Ultimi aggiornamenti

Fight Planet Italia

WWE Pubblicato in data 22/05/2022

WWE SMACK DOWN - Gli uni(ficati) e gli altri?

Analisi Smack Down Live

Occhi puntati  per Smack Down che diventa un punto di non ritorno sia per la questione della unificazione dei titoli di coppia dei due brand ma anche, se non soprattutto, per capire quale sarò la risposta della federazione al tanto parlato caso Sasha-Naomi e delle possibili conseguenze .Ma quali aggiornamenti ha lasciato intendere lo show blu e quale strada sembra essere stata presa?

 

Primo scontro tra Shinsuke Nakamura e Samy Zayn, vinto dal nipponico dopo una contesa divertente ma ben lontana dal potenziale che possono raggiungere i due (come visto nel loro match a NXT TakeOver: Dallas); un faccia a faccia che si prospetta essere il primo passo per creare una faida tra i due in modo da mantenerli attivi senza sprecare il momento d’oro di Zayn e non bruciare Nakamura come papabile sfidante di Roman Reings anche se non ancora tale scontro potrebbe essere ben lontano dall'accadere.

 

Nuovo episodio dello show più felice del modo, l’Happy Talk, condotto da un Happy Corbin più serio del normale che, dopo aver rivendicato di aver infortunato (in chiave Keyfabe) l’ex battutista personale Madcap Moss, distrugge il trofeo della Andrè The Giant Memorial Battle Royal rubato a quest'ultimo. Una ottima scrittura del Lone Wolf da vero Heel che riesce ad impressionare il pubblico rinnovando l’odio ne suoi confronti dando anche il motivo cardine per un inasprimento del personaggio di Moss, dato il colpo basso di aver distrutto un traguardo importante per quest’ultimo. Resta da vedere come verrà gestito in futuro lo scontro tra i due e se Corbin dovrà condurre in solitaria il feud a causa dell’assenza ddell'avversario per vendere l’infortunio dell’ex campione 24/7 ( con un probabile rientro in tempo per l’Hell in a Cell) e come, o soprattutto se, riuscirà a mantenere alto l’interesse da parte del pubblico sulla faida.

 

Continua la distruzione da parte di Gunther ai danni di Drew Gulak con l’austriaco che sconfigge il Submission Magician in un match senza storia, tendando poi di infierire nel post match salvo però venire interrotto dal campione intercontinentale Ricochet arrivato per salvare Gulak. Un intervento che può suggerire un imminente  scontro tra il Ring General e il One and Only, voglioso di vendicare l’amico, conin palio il suo titolo.

 

Debutto in un segmento con Adam Pearce il fu L.A. Knight , ribattezzato in Max Dubri, che si presenta come il proprietario della Maximum Male Modelin, società di reclutamento per “modelli”, entrato in collaborazione con la WWE grazie ad un contratto stipulato con Sonya Deville. Un debutto che aleggiava da qualche tempo (da metà Aprile circa) dopo alcune notizie che vedevano Dubri esibirsi nei Dark Match dello show Blu  al affiancato di Mace, ex Retribution, ronominato in Face. Una stable che può contare sulla bravura dell’ex LA Knight ma che potrebbe risultare stucchevole proponendo delle gimmick stucchevoli, quali quelle dei modelli lottatori, un po’ antiquate.

 

Vengono forniti aggiornamenti sulla situazione inerente ai titoli di coppia femminili con Micheal Cole che comunica, dopo aver ribadito la poca professionalità di Sasha Banks e Naomi, come le detentrici dei titoli sono state sospese in maniera indefinita e che sarà instituito un torneo per decretare le nuove campionesse della categorie . Una presa di posizione da parte della federazione che alcuni siti di settore avevano riportato (anche se si limitava a riportare una rimozione solo dai Live Event),nonostante fosse stata smentita dal marito della Blue Print, e che potrebbe essere vista come un tentativo di temporeggiare per trovare un accordo tra le parti programmando un eventuale rientro delle Ex Team B.A.D .Va riconosciuto che l’idea di instituire un torneo potrebbe rivelarsi molto interessante sia per l’evento in se per se dato che potrebbe vedere la presenza di squadre provenienti anche da NXT, sia per mettere in luce il vivaio della federazione oltre che a “rimpolpare” la divisione del Main Roster, sia per le dinamiche future qualora Sasha e Naomi tornino in azione andando a creare uno scontro per decretare l’Undisputed Women Tag Team Champions (citando quasi la faida pre Summerslam 2011 tra John Cena e CM Punk per eleggere l’Undisputed WWE Champion). Una decisione molto interessante che di fatto è stata “causato” dalle azioni, al di là del legittime o non, di Sasha Banks e Naomi che sono riuscite nel loro intento di rendere interessante ( seppur lontano dall'essere rilevante) lo scenario dei titoli di coppia e che la WWE, citando il credo di Erick Bishop per cui “ Le controversie creano denaro”, potrebbe sfruttare per costruire una storia degna di nota oltre che a presentare le “rivoluzionarie” con due personaggi più maturi e non piatti come abbiamo visto fino ad ora. Una piccola speranza che però sembra rimanere tale dato che la federazione e le due wrestler sembrano sempre più lontano dal raggiungere una intese con la prima che ha iniziato una campagna di “rimozione” di ogni riferimento alle due ex campionesse ( partendo dalla sospensione del  merchandising fino alle clip della Boss nella intro di Level Up) e con queste che hanno modificano ogni riferimento alla WWE sui loro canali social. Una prassi che al momento non sembrerebbe preventivare un rilascio delle campionesse ma che comunque mostra come il clima sia più teso che mai.

