Ultimi aggiornamenti

Fight Planet Italia

WWE Pubblicato in data 22/09/2021

WWE RAW: segnali di ripresa

Analisi di Monday Night Raw

Finalmente Monday Night Raw torna a far parlare di sé in modo positivo, proponendo uno show solido e godibile in tutta la sua durata, che fa ben sperare in un ritorno in auge dopo un lungo periodo in sordina. Incontri belli e storyline interessanti fanno da padrone ed aprono scenari da tenere sott'occhio in vista di Extreme Rules.

 

Si parte bene già dall'opener, che vede il New Day contrapporsi a Roman Reigns ed i fratelli Uso, in uno scontro "Champion vs Champion" che, probabilmente, serve da trampolino di lancio per Survivor Series. L'incontro viene interrotto dall'intervento di Bobby Lashley, che stende sia il campione di Raw che quello di SmackDown, obbligando la dirigenza a sancire come Main Event lo scontro fra i tre.

L'incontro principale è davvero bello e ben strutturato, a dimostrazione di come i tre atleti siano davvero cresciuti nell'ultimo periodo e rappresentino atleti cardine nella gestione degli show. Vince Reigns, dopo il brutale attacco con una sedia di Lashley ai danni di Big E, che funge da apripista per il loro incontro di Extreme Rules.

Il Big Doh torna a Raw come vincitore e consolida il suo status di atleta dominante in WWE. Big E si sta scrollando di dosso l'aura di simpatico membro del New Day per costruirsi una corazza di campione meritevole di quella cintura, mentre Lashley deve mantenere il suo ruolo di forza distruttrice inarrestabile, che lo ha contraddistinto come campione negli ultimi mesi. La gestione dei tre è ottimale, tutti ne escono rafforzati e credibili, bene così.

 

Nikki A.S.H. e Rhea Ripley sconfiggono Tamina e Natalya e conquistano le cinture di coppia femminili. La scena attorno a questi titoli è deboluccia e l'anonimo regno delle due ex campionesse ne è la prova. Per quanto brave, non so come Nikki e Rhea possano dare alle cinture un po' di valore, sono comunque contento del loro successo, che non le fa sparire nel dimenticatoio di una divisione femminile troppo affollata per il poco spazio disponibile.

 

L'incontro fra AJ Styles e Randy Orton è un grande classico, degno più di un Pay-per-View piuttosto che di uno show settimanale. Dal punto di vista del lottato, l'intesa fra i due è ottima ed il match è il migliore della serata. Vince The Viper, che così facendo mette probabilmente la parola fine al tentativo di recupero dei titoli da parte di AJ ed Omos, che devono a questo punto concentrarsi su altri obbiettivi, magari in singolo.

 

Shayna Baszler e Nia Jax si affrontano per la prima volta dopo la lunga alleanza che le ha viste protagoniste ma che, da qualche tempo, sembrava inevitabilmente compromessa. La Regina di Spade attacca in maniera brutale la Jax, andando a colpire il gomito a contrasto con i gradoni d'acciaio, provocando un infortunio a The Irresistible Force, che esce dal match in lacrime. Shayna sembra quasi dispiaciuta di quanto fatto, ma la resa dei conti finale fra le due non c'è ancora stata ed Extreme Rules appare uno scenario adatto.

 

Confronto verbale tra Charlotte Flair ed Alexa Bliss, che si affronteranno al prossimo Pay-per-View con il titolo femminile in palio. Onestamente l'unica domanda che mi sorge spontanea è: che fine hanno fatto i poteri magici della Bliss? Perché non li usa in nessun modo sulla campionessa, che invece si diverte ad umiliarla settimanalmente? Che l'assenza di The Fiend l'abbia privata dei suoi poteri paranormali? Non so, sta di fatto che quella che poteva essere una storyline interessante è diventata fin troppo banale...

 

Sono rimasto positivamente sorpreso dal match fra Ali e Mansoor contro Angel Garza e Humberto Carillo, vinto dagli ultimi due. I team hanno dimostrato un ottima alchimia, mettendo in scena un incontro piacevole oltre ogni rosea aspettativa. Magari in un futuro non troppo lontano potrebbe esserci una concreta speranza di vederli aggirarsi attorno ai titoli di coppia...

 

Fa anche piacere vedere Jeff Hardy trionfare nel match contro Sheamus e venire inserito nell'incontro valido per il Titolo US. Per quanto sia palesemente l'agnello sacrificale che verrà schienato, è bello vedere come la compagnia continui a tenerlo in considerazione e a farlo ruotare attorno ai titoli secondari. Magari la possibilità di vederlo con una cintura alla vita potrebbe non essere così remota.

 

Tralasciando l'ennesimo squash di Doudrop ed il siparietto comico intorno al Titolo 24/7, sono effettivamente preoccupato per Karrion Kross, che da dopo il suo debutto si è limitato ad una noiosa serie di video promo ed interviste. Il rischio di vederlo scomparire ai margini del rorter è più che mai concreto.

