IMPACT

IMPACT WRESTLING: Avanti Un Altro

IMPACT WRESTLING: Avanti Un Altro

Episodio pre IMPACT Homecoming.

IMPACT Pubblicato in data 31/07/2021 da Roberto Rotonda

Ben ritrovati con IMPACT WRESTLING, andiamo a vedere cosa è successo questa settimana.
Ultimo episodio prima dell’evento Homecoming, che sarà esclusiva di IMPACT Plus. Sempre centrale il ruolo di Jay White. In evoluzine anche la situazione di Kenny Omega, che porta a un gradito ritorno nella IMPACTZone.

 

Jay White & Chris Bey aprono la serata con una sconfitta contro i Good Brothers. Lo Switchblade dunque chiede a Bey ulteriore prova di essere Bullet Club Material, così i due pestano David Finlay & Juice Robinson nel backstage. I FinJuice avevano vinto il match a squadre dove han fatto team con No Way & Fallah Bahh contro Ace Austin, Madman Fulton, Shera & Rohit Raju. Vediamo dopo NJPW Resurgence se il leader del Bullet Club avrà ancora un posto a IMPACT. L’apparizione a Slammiversary contro Omega non penso resterà in sospeso così.

 

La rivalità tra Tenille Dashwood e Taylor Wilde continua con la vittoria di quest’ultima nell’intergender match contro Kaleb With a K.
Restiamo in tema perché l’annuncio del King & Queen Tournament vede proprio l’assenza della coppia Dashwood/Kaleb. Cosa che mi ha stupito, visto le altre coppie. Petey & Jordynne (con la gimmick Scott Steineriana), Hernandez & Alisha, Dreamer & Ellering, Fallah & Tasha. Accoppiamenti abbastanza strambi, mentre le coppie più “sensate” sono Cardona & Chelsea e la Decay (Rosemary & Crazzy Steve). Interessante anche il coinvolgimento della IMPACT Knockouts Champion Deonna Purrazzo che annuncia la sua partecipazione con un partner a sorpresa, facile (forse anche troppo) ipotizzare al fidanzato Steve Maclin, più intrigante pensare al fu Drama King Aiden English che da settimane ormai si palesa sottoforma di vignetta, ma magari è qualcun altro. Annuncia il suo posto nel torneo anche Brian Myers che, come la Virtuosa, avrà una partner a sorpresa. Molto divertente il segmento nel quale videochiama Francine (ex ECW) che però lo rifiuta in quanto sa di essere addirittura la terza scelta.

 

Ad Homecoming ci sarà anche l’incontro tra Josh Alexander e Black Taurus. Che non dovrebbe rappresentare nulla più del title match transizionale per l’attuale campione.

 

Kimber Lee ha subito la Su Yung-izzazione e sembra che sia arrivato il suo momento, sicuramente una svolta intrigante per entrambe.

 

Mentre arriva finalmente la vendetta di Willie Mack & Rich Swann contro la Violent By Design (Deaner & Rhino) che portano a casa la vittoria rendendo vani i tentativi di intromissione di Eric Young & Joe Doering. Risultato che può avvicinarli a un match con i titoli di coppia in palio.

 

Il Main Event lo vince Moose, dopo un match molto piacevole, dove Chris Sabin tiene botta bene prima di perdere per mano della Lights Out Spear. Ed era, come dicevamo nell’analisi di Slammiversary, il risultato più plausibile (il pareggio di Moose) per dare continuità al feud. La rissa scaturita inoltre a fine match, con l’episodio chiuso con staff e security a separare i due contendenti, legittima il tutto avvalorando questa tesi. Resta da capire quali sono le intenzioni future a seguito di questa rivalità, visto che Moose ha già fallito l’assalto al titolo mondiale e Sabin ha per lo più combattuto sempre nella categoria di coppia. Chi vivrà vedrà.