 

Si arriva alla parte finale della puntata con lo scontro di unificazioni dei titoli di coppia della federazione, vinto dagli Usos ( come erroneamnete spoilerato dalla stessa federazione durante la settimana) al termine di una contesa titolata ben lottata ma che non rende giustizia al clima creatosi per lo scontro. Vittoria che avviene con la duplice interferenza da parte di Paul Heyman, prima, ed di Roman Reigns poi, che nel post match infierisce sugli avversari con un brutale pestaggio sotto gli occhi attoniti del pubblico presente. Un finale che lascia poco spazio all’ipotesi di un rematch tra le coppie  visto il comunicato della federazione nelle ore a seguire della puntata che comunica come Riddle e Orton siano sotto osservazione medica per un possibile infortunio: un infortunio che, stando ad alcuni siti di settore, potrebbe essere legato alla storyline in modo da far affrontare Roman Reigns prima con l’Original Bro a Money in The Bank e poi The Viper a Summerslam. Un Rumors che potrebbe giustificare anche l’intervento del Tribal Chief nel match, ma che comunque sembra molto forzato lasciando di fatto gli Usos senza degli avversari credibili già dalla prima difesa titolata. Resta da capire anche cosà porterà l’unificazione degli stessi che, seppur sia stata molto accattivante da vedere, potrebbe rilevarsi poco funzionale visto che la categoria di coppia continua ad avere poche alternative fresche da contrapporre ai campioni samoani (salvo gli Street Profits che, nonostante il loro recente seppur non ufficializzato turn Heel, potrebbero essere i prossimi sfidanti) oltre che al rischio di rendere poco felici i network che hanno sempre preferito una divisione marcata dei Brand.

In conclusione, la puntata settimanale di Smack Down offre uno show incentrato sull’unificazione dei titoli di coppia ma dando però pochi spunti per gli altri feuds, sviluppati in maniera troppo lineare e poco approfondita. Non colpisce il lottato, che nonostante il pubblico presente dai primi scambi, rasenta  la media qualitativa che si potrebbe vedere in uno show settimanale deludendo le aspettative con il main event tra gli Usos e gli RK-Bro, ben condotto ma che visto il pathos avrebbe potuto offrire qualche cosa di più. Grava sull’interesse generale della puntat anche l’assenza della campionessa Ronda Rousey andando a rendere vano quanto detto settimana scorsa definendosi una campionessa “combattente”; una pausa dovuta a forze maggiori e che però evidenzia come la Hall of Famer UFC sia la vera vittima della vicenda Banks-Naomi dato che si trova senza sfidanti e con una divisione femminile già decimata nel roster Blue ed ancora più “contata” visto l’imminente torneo di coppia. Una soluzione potrebbe essere quella di far scontrare Ronda con Becky Lynch, al momento rimasta senza impegni per i prossimi mesi,di modo da creare il tanto agognato rematch di Wrestlemania 35 .Tante speculazioni che di fatto mostrano uno smarrimento da parte del brand che, al di là dell’unificazione, non ha mostrato particolare attenzione nel costruire una valida alternativa alla faida principale anche a causa, spezzando una lancia in favore della WWE, dei recenti sviluppi. Va bene pensare all’unificazione, ma agli altri chi ci pensa?


Fight Planet Italia

NXT Pubblicato in data 11/05/2022

WWE NXT: Di palo in frasca

La nostra analisi di NXT

Spring Breakin' è appena passato agli archivi, portandoci un ottimo evento perfettamente in linea con la nuova gestione di NXT. Ma non c'è tempo da perdere, bisogna guardare al futuro: ed allora si inizia già a pensare a In Your House, il prossimo Premium Live Event del terzo brand WWE.

 

La situazione intorno al titolo North American è senza ombra di dubbio la più interessante al momento: solo sette giorni fa Cameron Grimes si è confermato campione sconfiggendo Carmelo Hayes e Solo Sikoa in un incontro a tre, ed è proprio in questo ambito che viene fatta menzione dell'evento sopracitato, con il campione ben intenzionato a concedere una title shot a Hayes, promettendo a Sikoa quella successiva. Il samoano potrebbe sicuramente trarre beneficio da una cintura alla vita, e chissà che non possa essergli di buon auspicio per quando si ricongiungerà con i suoi "consanguinei"...

