Ultimi aggiornamenti

Fight Planet Italia

WWE Pubblicato in data 21/06/2022

RAW: Risultati del 20/06/2022

Una nuova sfidante al titolo femminile e tanto altro

Questa notte è andata in onda una nuova puntata di RAW dalla Pinnacle Bank Arena di Lincoln, Nebraska: la card di Money in the Bank continua a prendere forma, e stasera ci becchiamo pure un concerto! Ma vediamo insieme cosa è accaduto!

 

 

 - Bianca Belair apre la puntata annunciando che sarà definita una nuova sfidante al suo titolo, poiché Rhea Ripley non è autorizzata a lottare dai medici. Si tiene quindi un match a 5 tra Asuka, Becky Lynch, Alexa Bliss, Liv Morgan e Carmella, vinto da quest'ultima

- Vince McMahon fa una breve comparsa sul ring per ricordare a tutti il ritorno di John Cena, previsto per la prossima settimana

- Riddle entra in scena scusandosi con tutti per la sconfitta subita per mano di Roman Reigns a Smackdown, sapendo di aver deluso tutto il pubblico e soprattutto Randy Orton. Il giovane promette di ottenere un'altra chance, ma nonostante ciò, l'Original Bro non riesce a qualificarsi per il Money in the Bank, perdendo contro Omos e venendo successivamente brutalizzato sia verbalmente che fisicamente da Seth Rollins

- Il pose contest di Theory finisce con una spear di Bobby Lashley, che potrà lottare per il titolo degli Stati Uniti se dovesse uscire vincitore da un gauntlet contro il campione in carica e gli Alpha Academy

- Angelo Dawkins sconfigge Jey Uso

- Elias torna in WWE one night only! Dopo l'incontro col fratello Ezekiel, The Drifter sale sul ring per un concerto, che viene prontamente interrotto da Kevin Owens. Ma ahimè, non finisce bene per il canadese, che si becca una ginocchiata in pieno volto e una chitarra spaccata sulla schiena

- Bobby Lashley vince il sopracitato gauntlet match per squalifica, andando quindi a sfidare Theory per il titolo degli Stati Uniti a Money in the Bank

- AJ Styles sconfigge Ciampa

- Asuka sconfigge Becky Lynch, qualificandosi per il Money in the Bank Ladder Match femminile 

 


Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 22/06/2022

NXT 2.0: Risultati del 21/06/2022

Carmelo Hayes difende il suo titolo nel main event

Una nuova puntata di NXT 2.0 è andata in onda questa notte, come sempre dal WWE Performance Center: a due settimane da Great American Bash l'evento continua a prendere forma, con debutti, ritorni e match titolati. Ma vediamo insieme cos'è accaduto.

 

 

- Grayson Waller sconfigge Solo Sikoa con l'utilizzo di un angolo del ring scoperto

- In arrivo a NXT 2.0 JD McDonagh, che altri non è che Jordan Devlin, recentemente "cacciato" da NXT UK dopo aver perso un Loser Leaves Town contro il campione Ilja Dragunov

- Katana Chance & Kayden Carter sconfiggono Valentina Feroz & Yulisa Leon

- Wes Lee appare per un promo riguardante i suoi ultimi mesi, e della sua caduta dopo l'improvvisa separazione da Nash Carter e la sua caduta consequenziale: Trick Williams interrompe l'ex campione di coppia dandogli del debole, con quest'ultimo che lo sfida a un match

- Roderick Strong & Damon Kemp sconfiggono Cruz Del Toro & Joaquin Wilde grazie a un intervento mal riuscito di Two Dimes & Stacks

- Ikemen Jiro interrompe un'intervista a Giovanni Vinci, sfidandolo a chi ha più stile

- Roxanne Perez & Cora Jade salgono sul ring per parlare della loro intenzione di vincere i titoli di coppia femminili di NXT 2.0, venendo interrotte da Chance & Carter e dalla Toxic Attraction. Il tutto sfocia in rissa

- Cameron Grimes sconfigge Edris Enofe

- Nikkita Lyons tornerà a NXT 2.0 la prossima settimama

- Von Wagner sconfigge Brooks Jensen

- Alba Fyre sconfigge Lash Legend per squalifica, quando quest'ultima utilizza la mazza di Fyre per colpirla

- Carmelo Hayes sconfigge Tony D'Angelo nel main event, confermandosi campione North American: l'improvvisa alleanza tra la Famiglia e i Legado del Fantasma termina grazie a Santos Escobar che passa il tirapugni a Hayes anzichè a D'Angelo


Fight Planet Italia

NXT UK Pubblicato in data 24/06/2022

NXT UK: Risultati del 23/06/2022

Nuovi campioni di coppia a NXT UK

Una nuova, freschissima puntata di NXT UK è andata in onda questa notte, come sempre dai BT Sports Studios di Londra. Una puntata atipica, che parte con una notizia che cambia le carte in tavola nello show britannico: vediamo insieme di cosa sto parlando.