 

Tommy Dreamer ufficializza la difesa dell’IMPACT World Championship di Kenny Omega a Emergence, annunciando una #1 contenders battle royal tra due settimane per determinare chi sarà il prossimo sfidante al titolo mondiale. Il World Champion arriva con Don Callis e i Good Brothers a centro ring. È Callis a dirigere i giochi con la solita manfrina, interrotta da Sami Callihan. Che annuncia di essere uno dei partecipanti alla battle royal, ma si dice stufo di dover aspettare fino a Emergence per colpire Omega, magari anche alle spalle. Il che è impossibile secondo la Elite, che però alle spalle si fa sorprendere dall’Elite Hunter Frankie Kazarian che arriva dalla AEW e fa ritorno nella IMPACTZone dopo 7 anni (ah i BAD INFLUENCE, The World Tag Team Champions Of The World, quanti bei ricordi). E questo porta alla decisione di un 3-on-3 dove a far squadra con Kaz e The DRAW, ci sarà Eddie Edwards non convinto di far squadra con Callihan, ma che ha fiducia in Dreamer che lo ha reclutato.

 

Buona costruzione, buoni spunti, buone idee creative ma, quando si tratta di Kenny Omega, del suo regno da IMPACT World Champion e dei suoi sfidanti, la cosa più naturale che mi viene da dire è: AVANTI UN ALTRO!

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.

 

Vi ricordo che se volete avere il piacere di confrontarvi su ogni tipo di tema riguardante IMPACT Wrestling, potete seguire i nostri amici di IMPACTZone Italia (cliccate sul link a sinistra) su facebook. Mi raccomando iscrivetevi alla loro pagina!



Fight Planet Italia

IMPACT Pubblicato in data 04/09/2021

IMPACT WRESTLING: X-Division on fire

Analisi IMPACT.

Ben ritrovati con IMPACT WRESTLING, andiamo a vedere cosa è successo questa settimana.
Questo è il periodo più importante dell’anno per quanto riguarda IMPACT. Siamo nelle settimane che ci portano a Bound For Glory e dunque ogni faida ha una eco maggiore. Le costruzioni assumono contorni più avvincenti e le trame vanno a delinearsi verso un finale che, ci auguriamo, sia quello più ideale proprio in virtù del glorioso BFG.

 

La federazione sta lavorando bene e, mia opinione, al momento risulta essere la meno ingolfata delle fed americane. La più fluida da seguire e anche quella dove vige una logica chiara e precisa che non lascia spazio a dubbi o cose insensate. E dico ciò consapevole del fatto che, ormai da tempo, IMPACT è l’unico show settimanale dove si vede intergender wrestling di una certa credibilità, che ha il suo perché e può acchiappare anche i fans meno propensi a questo tipo di cose.

 

Prendiamo a esempio i The Influence (Tenille Dashwood, Madison Rayne & Kaleb With a K). È Kaleb la chiave di tutto, personaggio che funziona proprio perché, messo al fianco di Dashwood (e ora anche di Rayne), trova la sua dimensione giocando sul serio e il faceto di quello che il suo character racconta. Dando più forza a tutte le controparti femminili, infatti anche in questo episodio è lui “il punto debole” che finisce col subire il pin nel match a squadre contro Taylor Wilde, Jordynne Grace & Rachel Ellering.

 

La forza della compagnia sta anche nel fatto di sapere muovere bene i suoi pezzi. E, infatti al contrario, nel tag team match tra Shera & Rohit Raju contro Matt Cardona & Chelsea Green accade l’opposto. Green viene colpita pesantemente al volto con una ginocchiata, e lei e il suo partner perdono l’incontro. Non è stata affatto il punto debole, sia chiaro. Ma semplicemente a differenza del match di cui sopra, l’intergender assume un ruolo più crudo e va a incanalarsi in un discorso di storytelling che vede i due indiani comportarsi da super heels senza scrupolo alcuno. Se arrivi a chiederti come si fa a non odiarli? allora è stata una scelta giusta.

 

E sono tutte giuste le varie storie che stiamo vedendo.
Deonna Purrazzo sempre più protagonista, lanciata verso quello che quasi sicuramente sarà uno dei match clou della card di BFG. Dove sembra evidente che l’attuale IMPACT Knockouts Champion vada a difendere la cintura contro Mickie James, visto quanto successo anche in NWA, è forse lecito aspettarsi il cambio di titolo. Non che ce ne sia necessariamente bisogno, ma James ha tutte le carte in regola per spodestare The Virtuosa.