Tirando le somme, questa puntata di Monday Night Raw mi è volata come non accadeva da molti mesi, sintomo di come forse finalmente siamo di fronte ad una ripresa. Ancora è presto per cantare vittoria, ma possiamo finalmente essere più ottimisti.

 

 

 

 


Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 16/09/2021

NXT: 2.0, ma non sembra un upgrade

Un nuovo Campione e più di una stonatura.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT.
Comincia il nuovo corso di NXT. E comincia con un chiaroscuro d’autore, che lascia tanti ma e che trova alcune stonature che denotano mal gestione del cambiamento e la troppa fretta di voler mescolare le carte, rovinando alcuni scenari, mandando anche in difficoltà lo spettatore. Che si è trovato davanti molti volti nuovi, senza però avere una benché minima spiegazione antecedente alla loro presenza.

 

La migliore presentazione dei nuovi è stata fatta per Bron Breakker, che nell’opener ha sconfitto LA Knight. Risultato che ha tolto hype al match per l’NXT Championship, scaduto nel ridicolo quando Pete Dunne e Ridge Holland hanno messo fuori gioco Kyle O’Reilly nel backstage. Il quale posto nel match a quattro, è stato preso dal suo soccorritore Von Wagner. Diciamoci la verità, se Breakker (figlio di Rick Steiner e quindi nipote di Scott Steiner) è sembrato da subito un buon cavallo su cui puntare, Wagner sembrava davvero l’avessero trovato per caso all’ultimo minuto, gli hanno fatto mettere un anonimo ring attire e gli han detto “Toh, ci serve un bestione, sali sul ring per piacere e va a giocarti un match per il titolo”. A vincere, e tornare NXT Champion, è Tommaso Ciampa. Che nel finale di puntata ha un confronto amichevole proprio con Brekker, che ripeto sembra il nuovo nome su cui punta molto la nuova produzione. E mi sarei aspettato venisse scelto, aveva pur sempre sconfitto la Million Dollar Megastar, come sostituto di O’Reilly. Bah.

 

A mio avviso molta la confusione, Carmelo Hayes introduce Trick Williams, con i due che poi attaccano Drake Hudson. Segmento davvero brutto, che non dà nessuna miglioria a nessuno. Così come la vittoria di Ridge Holland su Drake Maverick. Si fa anche fatica a capire, Maverick un giorno è a RAW a fare il nulla, l’altro è a NXT a fare il jobber, decidetevi.

 

Sorvoliamo sulle vittorie dei Creed Brothers su due poveri malcapitati di turno, e anche sulla Imperium (Fabian Aichner & Marcel Barthel) su Josh Briggs & Brooks Jensen. Più che lo spazio riempitivo, niente. Anche se per i due ragazzi della Diamond Mine c’è stata occasione di presentare la nuova aggiunta alla fazione, Ivy Nile. Ragazza minuta ma molto scultorea, vediamo come se la cava. Fa ritorno anche Kushida per sancire, finalmente, il match tra lui e Roderick Strong con l’NXT Cruiserweight Championship in palio la settimana prossima.

 

Cancellato l’NXT Women’s Champioship Match tra Raquel Gonzalez e Franky Monet, che bella la produzione con la mano degli uomini fidati di Vinnie Mac, dei Super Geni Proprio Super Geniacci.

 

Di buono ci sono alcune trame che continuano più che bene. Quella tra Hit Row e Legado del Fantasma, che prosegue con l’esordio di B-Fab sul quadrato, dove ha la meglio su Katrina Cortez. E nel post match, la risposta di Elektra Lopez. Che porta al confronto tra i due gruppi. Dove in questo caso c’è una dinamica, la completezza totale, a suggerire più di un intreccio, con varie stipulazioni e incontri, dai tag team, ai singoli maschili e/o femminili, al mixed tag team o alla sfida tra fazioni al completo. Insomma tutti gli ingredienti per non solo consolidare quanto di buono fatto con queste due stable, ma costruire ancora una rivalità lunga e aspra.

 

Altra trama positiva è quella delle Toxic Attraction, che ha visto un cambio netto, un taglio col passato deciso, della leader Mandy Rose. La nostra non solo si è fatta bruna, ma abbandonando la chioma bionda, si è lasciata alle spalle anche l’attitudine più da Femme Fatale che abbiamo visto nel main roster, per presentarsi più cazzuta e concentrata anche sulle prestazioni sul ring. Laddove con Gigi Dolin & Jacy Jane sembra aver trovato le partner ideali per cominciare questo nuovo percorso, che nella crescita e nel progetto di NXT 2.0 la vuole grande protagonista. Arriva anche la vittoria contro Kacy Catanzaro, Kayden Carter e Sarray, in un match davvero molto piacevole.