 

 

- La puntata si apre con un recap dell'attacco di Trent Seven su Tyler Bate

- Ashton Smith & Oliver Carter salgono sul ring per un triste annuncio: Smith è infortunato, evento avvenuto proprio durante la vittoria dei titoli di coppia tre settimane fa. A malincuore i due consegnano le cinture al GM Sid Scala, che viene interrotto da vari tag team. Un match a eliminazione tra quattro coppie viene sancito per il main event, con i vacanti titoli di coppia in palio

- Meiko Satomura e Sarray sono nel backstage: interviene anche Emilia McKenzie, alla quale viene riferito che la prossima settimana affronterà Fallon Henley

- Isla Dawn sconfigge Myla Grace in pochi minuti

- Noam Dar entra nell'ufficio di Sid Scala con l'intenzione di rendere vacante la Heritage Cup e di passare "a sfide più grandi", proponendo al GM un match d'addio per lo scozzese

- In seguito agli eventi di settimana scorsa, viene annunciato che Tyler Bate ha preso un periodo di pausa indefinito. Inoltre, la prossima settimana Trent Seven sarà presente per parlare di quanto accaduto. E sempre tra sette giorni, il ritorno di Blair Davenport

- Sarray sconfigge Nina Samuels

- Brooks Jensen & Josh Briggs sconfiggono Dave Mastiff & Jack Starz, Die Familie e Mark Andrews & Wild Boar in un match ad eliminazione diventando i nuovi campioni di coppia di NXT UK

 


Fight Planet Italia

AEW Pubblicato in data 25/06/2022

Dal vangelo secondo Christian

Analisi del promo di Christian Cage

Che Christian Cage sia un fuoriclasse, di certo non lo abbiamo scoperto mercoledì sera: il suo ricco palmares, che conta anche quattro titoli mondiali tra WWE ed NWA, e il numero esorbitante di match a cinque stelle rappresentano uno strepitoso biglietto da visita. Nonostante ciò, l’Instant Classic è riuscito a sorprendere ancora tutti, tirando fuori dal cilindro quello che secondo me è il promo dell’anno, e lo ha fatto senza ricorrere ad espedienti come la rottura della quarta parete, uno strumento di cui wrestler e compagnie hanno abusato negli ultimi vent’anni. La tentazione della “pipe bomb”, infatti, è sempre fortissima, e sono poche le superstar in grado di far emozionare così tanto il pubblico rimanendo nel personaggio.

 

Chiamato a spiegare il suo violentissimo attacco ai danni di Jungle Boy, avvenuto una settimana prima a Dynamite, Christian ha subito citato la battle royal in cui fu proprio il figlio di Luke Perry a eliminarlo, privandolo di una title shot e di un cospicuo premio in denaro. Captain Charisma ha poi colto l’occasione per insultare il pubblico, reo di avergli mancato di rispetto esultando alla sua eliminazione, e ha rivolto una critica feroce agli “esperti del web”, demolendo di fatto le loro opinioni e proponendo un parallelismo molto interessante: “Mica io vengo a bussare alla vostra finestra per dirvi come dovete fare il vostro lavoro!”. Notare come Christian non abbia parlato di “smart”, di “booking” o simili, limitandosi a schernire chi gli scrive che vorrebbe vederlo sul ring contro un determinato lottatore o mettere sul mirino un determinato titolo, mentre lui vuole essere l’unico a scegliersi gli avversari e a porsi degli obiettivi.