 

Per la scena femminile, ma categoria di coppia, continua l’assalto di Tasha Steelz & Savannah Evans contro le campionesse della Decay (Havok & Rosemary). Steelz, mascheratasi nel treno conga di No Way, attacca Rosemary per poi, con Evans, colpire anche Havok. Il tutto prima del match di coppia che al maschile vede la vittoria proprio dei Decay (Black Taurus & Crazzy Steve su appunto No Way & Fallah Bahh.

 

E non vanno dimenticate Su Yung & Kimber Lee, che dopo aver catturato l’anima di Brandi Lauren (passata dalla parte del male con loro) non mi dispiacerebbe vedere coinvolte nel giro dei titoli. Immaginate solo la grandezza di una eventuale sfida tra loro e Decay. Mi auguro si faccia.

 

Moose e W. Morrissey si alleano per demolire un inerme Eddie Edwards. E ciò potrebbe far nascere una rivalità tra strane coppie, laddove in “soccorso” di Edwards è plausibile che arrivi Sami Callihan, anche se in questa particolare occasione non si è palesato.

 

Da premiare anche i segmenti con Steve Maclin, ancora in faida con Petey Williams. E la Violent By Design che continua il processo punitivo ai danni di Rhino, reo dell’essere responsabile del fallimento all’offensiva dei titoli di coppia. Per i quali comunque la faida più in auge per i Campioni Good Brothers, resta quella contro Rich Swann & Willie Mack. Che dopo lo scontro tra l’ex World Champion e i due Elite, va a rafforzare le sue basi, in attesa del ritorno del Milk Chocolate.

 

Ma forse la cosa migliore di questi mesi è la gestione di Josh Alexander e del suo X-Division Championship. Il Walking Weapon ha tirato su un match migliore dell’altro, dando vita a un regno tutto fuorché anonimo, affermandosi di fatto come uno dei punti fermi della compagnia. Questo episodio lo conferma ulteriormente, quando, dopo aver sconfitto nella open challenge un ottimo Jake Crist (di ritorno dopo i problemi legati al fratello e a Joey Ryan) viene sfidato dalla X-Division per eccellenza, l’otto volte ex Campione Chris Sabin. Una sfida, da conservare fino al grande evento Bound For Glory e non da fare prima, sicuramente affascinante tra due dei wrestler migliori non solo a IMPACT, non c’è di meglio per raccontare la storia e il prestigio della X-Division. Che vinca o che perda comunque, il canadese dopo questa parentesi merita il consequenziale step successivo nel giro del World Championship.

 

Che per ora vede la rivalità tra il Campione in carica Christian Cage e Ace Austin. Quest’ultimo nel Main Event ha la meglio (anche grazie a Fulton) di Tommy Dreamer, assicurandosi dunque il 1-on-1 contro Cage a Victory Road. Dove si va verso la conferma di Captain Charisma, per il quale ci aspettiamo un Big Match di Cartello per Bound For Glory.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.

 

Vi ricordo che se volete avere il piacere di confrontarvi su ogni tipo di tema riguardante IMPACT Wrestling, potete seguire i nostri amici di IMPACTZone Italia (cliccate sul link a sinistra) su facebook. Mi raccomando iscrivetevi alla loro pagina!


Fight Planet Italia

IMPACT Pubblicato in data 14/08/2021

IMPACT: The Most Professional #1 Contender

Ritorna anche una ex Knockouts Champion!

Ben ritrovati con IMPACT WRESTLING, andiamo a vedere cosa è successo questa settimana.
Primi accenni di card per Emergence. Puntata che porta bene avanti le varie trame. Con una bella #1 Contenders Battle Royal nel Main Event, che decreta il prossimo sfidante al titolo di IMPACT World Champion.