 

Ma l’evento più atteso forse era il matrimonio tra Indi Hartwell e Dexter Lumis. E lo dico subito, è stato freddo, appena divertente, ma non ha aggiunto nulla a una solida costruzione durata mesi e mesi. I due hanno detto sì, ma davvero non è successo niente di particolare, non un suggerimento, non un disturbo, appena qualche episodio strappa sorriso e stop.

 

Ripeto quanto detto all’inizio, troppa fretta di voler mescolare le carte, molte stonature. Non bastano i migliori ascolti da aprile, al momento NXT nella nuova versione è uno show in fase embrionale, che andava costruito con più criterio. Cosa fatta a metà, anche maluccio, nelle settimane precedenti a questa.

 

Ma il punto di domanda più grande, personalmente, me lo faccio su come sarà. Niente più TakeOver a tema, come a esempio i WarGames, Halloween Havoc e simili? Sono stati più di semplici TakeOver, hanno caratterizzato una epoca d’oro per il brand. Epoca che sembra essere già solo un mero ricordo.
Mi auguro non sia così.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Fight Planet Italia

NXT UK Pubblicato in data 15/03/2021

NXT UK (11/03/2021) - British Rounds Fight!

E lotta all'inglese fu: la puntata di NXT UK di questa settimana si apre con il già annunciato British Rounds match tra Tyler Bate e "Bomber" Dave Mastiff. Che incontro! La differenza tra i due si vede fin dai primi momenti, la resilienza di Bate e la possenza di Mastiff sono due fattori totalmente diversi tra loro, ma allo stesso tempo li aiutano a raggiungere i loro obiettivi, prevalere l'uno sull'altro. Al quinto dei sei round previsti è l'ex campione di NXT UK a portare a casa la vittoria su un Mastiff che ne esce altrettanto vincitore, in quanto conta ancora pochissime sconfitte dal suo debutto.

 

E mentre Teoman fa il suo debutto a NXT UK con un'importante prima vittoria contro Danny Jones, sembra proprio che saranno Amir Jordan e Kenny Williams i primi sfidanti ai titoli di coppia: i due ottengono un'importante vittoria - non proprio pulita - contro due ex campioni del calibro di Mark Andrews e Flash Morgan Webster.

 

In chiusura di puntata abbiamo un match a coppie miste che vede Piper Niven ottenere la sua vendetta su Jinny grazie all'aiuto di Jack Starz, il quale a sua volta ha dei conti in sospeso con Joseph Conners, povero malcapitato sul quadrato che subisce l'offensiva di coppia degli avversari nei momenti finali del match.

 

Nella prossima puntata un grande ritorno in quel di NXT UK: il generale del ring, WALTER, tornerà nel suo dominio!


Fight Planet Italia

AEW Pubblicato in data 19/09/2021

RAMPAGE: Efficienza e storie centrate a pieno

Analisi AEW RAMPAGE.

Nuovo appuntamento con la All Elite Wrestling. Andiamo a vedere cosa è successo questa settimana a RAMPAGE.
RAMPAGE è la dimostrazione che anche con un minutaggio TV non elevato, si può fare un ottimo prodotto senza ingolfarlo di accadimenti riempitivi del tutto inutili. Anche questa settimana lo show fa egregiamente il suo lavoro. Dare seguito alle trame con tanta efficienza, e suggerire qualche spunto nuovo per il futuro immediato.

 

Lo si è visto chiaramente dopo il match per i titoli che i Lucha Bros hanno vinto contro The Butcher and The Blade, dove hanno difeso gli AEW World Tag Team Championships. Se il risultato ovviamente era troppo telefonato, la dinamica che innesca un nuovo feud è quella dell’attacco della HFO a Penta & Fenix, salvati da Santana & Ortiz. Un vortice che porterà quasi sicuramente alla rivalità tra i due Inner Circle e i Campioni di Coppia, non prima di aver fatto squadra però contro Matt Hardy e i suoi. Categoria sempre in salute, dove se chiudi gli occhi e peschi a caso, peschi sempre bene.

 

Da quando è tornata, Anna Jay sta ricevendo un trattamento molto positivo. La storyline del Dark Order la vede al centro degli equilibri della fazione. E il sodalizio con Tay Conti, resta quella valvola di sfogo che la fa uscire dalle beghe dell’Ordine Oscuro, per concentrarsi anche sulle sue. Il match contro The Bunny, che vince dopo una sfida equilibrata, ce lo dimostra. E ci dimostra come ci sia voglia di puntare ancora di più su una delle più giovani wrestler della compagnia. In più i colpi del tirapugni inflitti da Penelope Ford alla coppia TayJay, danno forza e continuità alla faida. Ed è un bene assoluto quando si tratta di divisione femminile AEW.