 

A questo punto, l’Instant Classic ha svelato il suo piano: accortosi del successo riscosso da Jungle Boy, è diventato il suo mentore perché questo ruolo gli ha permesso di combattere molto meno, preservando il proprio fisico, apparendo comunque ogni settimana e staccando quindi l’assegno. I consigli sono comunque serviti a Jungle Boy, che guarda caso ha perso il titolo l’unica volta in cui non ha potuto contare sui suggerimenti del suo più esperto collega. L’atleta canadese ha poi lanciato una frecciatina nei confronti di altri veterani, CM Punk in primis, dicendo che a differenza loro, non è tornato per aiutare i giovani e non gli è mai interessato essere il mentore di qualcuno, ma il suo obiettivo era solamente quello di fare soldi. Una dichiarazione coerente con le precedenti, dato che all’esordio in AEW, Christian disse che il suo obiettivo era quello di vincere match e collezionare titoli, due attività abbastanza renumerative.

 

Notevole, poi, il consiglio fornito a titolo gratuito al resto del roster della compagnia di Tony Khan: per staccare assegni sostanziosi non bisogna fare match che restino nella memoria una settimana, ma dar vita a incontri che sopravvivano alla prova del tempo e che arrivino addirittura a dare il nome a un pay per view. Christian ha dunque indicato il TLC Match come la chiave del suo successo, e il suo è stato un invito a innovare la disciplina, a compiere imprese memorabili, e lo ha fatto senza parlare di booking, di accordi con gli avversari e simili. Ancora una volta, è stato il personaggio a parlare, mentre Jay Reso è rimasto chiuso in un cassetto.

 

Il promo era già grandioso così, ma, non pago dei fischi sempre più rumorosi del pubblico, l’ Instant Classic ha deciso di andare oltre, in un momento che nella TNA dei tempi d’oro avremmo descritto come “Cross the line”. Dopo aver rivisto un filmato della settimana scorsa, che lo vedeva impegnato a insultare la madre e la sorella di Jungle Boy, Christian Cage ha prima fatto delle insinuazioni pesanti sulla signora Perry, accusata di provare attrazione nei suoi confronti e di averlo scelto come padre del rivale, poi ha sganciato la “bomba”. Anziché limitarsi a dire di non voler essere la figura paterna che Jungle Boy avrebbe voluto, Captain Charisma ha detto che è un bene che Luke Perry sia passato a miglior vita, in quanto il figlio lo avrebbe messo in imbarazzo. Un attacco duro, sopra le righe, al limite del cattivo gusto, che ha quasi scatenato una rivolta da parte di una folla letteralmente inferocita. La faida tra i due ha automaticamente fatto il salto al livello successivo, diventando strettamente personale e andando a colmare, di fatto, il vuoto lasciato dall’assenza del titolo dei pesi massimi.

 

Sentendo queste parole, un Luchasaurus inferocito ha raggiunto il ring e ha cominciato a strozzare l’atleta canadese, che però è riuscito a calmarlo sussurrandogli qualcosa. In questo modo, si è riuscito a creare hype a breve termine, e il legame ambiguo tra i due aiuterà a tenere acceso il fuoco della storyline, pronto a esplodere nel momento in cui Jungle Boy tornerà sul quadrato in cerca di vendetta. Il componente dei Jurassic Express era già un beniamino dei fan, ma ora è finalmente nelle condizioni di poter “esplodere”, e tutto questo grazie al suo avversario, che è riuscito ad andare oltre il classico segmento di spiegazioni, dando una vera e propria lezione di dialettica alla maggior parte dei wrestler attuali.

 

Pochissimi, infatti, sarebbero riusciti a concepire e interpretare un promo così intenso, ma anche così pericoloso, poiché il rischio di urtare la sensibilità altrui è stato altissimo. Tanto di cappello, dunque, a Christian Cage, che pur non avendo più nulla da dimostrare, si è voluto rimettere in gioco e ancora una volta ha dettato legge sul ring.

If you don’t know… Now you know!

 

Alessandro Bogazzi


Fight Planet Italia

IMPACT Pubblicato in data 24/06/2022

IMPACT: Risultati del 23/06/2022

Post-Slammiversary, subito verso Against All Odds

La puntata di IMPACT post-Slammiversary è andata in onda questa notte dal Nashville Fairgrounds di Nashville, Tennessee: chiuso Slammiversary, si apre già la strada per Against All Odds, evento speciale che si terrà venerdì 1 luglio. Alcuni match sono già stati ufficializzati durante la puntata di oggi, ma analizziamo con calma quanto accaduto questa notte.

