciale, esclusiva di IMPACT Plus, Turning Point. Che andrà in scena questo sabato.

 

 

Continua la costruzione del torneo per gli IMPACT Knockouts Tag Team Championship. Nel match tra Havok e Nevaeh contro Tenille Dashwood e Madison Rayne che dovrebbe andare a consolidare la formazione della seconda coppia, sono le prime a trionfare. Dashwood allora, con Rayne che è stata schienata, decide che non è la partner ideale e, con la coda tra e gambe, torna da Jordynne Grace a chiedergli se è disponibile. A Turning Point sapremo se le due faranno coppia ufficialmente o meno. Lo ribadisco, l’annuncio del reintegro dopo anni delle cinture di coppia femminili, sembra essere una scelta buona per sfruttare al meglio l’ottimo roster femminile a disposizione della compagnia.

 

Anche questa settimana niente da fare per Tommy Dreamer e la sua ricerca del colpevole che ha sparato a John E. Bravo. Al momento è molto strano che Rosemary, la moglie del moribondo, non abbia detto parola per due puntate di fila. Che sia lei la chiave per arrivare alla verità? Può darsi, e voglio proprio vedere alla fine di questa storia come ne escono. Al momento resto perplesso.

 

 

Il match più atteso della serata, almeno da me, è senza dubbio l’X-Division Championship Match tra Rohit Raju (Campione in carica) e TJP, dove se quest’ultimo non vince, dice addio alle possibilità di andare per il titolo fino a quando Raju sarà Campione. Ebbene il match non mi ha deluso e trovo eccellente il modo in cui è strato costruito l’indiano, che ha vinto con un bel low blow in pieno stile villain. Nonostante i dubbi iniziali, Rohit Raju e il suo regno di X-Division Champion si stanno consolidando come una delle mosse vincenti di IMPACT. Da heel funziona bene, e il fatto che a Bound For Glory sia uscito vincitore dal Six-way Scramble Match è stato ulteriore segnale di fiducia nei suoi confronti. Tutto meritato, visto il sempre ottimo lavoro svolto dal Desi Hit Man qualsiasi sia stato il suo impiego nella card.

 

Fallah Bahh si fa intortare da Kiera Hogan e Tasha Steelz che gli rubano i soldi. Nel frattempo i Rascalz annunciano che lasceranno IMPACT settimana prossima. Mentre Moose attacca Willie Mack in zona infermeria. Su Yung continua la sua battaglia psicologica con Deonna Purrazzo quando fa sparire Kimber Lee che compare poi in una stanza dietro un vetro con un messaggio indirizzato alla Virtuosa.

 

Importante vittoria in singolo per Chris Sabin che, ancora senza Alex Shelley al suo angolo, sconfigge Acey Romero nonostante le varie interferenze di Larry D. Tuttavia sono i due XXXL ad avere la parola finale quando attaccano Sabin nel post match. Un build up buono quello fatto con gli XXXL, che a Turning Point passerà dalla sfida contro Sabin e il suo partner d’eccezione per l’occasione, Cowboy James Storm. Se dovesse arrivare la vittoria, potrebbe essere un buon segnale per entrare definitivamente nel quadro delle cinture. Buona trovata mettere insieme la metà di due dei più iconici tag team nella storia della TNA/IMPACT, vediamo se il loro passato e la loro rivalità verrà portata on screen o se i due faranno coppia in totale armonia.

 

 

Non è cambiato molto rispetto alla scorsa settimana per Sami Callihan. The DRAW trova un nuovo momentaneo alleato in Chris Bey. Quest’ultimo, impegnato nella sfida contro Eddie Edwards, si fa cogliere di sorpresa da un pin furtivo e perde. Allora Bey decide di prendere una sedia, ma più che per usarla è una distrazione per far sopraggiungere Callihan e far partire il pestaggio. Il World Champion Rich Swann corre in salvo dell’amico, poi però arriva Ken Shamrock e riporta il vantaggio numerico. Sono i Rascalz a salvare Swann ed Edwards. Ottimo segmento, che troverà molto probabilmente continuazione settimana prossima. Quando Swann (che sabato sfida Callihan con il titolo in palio) e Trey Miguel faranno coppia contro Dez & Wentz nel match che celebrerà l’addio dei tre simpatici “mascalzoni”.

 

I Reno Scum (Adam Thornstowe & Luster the Legend) sconfiggono Fallah Bahh & Crazzy Steve in un match che li vede imporsi bene, e che avrà sicuramente fatto felice il loro affiliato Hernandez.

 

 

L’episodio si chiude con il Main Event tra Karl Anderson e Josh Alexander. Un match discreto, equilibrato, dove si capisce col passare dei minuti che qualcosa debba accadere prima o poi. E infatti si chiude per squalifica quando Ethan Page colpisce Anderson che si aggiudica la contesa. Sale sul ring anche Gallows e parte la più classica delle risse tra The North e Good Brothers che si chiude in un nulla di fatto per l’arrivo della security.
Un altro piccolo mattoncino messo su questa rivalità che è esplosa sin dall’approdo dei Good Brothers a IMPACT e che sta trovando una buona trasposizione narrativa da tutte le parti coinvolte.

 

Una puntata piacevole che è riuscita nell’intento di sistemare le ultime cose prima di un evento transizionale come Turning Point.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.

 

Vi ricordo che se volete avere il piacere di confrontarvi su ogni tipo di tema riguardante IMPACT Wrestling, potete seguire i nostri amici di IMPACTZone Italia (cliccate sul link a sinistra) su facebook. Mi raccomando iscrivetevi alla loro pagina!