 

Dopo l’incontro, Matt Hardy annuncia che Jay la pagherà cara, per poi prendersela con un “fan” di Orange Cassidy che trascina sul ring e a cui taglia la coda dei capelli. Il Freshly Squeezed arriva tardi e salva il salvabile.
Intrecci perfetti, che vedono attorno a una figura leggendaria come quella di Matt Hardy, lo sviluppo di varie trame coinvolgenti lottatori e lottatrici più giovani. Scelta intelligente che al momento sembra pagare bene. Anche perché poi il tutto ci porta all’Hair vs Hair Match tra lui e Cassidy, ottima gestione.

 

Un episodio in cui si riesce a centrare ogni storia a pieno, dando risalto davvero a chiunque vi abbia preso parte. Il Face To Face tra Ruby Soho e Dr. Britt Baker, D.M.D. è stato davvero ben fatto, le due si sono scontrate dapprima in una rude (e molto poco PG) battaglia verbale che ha risaltato le buone qualità al microfono di entrambe. Aiutate però dalla sempre partecipante e calorosa fanbase della compagnia, che si fa coinvolgere qualsiasi sia la città in cui ci si trovi. Mostrandosi attiva e presente, chiunque sia impegnato sul ring. È Soho a uscire meglio a fine angle, facendo scappare Baker e innalzando il titolo. Per le ragazze, di sicuro miglior segmento nella giovane storia della AEW.

 

Non v’erano molte attese per il finale del Main Event tra Miro e Fuego Del Sol, con quest’ultimo che ce l’ha messa tutta, ma alla fine non è riuscito a strappare il TNT Championship al bulgaro. Però anche in questo caso la narrativa è centrata a pieno dopo che l’attacco di The Reedemer a Fuego viene fronteggiato da Sammy Guevara che colpisce il TNT Champion con una ginocchiata. Il regno da imbattuto di Miro si pregia dunque di un nuovo ostico rivale, e trova anche nella tagline “God’s Favorite Champion” vs. “The Spanish God” un punto d’incontro sì sottile e appena accennato, ma che può aprire a un feud davvero interessante sul quale mi auguro sia costruita una rivalità a medio-lungo termine. Così da andare a rafforzare maggiormente lo status di Guevara, che vedrei bene come campione “secondario” con Miro pronto di conseguenza a passare nel giro del World Championship.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Fight Planet Italia

IMPACT Pubblicato in data 11/09/2021

IMPACT: Tra Buoni e Cattivi, solido slancio

Ottimo set-up in vista di Victory Road e non solo.

Ben ritrovati con IMPACT WRESTLING, andiamo a vedere cosa è successo questa settimana.
Puntata che fa da set-up un po’ per il Main Event della prossima settimana, un po’ per Victory Road. Dando dunque ampio spazio alle varie faide. Senza comunque distogliere lo sguardo, e l’attenzione, da Bound For Glory. Che anche quest’anno si pregia di essere il pay-per-view delle sorprese e della riconferma.

 

Il filo conduttore dell’episodio è legato da due estremità. Da una parte c’è il #1 Contender al World Title Ace Austin, e dall’altra l’IMPACT World Champion Christian Cage. I due sono chiamati a formare i rispettivi team per affrontarsi la prossima settimana in un 10 Man Tag Team Match che è stato davvero costruito diligentemente. Andando sapientemente a sfruttare le varie storyline in corso, dividendo per bene gli heel e i face, senza comunque lasciare al caso alcune piccole sfumature che potrebbero portare anche a qualche cambiamento inaspettato in materia di turn. Cosa che possiamo intuire a piccole dosi dalla firma del contratto per l’X-Division Championship tra Josh Alexander e Chris Sabin, che saranno nel Team Christian. Match dal quale mi auguro si esca in modo controverso, così da renderlo ancor più importante nella cornice di Bound For Glory.

 

O nell’infinita rivalità tra Eddie Edwards e Sami Callihan. Che nel Main Event si arricchisce di un capitolo del tutto nuovo. Edwards è impegnato nel match, che perde anche per via delle distrazioni causate da W. Morrissey, contro Moose. Alla fine parte la rissa che coinvolge i rispettivi membri dei due team. Dove da una parte abbiamo al fianco di Ace Asutin il fido Madman Futon, poi Brian Myers e proprio Morrissey e Moose. Mentre il team di Christian prende forma concreta proprio alla fine, quando Edwards si convince a unirsi e dunque far squadra anche con il suo acerrimo nemico. Dopo che Callihan corre in salvo di Alisha Edwards, che era intervenuta munita di kendo stick per aiutare il marito, e stava per essere colpita da Morrissey. Epilogo che non ti aspetti di certo, ma che forse sancisce definitivamente il face turn di Callihan.

 

Di sicuro mettere contro due team così, nell’economia di un Main Event che precede un evento speciale come Victory Road, è la migliore scelta per aumentare hype, dare giusto spazio a tutte le faide dei partecipanti e magari avere anche ulteriore minutaggio per creare qualcos’altro con gli altri.