- Gli Honor No More aprono la puntata parlando della sconfitta subita a Slammiversary per mano degli IMPACT Originals, venendo poi interrotti dagli America's Most Wanted. La situazione si è velocemente evoluta in un pestaggio 6 vs 4, che viene rapidamente pareggiato dall'intervento dei Good Brothers e dei Briscoes. Al termine del segmento viene annunciato per Against All Odds un match a 10 con gli Honor No More che affronteranno i Briscoes, i Good Brothers e James Storm

- Mia Yim sconfigge Chelsea Green

Bhupinder Gujjar & Shark Boy sconfiggono Johnny Swinger & Zicky Dice: i vincitori vengono attaccati da Deaner e Joe Doering, che procedono ad invitare sul ring Josh Alexander

- Josh Alexander sconfigge Deaner per sottomissione. Viene annunciato Alexander vs Doering per Against All Odds con il titolo IMPACT in palio

- Sami Callihan sconfigge Jack Price in pochi minuti: al termine dell'incontro Moose attacca Callihan, vendicandosi della sconfitta subita a Slammiversary

- Honor No More (Mike Bennett, Matt Taven & Eddie Edwards) sconfiggono James Storm e i Briscoes

 


Fight Planet Italia

INDIES Pubblicato in data 15/06/2022

NJPW: Dominion 6.12

L'analisi dell'evento targato New Japan Pro Wrestling

È vero, non siamo soliti parlare di New Japan Pro Wrestling su queste pagine, bisogna fare ammissione di colpa quand'è giusto. Ma quest'oggi faremo un'eccezione, analizzando quanto accaduto a Dominion 6.12, andato in onda la scorsa domenica.

 

Ma perchè parliamo proprio di quest'evento? 

 

È presto detto.

 

Proprio nel match di apertura assistiamo al debutto in pay-per-view di Francesco Akira, italiano purosangue e classe '99, nonchè primo e finora unico nostro connazionale ad aver lottato in NJPW. Akira ha già esordito nella federazione giapponese qualche settimana fa, durante la Battle of Super Juniors 29, torneo riservato ai pesi leggeri di tutto il mondo: un Cruiserweight Classic fatto bene, per intenderci. Uscito dal sopracitato torneo con 4 vittorie e 5 sconfitte - non male per un esordio in una federazione di questo livello - il nuovo acquisto della United Empire affronta insieme a TJP (sì, quel TJP) e Aaron Henare il team di Ryusuke Taguchi, Hiroyoshi Tenzan e Master Wato, trionfando grazie a una sottomissione di Henare su Tenzan. Primo match in pay-per-view, prima vittoria per il nostro Akira, che si spera sia la prima di una lunga serie.

 

Esordio in pay-per-view nel Sol Levante anche per Ace Austin, arrivato anche lui per la BOSJ nonchè new entry del Bullet Club: insieme a El Phantasmo e Taiji Ishimori il trio ottiene una vittoria contro i Los Ingobernables de Japon, nello specifico Tetsuya Naito, Bushi e Hiromu Takahashi. Rimanendo in tema Bullet Club, la serata procede tra alti e bassi per il gruppo: nel 2022 c'è ancora bisogno di Toru Yano? Non che Doc Gallows sia meglio, ma un match di quattro minuti tra i due si poteva anche evitare.

 

E mentre i titoli di coppia IWGP passano in mano a Jeff Cobb e Great-O-Khan - che tolgono le cinture a Bad Luck Fale e Chase Owens - e Will Ospreay diventa il nuovo campione degli Stati Uniti battendo Sanada (ottima serata anche per l'Untied Empire!), Karl Anderson riporta il titolo NEVER tra le fila della sua stable, sconfiggendo l'amico di una vita, Tama Tonga, ormai divenuto acerrimo rivale.

 

E mentre Shingo Takagi - caduto letteralmente dal settimo cielo e dal giro del main event - si conferma campione KOPW contro Taichi (che Dio che ne scampi della brutta copia del titolo 24/7), Hiroshi Tanahashi timbra il biglietto per Forbidden Door, sconfiggendo Hirooki Goto e diventando quindi lo sfidante di Jon Moxley per il titolo AEW ad interim: dream match, anyone?