 

Battle Royal che è sicuramente ben scritta, ben lottata e che benissimo si sposa per chiudere la puntata. E che vede ripercorrere al suo interno le varie storie che hanno visto le diverse rivalità (recenti e meno) tra i partecipanti essere portate in scena con maestria. Alla fine, quando tutti si aspettavano come vincitore un Sami Callihan, un Eddie Edwards, magari un W. Morrissey (eliminato da tutti i partecipanti), un Sabin o anche Moose, devono fare i conti con una scelta totalmente a sorpresa. Brian Myers. Che, in una escalation di situazioni, riesce a restare sul ring fino all’ultimo, quando elimina gli altri due rimasti (Sabin e Moose) e vince il match. Decisione che pare essere del tutto di transito, nel senso che chiunque esca vittorioso dall’IMPACT World Title Match tra Kenny Omega e Christian Cage di AEW RAMPAGE, è ipotizzabile trovi nel Most Professional Wrestler il semplice avversario sul momento da sconfiggere a Emergence. Che sia Omega o Christian, non cambia nulla. Potrebbe non essere così, ma lo sarà.

 

Finalmente abbiamo il match tra Tenille Dashwood e Taylor Wilde. Un ottimo match dove la seconda perde soltanto per l’intromissione della rientrante Madison Rayne, tornata al fianco della Influencer. Rivalità che dunque per ora prosegue, e che potrebbe voler dire, magari più in là, che l’australiana ha finalmente trovato la partner per puntare seriamente ai titoli di coppia. E chissà che ciò non possa portare anche a qualche gradito ritorno ad affiancare anche Wilde.

 

E viene facile subito pensare anche a Su Yung & Kimber Lee. La prima controlla, telepaticamente, la seconda per attaccare Kiera Hogan, che aveva avuto parole pesanti nei confronti di Tasha Steelz & Svannah Evans. Con Hogan (avviata al passaggio in AEW) ormai nel passato, la federazione è riuscita a costruire bene la sua uscita. Inoltre la divisione di coppia femminile, al momento vive una situazione ottimale, con tante coppie pronte all’assalto di Havok & Rosemary. Gran bel lavoro.

 

I Good Brothers e la VDB continuano con animosità la loro rivalità, nel backstage. Nella zona interviste invece c’è il confronto verbale tra Melina e la IMPACT Knockouts Champion Deonna Purrazzo. La ex 5 Volte WWE Women’s Champion debutterà a IMPACT con un match la prossima settimana.

 

Josh Alexander sconfigge Daivari, match bello intenso, sotto gli occhi del suo prossimo sfidante Jake Something, con cui avrà anche un bel faccia a faccia a fine match, che però non porterà allo scontro. Niente di personale, ma mi stupirebbe vedere Something detronizzare il Walking Weapon.

 

Vincono per squalifica i FinJuice (Juice Robinson & David Finlay) contro Jay White & Chris Bey. I primi stanno per vincere, ma The Switchblade colpisce Robinson a con una sedia. Sulla quale poi esegue la Blade Runner ai danni di Finaly. Già detto, lo ripeto, vediamo che succederà dopo NJPW Resurgence.

 

A sorpresa arriva la sconfitta di Matt Cardona contro John Skyler. Risultato che si manifesta dopo l’intromissione di Rohit Raju & Shera che provoca la distrazione dell’Alwayz Ready che non riesce a uscire dal roll-up del rivale. Rivalità abbastanza riempitiva, che vedrà secondo me Cardona alla fine uscire vincitore.

 

I tasselli messi per Emergence sono buoni, anche se come spesso capita per gli eventi esclusivi di IMPACT Plus, sembra tutto molto scontato e quindi dal poco appeal. Ma bisogna pur sempre guardarli per esserne certi.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.

 

Vi ricordo che se volete avere il piacere di confrontarvi su ogni tipo di tema riguardante IMPACT Wrestling, potete seguire i nostri amici di IMPACTZone Italia (cliccate sul link a sinistra) su facebook. Mi raccomando iscrivetevi alla loro pagina!

 


Fight Planet Italia

IMPACT Pubblicato in data 07/08/2021

IMPACT WRESTLING: Elite, ma non sempre

Non mancano le sorprese a IMPACT.

Ben ritrovati con IMPACT WRESTLING, andiamo a vedere cosa è successo questa settimana.
Vedere IMPACT è un toccasana. Storie logiche, buoni match, piacevoli sorprese. Anche in questo episodio la compagnia non si smentisce e continua sulla giusta via il suo cammino.