 

Cosa che viene fatta anche in questo episodio, sempre ottimamente. Dove la vittoria di Rosemary su Tasha Steelz, ha come finale lo scippo delle cinture da parte della Boricua Badass mentre la partner Savannah Evans colpisce le Decay alle spalle. Presto forse per cambiare padrone alle cinture di coppia, a me stuzzicherebbe dopo Victory Road, un feud Decay-Yung/Lee(o Lauren).

 

Perde Petey Williams contro Steve Maclin, per via dell’interferenza treno conga di No Way, partorita però da TJP. Le piccole cose che pur servono per costruire faide minori.

 

Dalla NJPW abbiamo il debutto di Hikuleo, che arriva dopo la sconfitta patita dal nuovo membro del Bullet Club, Chris Bey. Che viene derubato da David Finlay, il quale vince solo grazie all’aiuto di Juice Robinson. Quest’ultimo poi subisce vari attacchi alla gamba infortunata. Tutto bene se incanalato, come dovrebbe essere, nella categoria di coppia.

 

Divisione Tag Team che ha regalato un buonissimo Bunkhouse Brawl, volto al continuare la rivalità tra Good Brothers e la coppia Rich Swann & Willie Mack. Sono Karl Anderson e Swann ad affrontarsi, con l’incontro che vede una prima parte, in pratica un handicap match, dove l’ex World Champion domina sui rivali. Tuttavia alla fine, anche grazie al supporto di Gallows, The Machine Gun porta a casa una sudata vittoria. Con Mack ancora fuori, al suo rientro è lecito aspettarsi il passaggio di consegne, che doveva già accadere molti mesi fa. Questa volta, che sia a Victory Road o perché no al più importante BFG, penso si vada verso quella direzione. E onestamente non mi dispiace.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.

 

Vi ricordo che se volete avere il piacere di confrontarvi su ogni tipo di tema riguardante IMPACT Wrestling, potete seguire i nostri amici di IMPACTZone Italia (cliccate sul link a sinistra) su facebook. Mi raccomando iscrivetevi alla loro pagina!


Fight Planet Italia

INDIES Pubblicato in data 18/06/2021

SIW: Just Fight

Recap Main Show SIW

Just Fight è un fulmine a ciel sereno: tra ritorni inaspettati, colpi di scena, cambi di titoli e tantissima azione, si conquista di diritto il primo posto fra gli show dell'era System.

 

La Darkest Hour perde i titoli di coppia da un team non annunciato e che ribalta completamente gli equilibri della categoria: i Brixia Bone Breakers, ovvero Nicolò Inverardi e Mirko Mori, approdano in SIW e lo fanno col botto, conquistando le cinture al termine di una ottima Tag Team Royal Rumble. Peccato per la Darkest Hour, che avrà comunque modo di provare a riprendersi le cinture. Davvero shokkante invece il debutto dei BBB, un ottimo acquisto per la SIW.

 

Il Team Coach continua a gonfiare le proprie file, questa volta inserendo fra i suoi adepti Ivan Blake, che aiuta Scanner a trionfare nel Triple Treath contro Pan e Picchio. Il furbo Matteo Scannerini continua a tessere le trame in SIW, approfittando del caos che lui stesso genera. Continuo a pensare che il vero "Deus Ex Machina" sia proprio lui piuttosto che Flash...

 

Bello il match fra Costantino ed Adriano per il titolo Wild. L'assenza di regole rende lo scontro ancora più brutale e fortifica il regno del Leone di Roma, che mantiene la cintura seppur a fatica. Buona prova per Costantino, uno dei prospetti più interessanti attualmente in SIW.

 

Nicholas Edward Wave affronta finalmente Killer Mask, dopo settimane di provocazioni e mind-games. Scopriamo anche che sotto alla maschera si nasconde Darko, il quale ottiene una buona vittoria sul Big Bluenony, mai davvero sul punto di vincere. Vedremo come e se la storyline fra i due proseguirà a System.

 

Il Main Event della serata vede Alex Flash conquistare il Titolo Italiano SIW contro Rafael, impotente davanti alla schiera di alleati e sottoposti che il Team Coach (o meglio dire Team Scanner?) ha dalla sua parte, nonostante il divieto di interferenze posto fra le regole della contesa. Purtroppo l'assenza dell'arbitro favorisce il caos, Bon Giovanni prova ad aiutare il suo ex compagno di team, ma è tutto inutile:  Alex Flash è il nuovo campione SIW e dovrà usare tutte le sue forze ed amicizie per rimanerlo a lungo, dato che mezzo spogliatoio di System è contro il suo team!