 

Dicevamo poche righe più sopra che è stata una serata di alti e bassi per il Bullet Club, no? Meno male che c'è Jay White: nei 36 minuti di main event il leader del gruppo più badass del Giappone trionfa su Kazuchika Okada, diventando campione IWGP per la seconda volta in carriera. Un traguardo incredibile per un gaijin che ancora non ha nemmeno compiuto 30 anni. Il match richiesto da "Hangman" Adam Page per Forbidden Door è in bilico, e chissà come si evolverà la situazione in vista del primo evento crossover ufficiale tra le due federazioni.


Fight Planet Italia

APPROFONDIMENTI Pubblicato in data 19/06/2022

Jeff Hardy: è il momento di farla finita!

È il caso di ritirarsi?

Bisogna avere il coraggio di dirlo, lasciando da parte sentimentalismi personali: Jeff Hardy deve ritirarsi definitivamente dal Pro Wrestling.

 

Sono un fan del Charismatic Enigma da sempre, ho adorato ed adoro la sua spericolatezza, la sua dedizione, il suo amore per la disciplina che lo ha portato più di una volta a rischiare la propria incolumità per regalare ai fans un momento indimenticabile. Provo la stessa ammirazione per altri atleti, come Mick Foley o Tommy Dreamer, probabilmente il mio preferito in assoluto. La differenza fra questi ultimi e Jeff Hardy è che quest'ultimo più volte è caduto in una spirale autodistruttiva che gli ha fatto perdere decine di treni e di possibilità.

 

Una su tutti: chi si ricorda il Main Event di Bound For Glory contro Sting? L'evento più importante dell'anno per una federazione all'epoca in totale ascesa, contro un avversario leggendario, capace di definire davvero la carriera, come è stato per The Rock contro Hulk Hogan. Il risultato fu uno dei più imbarazzanti momenti nella storia del Pro Wrestling.

 

Jeff ha sempre ammesso i suoi errori e ha sempre chiesto scusa. E gli è sempre stata data un altra possibilità. Perché in fondo è solo un bravo ragazzo, incastrato in una dipendenza da sostanze mai totalmente debellata, che ha bisogno di un aiuto concreto per uscirne. 

 

E quell'aiuto NON È dargli un altra possibilità nel Pro Wrestling.

 

Ha 44 anni, una moglie e due figli. Un fratello che, nonostante sia rimasto spesso coinvolto nei suoi casini, continua a volergli bene e a difenderlo. Ha uno spiccato lato artistico, che fa di lui un anima sensibile, da proteggere come un fiore raro.

 

Buttarlo nuovamente nel caotico trambusto del Pro Wrestling vuol dire condannarlo ad una nuova inevitabile caduta, l'ennesima umiliazione che non merita più. Schiavo ormai del suo ruolo di "Daredevil" non ci vorrà molto prima che rinizi nuovamente a fare manovre sempre più rischiose, sempre più estreme, per cadere nuovamente nel bisogno di Pain Killers, di alcool e di sostanze stupefacenti. 

 

Io non voglio più vedere Jeff Hardy arrestato in stato di ebbrezza, non voglio più leggere delle sue sospensioni per abuso di sostanze, non voglio sentire di sostituzioni all'ultimo istante perché è incapace di combattere. 

 

In poche parole: non voglio più vedere Jeff Hardy. Preferisco sapere che è sano e ripulito nella sua casa con la sua famiglia, a fare sculture ed incidere musica. Preferisco riguardarmi i suoi match più epici e dimenticare i suoi imbarazzanti fallimenti ed arresti. Spero davvero di non vedere mai più Jeff Hardy su un ring, almeno non nelle condizioni in cui lo abbiamo visto negli ultimi anni. Se non posso essere sicuro di rivederlo in salute, meglio non vederlo più.


Fight Planet Italia

INTERVIEWS Pubblicato in data 15/07/2020

INTERVIEW: ETHAN PAGE

Intervista a Ethan Page.

Fight Planet Italia ha avuto l’onore di intervistare Ethan Page, attuale IMPACT World Tag Team Champion con il team The North (in coppia con Josh Alexander). Che quest’anno hanno scritto la storia della compagnia, diventando i più longevi Campioni in carica della federazione. Intervista realizzata da Roberto Rotonda.

 

Fight Planet Italia had the honor of interviewing Ethan Page, current IMPACT World Tag Team Champion with The North (with Josh Alexander). That this year they wrote the history of the company, becoming the longest reigning tag team champions of the federation. Interview by Roberto Rotonda.