 

Chris Bey entra nel Bullet Club dopo aver sconfitto Juice Robinson, guadagnandosi quindi la fiducia di Jay White che nel frattempo finisce a scontrarsi con David Finlay sullo stage. La mia curiosità per lo Switchblade è tutta per il post NJPW Resurgence.

 

Per la serie collaborazioni, a sorpresa Mickie James presenta a Deonna Purrazzo la sua avversaria a NWA Empowerrr. Melina, che arriva a centro ring per firmare il contratto e annunciare alla Virtuosa di non vedere l’ora dello spodestamento. Quindi James rimane fedele al ruolo esecutivo, lasciando a Melina le luci della ribalta. Il che lo leggo con la sicura conferma dell’attuale IMPACT Knockouts Champion, che tanto magari poi qualche modo si trova per farlo sto benedetto Purrazzo vs. James, chissà, potrebbero allungare il regno fino a Bound For Glory. E sicuramente allo stato attuale Mickie James avrebbe tutte le carte in regola per succedere in maniera credibile alla nostra straordinaria Campionessa.

 

E rimaniamo in tema femminile con la conferma di Jordynne Grace & Rachel Ellering sulle Fire ‘N Flava (Tasha Steelz & Kiera Hogan). Un match ben lottato, che ha messo in mostra quanto già sappiamo. Hogan, come fatto sapere da lei stessa sui social, non è più una Knockouts di IMPACT. Quindi anche l’attacco di Savannah Evans, nuova partner di Steelz, è indirizzato in questo senso.

 

Finalmente c’è aria di match tra Taylor Wilde e Tenille Dashwood, next week!
Mentre continua a evolversi la situazione in chiave “malefica” di Kimber Lee al fianco di Su Yung.

 

La Violent By Design decide di sfruttare la clausola del re-match per gli IMPACT World Tag Team Championships. Scott D’Amore approva, informando però che sarà un affare a tre, con anche la coppia Swann & Mack a fare parte della contesa. Chi la spunterà? I Good Brothers sono avvisati. Personalmente mi piacerebbe vedere Swann & Mack campioni di coppia.

 

Lo squash match di Steve Maclin, che batte Jah-C, serve per continuare la rivalità con Petey Williams che ritorna il favore. Maclin lascia il ring un po’ da codardo. Si va comunque verso la sua vittoria del feud, e mi pare la cosa più sensata.

 

Mi è piaciuto parecchio lo X-Division #1 Contenders Match tra Jake Something, Daivari, Rohit Raju e Trey Miguel. Che si conclude con la vittoria di Something, scelta che premia il voler scostarsi dai soliti noti, fermo restando che sembra difficile ipotizzare un Josh Alexander sconfitto dopo tutto quello che sta facendo come X-Division Champion. Anche se prima o poi accadrà.

 

E arriviamo alla chiusura con il Main Event. Un più che soddisfacente 3-on-3 tra Kenny Omega & Good Brothers (Anderson & Gallows) contrapposti al trio Sami Callihan, Eddie Edwards e Frankie Kazarian. E dico più che soddisfacente non solo perché è stato un bel match, ma anche per come è finito. Cioè con la vittoria di Callihan, Edwards & Kaz. La Elite deve pur perdere ogni tanto. Poi se questo lo vogliamo anche scrutare con occhio attento, c’è da notare (oltre a Callihan che fa fuori Omega via piledriver sull’apron) come lo schienamento vincente di Edwards sul Machine Gun sia funzionale a rendere ancora più considerevole l’attacco alle spalle che W. Morrissey attuerà, e che chiuderà l’episodio, proprio contro Eddie Edwards.

 

Semplice, logico e lineare. Poi dite che si fa fatica a seguire IMPACT, secondo me non lo seguite.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.

 

Vi ricordo che se volete avere il piacere di confrontarvi su ogni tipo di tema riguardante IMPACT Wrestling, potete seguire i nostri amici di IMPACTZone Italia (cliccate sul link a sinistra) su facebook. Mi raccomando iscrivetevi alla loro pagina!