 

Nel complesso, Just Fight è uno show godibilissimo ed io aspetto il momento in cui sarà possibile assistere dal vivo ad eventi del genere. Sono sicuro che, visto l'ottimo lavoro svolto finora su Twitch, la presenza di pubblico potrebbe definitivamente consacrare la SIW come la realtà più interessante in Italia 


Fight Planet Italia

APPROFONDIMENTI Pubblicato in data 22/09/2021

Grazie, WWE

Bryan Danielson saluta la WWE con una splendida lettera

Nella giornata di ieri, Bryan Danielson ha pubblicato tramite il sito sportivo The Player's Tribunequi troverete l'articolo originale - una lettera a cuore aperto, dove ringrazia tutta la WWE - dai lottatori alla crew di produzione, arrivando anche al Chairman in persona - per i suoi 11 anni di onorata carriera passati con la federazione di Stanford.

 

Di seguito troverete la nostra traduzione.

 

"Domani sera ci sarà quello che ritengo essere il match più importante della mia carriera. Non mi sembra vero. Affronterò Kenny Omega, un lottatore che ho sempre sognato affrontare, ho assistito alla sua crescita e l'ho visto diventare uno dei migliori wrestlers del mondo negli ultimi anni. L'incontro avrà luogo in un'occasione speciale, sarà il primo show al Arthur Aste Stadium (New York, NY). E sarà nella compagnia più rivoluzionaria del momento, la AEW, che sta modernizzando il concetto di wrestling, offrendo ai fan una vera alternativa per la prima volta in molti anni. E sarà il mio primo match fuori dalla WWE in oltre 10 anni. Sembra l'inizio di un nuovo capitolo, e non posso non essere eccitato. Che figata!

 

Tuttavia, se devo essere onesto, "eccitato" è solo una parte di ciò che sto provando ora. La vita è molto più complessa di quanto sembra, sapete? Quindi, mentre mi avvicino sempre più a questo momento, e all'inizio del prossimo capitolo della mia carriera, c'è qualcosa che voglio dire:

 

GRAZIE, WWE.

 

Grazie alle incredibili Superstars con cui ho condiviso sia il ring, sia i viaggi da uno show all'altro. Per i sabati passati a praticare Savate-Kick (una costola francese del kickboxing) e il caffè a km zero. Per essere stati una famiglia quando la mia famiglia non era con me. Per farmi stare bene quando ero a terra. Per le conversazioni profonde e i dibattiti senza alcun scopo. Per avermi fatto ridere - sempre, sia nei momenti migliori, sia nei peggiori. Per tutte le piccole cose che rendono la vita da wrestler un po' più divertente.

 

Grazie a tutte le persone dietro le quinte. Sono persone fantastiche, dagli operatori delle telecamere a chi si occupa del catering. Dai produttori a chi si occupa delle Talent Relations (gestione dei contatti con i lottatori). Grazie al team di produzione, che ha sempre prodotto dei video-recap incredibili: senza di loro non potremmo raccontare al meglio le storie che vogliamo portare sul ring. Grazie a tutto il Creative Team (chi si occupa di scrivere le varie storylines): per avermi accettato nel vostro gruppo, per aver condiviso con me ciò che avete appreso nel corso del tempo, e per tutte le allegre chiacchierate a tema wrestling e non. Scrivere e produrre contenuto per la WWE è un lavoro veramente difficile, e sono sempre rimasto a bocca aperta nel vedere la vostra abilità di tirar fuori un prodotto liscio e filante dal caos più totale!

 

Grazie al "Big Man" (Vince McMahon), anche se so che odia essere menzionato. Non dirò molto di più, ma grazie per le nostre conversazioni, le lezioni di vita (su cosa fare e cosa non fare), e per i migliori abbracci mai ricevuti. Vorrei che più persone ti vedessero come ti vedo io.

 

E per ultimi, ma assolutamente non ultimi: grazie a tutti i fan della WWE. Avete spinto la mia carriera a nuove altezze - altezze che non avrei mai potuto raggiungere da solo. Grazie per avermi portato col vostro tifo nel main event di WrestleMania 30, e grazie per avermi fischiato senza tregua contro Kofi Kingston a WrestleMania 35. Grazie per aver pianto con me quando sono stato costretto a ritirarmi, e grazie per aver festeggiato con me quando sono stato autorizzato a tornare a lottare. Grazie per aver boicottato insieme a me quello show a Seattle - l'ultimo in cui mio padre mi ha visto lottare. Ha firmato il suo primo autografo quella sera: Buddy Danielson, il padre di Bryan.

 

Grazie per tutti quei momenti che non dimenticherò mai... Momenti per cui potrò chiudere gli occhi e riviverli tutti, ancora una volta.

 

Spero che continuerete a seguirmi in AEW, ma capirò se non lo farete. Mi avete dato più che abbastanza - più di quanto io potrò mai restituirvi. Grazie per tutto.

 

Ho amato il mio periodo in WWE. Non penso serva specificarlo, ma mi ha cambiato la vita. Ho conosciuto mia moglie, ho fatto esperienze incredibili, e conosciuto ottimi amici. Spero di vedervi presto... Lo spero davvero. Questi ultimi due anni ci hanno insegnato di non dare nulla per scontato. Voglio dirvi quanto siete stati importanti per me. Vi ringrazio per avermi fatto entrare nelle vostre vite, e per essere entrati voi nella mia. Conserverò quei momenti per sempre.