 

1) Innanzitutto un grande ringraziamento per questa intervista. Qual è stato il momento in cui hai capito che saresti diventato un wrestler professionista? Come è iniziato il tuo interesse per il wrestling?
Adoro il wrestling da bambino. All’età di 2 anni citavo Jim Duggan e facevo Macho Man con le mani. Quando ho visto The Rock, ho capito che questo sarebbe stato il mio futuro.

 

1) First of all a big thanks for this interview. Which was the moment you understood you would become a pro wrestler? How your interest in professional wrestling started?
I love wrestling as a tiny kid. Age 2 I was quoting Jim Duggan and doing Macho Man hands. When I saw The Rock, I knew this was gonna be my future.

 

2) Tu sei Canadese. Il Canada ha una delle culture più incredibili per questo business e un'eredità che non è seconda a nessuno. Chi sono i lottatori canadesi che ti hanno ispirato nella tua carriera?
Edge, Christian, Test, Val Venis da ragazzo. Poi Bobby Roode, Kevin Steen e El Generico quando ho cominciato ad allenarmi.

 

2) You are Canadian. Canada has one of the most incredible culture for this business, and a legacy that is second to none. Who are the Canadians wrestlers that inspired you through your career?
Edge, Christian, Test, Val Venis as a kid. And then Bobby Roode, Kevin Steen and El Generico once I started training.

 

3) La tua esperienza nel circuito indipendente canadese, potresti dire ai nostri lettori com'è lavorare nel circuito indy canadese?
Non è così figo come sembra. Il wrestling non è grande come negli Stati Uniti. Non ha la stessa esposizione. Ma i nostri lottatori sono molto meglio. Hahah.

 

3) Your experience in Canadian independent circuit, could you tell our audience how it is, to work in Canada’s indy circuit?
It’s not as cool as it seems. Wrestling isn’t as big in Canada as USA. It doesn’t get the same exposure. But our wrestlers are much better. Hahah.

 

4) Nelle indies, hai affrontato nomi famosi sia del presente che del passato. Rhino, Shane Douglas, Petey Williams, Kevins Steen, Cesaro, Johnny Gargano e molti altri. Chi è stato il tuo avversario più duro e qual è il match di cui sei più orgoglioso?
L'avversario più duro è Darby Allin. Il mio match con lui nel weekend di WrestleMania a Orlando sarà quello che ricorderò per sempre.

 

4) In the indies, you’ve faced hot names from both present and past. Rhino, Shane Douglas, Petey Williams, Kevins Steen, Cesaro, Johnny Gargano and many many others. Who was your toughest opponent and what is the match you are more proud?
Toughest opponent is Darby Allin. My match with him WrestleMania weekend in Orlando will be one I remember forever.

 

5) Ora sei una leggenda del tag team. È stato difficile per te il passaggio dalla competizione singola alla competizione a squadre?
No. Facile. Josh e io abbiamo un'ottima chimica. Non è stato affatto difficile.

 

5) Now you are a tag team legend. Was difficult for you the transition from single competition to tag team competition?
Nope. Easy. Josh and I have great chemistry. Wasn't hard at all.

 

6) Ethan Page si è affermato nel tag team wrestling. Vincendo titoli importanti in un sacco di compagnie Indy con diversi partner. Come ACH, Elgin, Cody e ultimo, ma certamente non meno importante, il tuo attuale compadre Josh Alexander. È difficile cambiare mentalità o stile per adattarsi da un partner a un altro?
Beh, come ho detto, con Josh è stato facile. Anche con Cody c’è una buona chimica. Ma a volte devo solo seguire ciò che dice il promoter e non posso scegliere i miei partner. Con ACH è stato un periodo divertente della mia carriera e mi ha fatto realmente capire e dimostrare che non me ne frega niente di quello che pensa la gente. Faccio quello che mi pare.

 

6) Ethan Page established himself in tag team wrestling. Winning important championships in a lot of Indy promotions with different partners. Such as ACH, Elgin, Cody and last but certainly not least, your current compadre Josh Alexander. It’s hard to change mindset or style to adapt from a partner to another?
Well like I said with Josh it was easy. Cody has good chemistry too. But sometimes I just have to follow what the promoter says and I don’t get to choose my partners. ACH was a fun time in my career too though and really let me show I didn’t give a crap about what people think. I’m just doing what I want.