 

Grazie per la lettura - ma ancora di più, grazie del vostro continuo apprezzamento.

 

Sinceramente,

 

Bryan Danielson"

 

 


Fight Planet Italia

INTERVIEWS Pubblicato in data 15/07/2020

INTERVIEW: ETHAN PAGE

Intervista a Ethan Page.

Fight Planet Italia ha avuto l’onore di intervistare Ethan Page, attuale IMPACT World Tag Team Champion con il team The North (in coppia con Josh Alexander). Che quest’anno hanno scritto la storia della compagnia, diventando i più longevi Campioni in carica della federazione. Intervista realizzata da Roberto Rotonda.

 

Fight Planet Italia had the honor of interviewing Ethan Page, current IMPACT World Tag Team Champion with The North (with Josh Alexander). That this year they wrote the history of the company, becoming the longest reigning tag team champions of the federation. Interview by Roberto Rotonda.

 

1) Innanzitutto un grande ringraziamento per questa intervista. Qual è stato il momento in cui hai capito che saresti diventato un wrestler professionista? Come è iniziato il tuo interesse per il wrestling?
Adoro il wrestling da bambino. All’età di 2 anni citavo Jim Duggan e facevo Macho Man con le mani. Quando ho visto The Rock, ho capito che questo sarebbe stato il mio futuro.

 

1) First of all a big thanks for this interview. Which was the moment you understood you would become a pro wrestler? How your interest in professional wrestling started?
I love wrestling as a tiny kid. Age 2 I was quoting Jim Duggan and doing Macho Man hands. When I saw The Rock, I knew this was gonna be my future.

 

2) Tu sei Canadese. Il Canada ha una delle culture più incredibili per questo business e un'eredità che non è seconda a nessuno. Chi sono i lottatori canadesi che ti hanno ispirato nella tua carriera?
Edge, Christian, Test, Val Venis da ragazzo. Poi Bobby Roode, Kevin Steen e El Generico quando ho cominciato ad allenarmi.

 

2) You are Canadian. Canada has one of the most incredible culture for this business, and a legacy that is second to none. Who are the Canadians wrestlers that inspired you through your career?
Edge, Christian, Test, Val Venis as a kid. And then Bobby Roode, Kevin Steen and El Generico once I started training.

 

3) La tua esperienza nel circuito indipendente canadese, potresti dire ai nostri lettori com'è lavorare nel circuito indy canadese?
Non è così figo come sembra. Il wrestling non è grande come negli Stati Uniti. Non ha la stessa esposizione. Ma i nostri lottatori sono molto meglio. Hahah.

 

3) Your experience in Canadian independent circuit, could you tell our audience how it is, to work in Canada’s indy circuit?
It’s not as cool as it seems. Wrestling isn’t as big in Canada as USA. It doesn’t get the same exposure. But our wrestlers are much better. Hahah.

 

4) Nelle indies, hai affrontato nomi famosi sia del presente che del passato. Rhino, Shane Douglas, Petey Williams, Kevins Steen, Cesaro, Johnny Gargano e molti altri. Chi è stato il tuo avversario più duro e qual è il match di cui sei più orgoglioso?
L'avversario più duro è Darby Allin. Il mio match con lui nel weekend di WrestleMania a Orlando sarà quello che ricorderò per sempre.

 

4) In the indies, you’ve faced hot names from both present and past. Rhino, Shane Douglas, Petey Williams, Kevins Steen, Cesaro, Johnny Gargano and many many others. Who was your toughest opponent and what is the match you are more proud?
Toughest opponent is Darby Allin. My match with him WrestleMania weekend in Orlando will be one I remember forever.

 

5) Ora sei una leggenda del tag team. È stato difficile per te il passaggio dalla competizione singola alla competizione a squadre?
No. Facile. Josh e io abbiamo un'ottima chimica. Non è stato affatto difficile.

 

5) Now you are a tag team legend. Was difficult for you the transition from single competition to tag team competition?
Nope. Easy. Josh and I have great chemistry. Wasn't hard at all.

 

6) Ethan Page si è affermato nel tag team wrestling. Vincendo titoli importanti in un sacco di compagnie Indy con diversi partner. Come ACH, Elgin, Cody e ultimo, ma certamente non meno importante, il tuo attuale compadre Josh Alexander. È difficile cambiare mentalità o stile per adattarsi da un partner a un altro?
Beh, come ho detto, con Josh è stato facile. Anche con Cody c’è una buona chimica. Ma a volte devo solo seguire ciò che dice il promoter e non posso scegliere i miei partner. Con ACH è stato un periodo divertente della mia carriera e mi ha fatto realmente capire e dimostrare che non me ne frega niente di quello che pensa la gente. Faccio quello che mi pare.

 

6) Ethan Page established himself in tag team wrestling. Winning important championships in a lot of Indy promotions with different partners. Such as ACH, Elgin, Cody and last but certainly not least, your current compadre Josh Alexander. It’s hard to change mindset or style to adapt from a partner to another?
Well like I said with Josh it was easy. Cody has good chemistry too. But sometimes I just have to follow what the promoter says and I don’t get to choose my partners. ACH was a fun time in my career too though and really let me show I didn’t give a crap about what people think. I’m just doing what I want.

 

7) The North. Un grande capitolo leggendario della tua carriera. Che ha portato te e Alexander nella storia di IMPACT Wrestling, il che significa nella storia del wrestling. Voi due siete diventati (e siete ancora) i più longevi IMPACT World Tag Team Champions nella storia straordinaria di quei titoli. Come ti senti a riguardo, considerando anche le incredibili leggende che hanno detenuto quelle cinture in passato?
Essere campioni per oltre un anno in qualsiasi compagnia è figo. Ma farlo con una compagnia come TNA/IMPACT! significa davvero molto. Sono cresciuto guardando la TNA, e ora faccio parte della gioventù dei nuovi fan. È una grande soddisfazione per me.

 

7) The North. A great legendary chapter of your career. That put you and Alexander in the history of IMPACT Wrestling, which means in the history of pro-wrestling. You two have become (and still are) the longest reigning IMPACT World Tag Team Champions in the amazing history of those titles. How do you feel about that, considering even the amazing legends that has hold those belts in the past?
Being champions for over a year in any company is cool. But doing it with a company like TNA/IMPACT! it truly means a lot. I watched TNA growing up and now I get to be a part of new fans youth. It’s a great accomplishment for me.

 

8) The North è stato il protagonista di uno dei "cinematic wrestling matches" (il Deaner Compound Match, in IMPACT) che recentemente hanno avuto un ruolo importante nel settore. Qual è la tua opinione a riguardo?
Adoro il cinematic wrestling. È solo un'opportunità per mostrare differenti abilità. Specialmente quando IMPACT! mi ha assunto e pagato per editare i segmenti per loro.

 

8) The North was the star in one of the "cinematic wrestling matches" (the Deaner Compound Match, in IMPACT) that recently had an important role in the business. What is your opinion about it?
I love cinematic wrestling. It’s just a chance to show different skills. Especially when IMPACT! hired and payed me to edit segments for them.

 

9) Ora, immagino che il vostro obiettivo è rimanere IMPACT Tag Champs a vita. Ma cosa ci aspetta per il The North. E le prospettive di ALL EGO. Hai intenzione di provare a vincere un titolo in singolo a IMPACT o anche in altri posti?
Non mi interessa quello che faccio dopo. Sono solo pronto per guadagnare più soldi. Credo di lavorare più duramente di chiunque altro a IMPACT e anche al di fuori. Ma non sono il più pagato. Quindi voglio cambiare questo o forse sono pronto per un diverso tipo di lavoro. Non ho fedeltà per queste cose. Solo per la mia famiglia.

9) Now I could just image that your goal is to still IMPACT Tag Champs for life. But what’s next for The North. And what’s next for the ALL EGO. Do you have any intention to try to win a single title in IMPACT or even in other places?
I don’t care what I do next. I’m just ready to make more $$$ (money). I believe I work harder than everyone in IMPACT and even people outside of it. But I’m not the highest paid. So let’s change that or maybe I’m ready for a different line of work. I have no loyalty to this stuff. Just my family.

 

10) So che sei anche un Vlogger e un gamer. Attivo su YouTube e Twitch. Puoi dirci come è nato questo lato di te? E come, o se, questo influenza il tuo personaggio.
Mia moglie mi ha fatto fare tutto. Lei è il cervello dietro "Ethan Page played by Julian". Crede in Julian più di quanto ci credo io. Tutto merito suo.

 

10) I know you are even a Vlogger and a gamer. Active on YouTube and Twitch. Can you talk how this side of you is born? And how or if this influence your wrestling persona.
My wife made me do it all. She’s the brains behind “Ethan Page played by Julian”. She believes in Julian more than I do. All her.

 

11) L'ultima, non è una domanda. È uno spazio libero per te. Sii libero di dire tutto quello che vuoi agli appassionati di wrestling italiani.
Adoro la pizza e voglio venire a mangiare una pizza italiana autentica, quindi spero che questo mi renda abbastanza famoso da poter lottare in Italia. In caso contrario, va bene lo stesso!!! Basta che andate a guardare i miei Vlog e i miei stream. Playedbyjulian.com

 

11) The last, is not a question. It’s a free space for you. Be free to say anything you want to the Italians wrestling fans.
I love pizza and want to come eat Italian authentic pizza, so hopefully this makes me famous enough to wrestle in Italia. If not, it’s okay!!! Just go watch my Vlogs & streams. Playedbyjulian.com


Categorie