 

7) The North. Un grande capitolo leggendario della tua carriera. Che ha portato te e Alexander nella storia di IMPACT Wrestling, il che significa nella storia del wrestling. Voi due siete diventati (e siete ancora) i più longevi IMPACT World Tag Team Champions nella storia straordinaria di quei titoli. Come ti senti a riguardo, considerando anche le incredibili leggende che hanno detenuto quelle cinture in passato?
Essere campioni per oltre un anno in qualsiasi compagnia è figo. Ma farlo con una compagnia come TNA/IMPACT! significa davvero molto. Sono cresciuto guardando la TNA, e ora faccio parte della gioventù dei nuovi fan. È una grande soddisfazione per me.

 

7) The North. A great legendary chapter of your career. That put you and Alexander in the history of IMPACT Wrestling, which means in the history of pro-wrestling. You two have become (and still are) the longest reigning IMPACT World Tag Team Champions in the amazing history of those titles. How do you feel about that, considering even the amazing legends that has hold those belts in the past?
Being champions for over a year in any company is cool. But doing it with a company like TNA/IMPACT! it truly means a lot. I watched TNA growing up and now I get to be a part of new fans youth. It’s a great accomplishment for me.

 

8) The North è stato il protagonista di uno dei "cinematic wrestling matches" (il Deaner Compound Match, in IMPACT) che recentemente hanno avuto un ruolo importante nel settore. Qual è la tua opinione a riguardo?
Adoro il cinematic wrestling. È solo un'opportunità per mostrare differenti abilità. Specialmente quando IMPACT! mi ha assunto e pagato per editare i segmenti per loro.

 

8) The North was the star in one of the "cinematic wrestling matches" (the Deaner Compound Match, in IMPACT) that recently had an important role in the business. What is your opinion about it?
I love cinematic wrestling. It’s just a chance to show different skills. Especially when IMPACT! hired and payed me to edit segments for them.

 

9) Ora, immagino che il vostro obiettivo è rimanere IMPACT Tag Champs a vita. Ma cosa ci aspetta per il The North. E le prospettive di ALL EGO. Hai intenzione di provare a vincere un titolo in singolo a IMPACT o anche in altri posti?
Non mi interessa quello che faccio dopo. Sono solo pronto per guadagnare più soldi. Credo di lavorare più duramente di chiunque altro a IMPACT e anche al di fuori. Ma non sono il più pagato. Quindi voglio cambiare questo o forse sono pronto per un diverso tipo di lavoro. Non ho fedeltà per queste cose. Solo per la mia famiglia.

9) Now I could just image that your goal is to still IMPACT Tag Champs for life. But what’s next for The North. And what’s next for the ALL EGO. Do you have any intention to try to win a single title in IMPACT or even in other places?
I don’t care what I do next. I’m just ready to make more $$$ (money). I believe I work harder than everyone in IMPACT and even people outside of it. But I’m not the highest paid. So let’s change that or maybe I’m ready for a different line of work. I have no loyalty to this stuff. Just my family.

 

10) So che sei anche un Vlogger e un gamer. Attivo su YouTube e Twitch. Puoi dirci come è nato questo lato di te? E come, o se, questo influenza il tuo personaggio.
Mia moglie mi ha fatto fare tutto. Lei è il cervello dietro "Ethan Page played by Julian". Crede in Julian più di quanto ci credo io. Tutto merito suo.

 

10) I know you are even a Vlogger and a gamer. Active on YouTube and Twitch. Can you talk how this side of you is born? And how or if this influence your wrestling persona.
My wife made me do it all. She’s the brains behind “Ethan Page played by Julian”. She believes in Julian more than I do. All her.

 

11) L'ultima, non è una domanda. È uno spazio libero per te. Sii libero di dire tutto quello che vuoi agli appassionati di wrestling italiani.
Adoro la pizza e voglio venire a mangiare una pizza italiana autentica, quindi spero che questo mi renda abbastanza famoso da poter lottare in Italia. In caso contrario, va bene lo stesso!!! Basta che andate a guardare i miei Vlog e i miei stream. Playedbyjulian.com

 

11) The last, is not a question. It’s a free space for you. Be free to say anything you want to the Italians wrestling fans.
I love pizza and want to come eat Italian authentic pizza, so hopefully this makes me famous enough to wrestle in Italia. If not, it’s okay!!! Just go watch my Vlogs & streams. Playedbyjulian.com


Categorie