 

Un altro sviluppo interessante dallo speciale della scorsa settimana è la continua one-upmanship tra Santos Escobar e Tony D'Angelo, arrivati definitivamente ai ferri corti dopo settimane di mazzette, minacce e sequestri. L'inevitabile scontro a squadre si avvicina sempre più, e chissà che non possa portare a una chiamata ai "piani alti" per i Legado del Fantasma, pronti da tempo - a mio parere - a fare il salto di qualità. Lo stesso si può dire per Bron Breakker e Joe Gacy, i quali avranno sicuramente un secondo match nel breve periodo. L'improvviso licenziamento di Harland non sembra aver ostacolato Gacy, che si affianca a due nuovi discepoli, che a suo dire faranno di tutto per lui: non so voi, ma entro Summerslam mi aspetto di vederlo con la cintura alla vita.

 

Tutto molto bello, ma chi la fa da padrona quest'oggi è la divisione femminile! Inizia ufficialmente il Breakout Tournament, nel quale otto lottatrici si affronteranno per ottenere la vittoria finale, e un incontro titolato per la cintura femminile di NXT. Nikkita Lyons e Fallon Henley sono le due prime semifinaliste, sconfiggendo rispettivamente Arianna Grace e Sloane Jacobs. In apertura di puntata Jacy Jayne e Gigi Dolin si confermano campionesse di coppia sconfiggendo - con l'aiuto di Mandy Rose - la coppia di Roxanne Perez e Wendy Choo; Alba Fyre, conosciuta come Kay Lee Ray, torna in azione trionfando su Amari Miller; e in un match a coppie miste, Sarray e Andre Chase ottengono una vittoria su Tiffany Stratton e Grayson Waller. Nel main event abbiamo la resa dei conti tra Natalya e Cora Jade, nella quale la veterana della WWE sconfigge - non senza difficoltà - la giovane skater.


Fight Planet Italia

NXT UK Pubblicato in data 18/02/2022

NXT UK: Devlin vs Wolfgang

La nostra analisi di NXT UK

Ci siamo lasciati sette giorni fa con un paio di match annunciati per la card del giorno, che come tradizione per NXT UK portano avanti quella continuità - per quanta ce ne possa essere in un'ora a settimana - di cui tutto il resto dei prodotti WWE necessita disperatamente.

 

È il caso dell'opener che vede Kenny Williams cercare di evitare a tutti i costi lo scontro con Sam Gradwell, fingendo un infortunio. La simulazione non riesce come sperato, e nonostante la foga disperata di Williams nel cercare di chiudere la faccenda il prima possibile, è Gradwell ad ottenere la vittoria in pochi minuti con un roll-up alla Summerslam 1992. La rivalità sicuramente andrà avanti, dopo che il perdente Williams ha attaccato l'avversario al termine del match, arrivando a tagliargli la cresta.

 

Stevie Turner ed Emilia McKenzie tornano finalmente sul ring di NXT UK: per una delle due la serata è finita bene, quantomeno. La seconda, dopo mesi di assenza, non ingrana la marcia, subendo una pesante sconfitta per mano di Angel Hayze. D'altro canto è una buona serata per la Turner, che ritorna in scena anch'essa dopo diverse settimane con una bella vittoria contro Myla Grace: che sia la prossima sfidante di Meiko Satomura?

 

Mentre vediamo rafforzarsi il legame tra Dave Mastiff e Jack Starz, il raggruppamento di Die Familie dopo la sconfitta di Teoman contro Nathan Frazer, e quest'ultimo lanciare il guanto di sfida a nientemeno che Ilja Dragunov, ci avviciniamo al main event. Per l'occasione Wolfgang appare in solitaria, lasciando i fratelli Coffey dietro le quinte: decisione che gli costa fatale contro un incredibile Jordan Devlin in forma smagliante, che chiude la puntata di oggi con un'importante vittoria.


Fight Planet Italia

AEW Pubblicato in data 12/05/2022

AEW DYNAMITE: Il torneo ha inizio!

La nostra analisi di AEW Dynamite

Gran trambusto in AEW: meno di tre settimane ci dividono da Double or Nothing, il secondo pay-per-view dell'anno della All Elite Wrestling, nonchè primo per storia ed importanza. Mentre di annunciato ufficialmente c'è ancora ben poco, la card prende forma nella sua interezza, basandosi sulle storylines portate avanti nelle ultime settimane.

 

CM Punk dimostra di essere entrato definitivamente nella testa di "Hangman" Adam Page, e noi non ci aspettavamo niente di meno: nelle ultime puntate il lato tweener del cowboy è venuto fuori sempre più spesso, e mentre il campione continua a ripetere di essere migliore dello sfidante e che lo sconfiggerà, quest'ultimo lo manda fuori di testa, sconfiggendo John Silver con il Buckshot Lariat. La risposta di Hangman? Un dito medio. Che hype!

 

Altrettanta attesa trepida sempre più per lo scontro tra MJF e Wardlow, che per l'occasione viene stra-fischiato da tutta Long Island, terra natia del suo ex capo. Affinchè il big man possa affrontarlo a Double or Nothing, dovrà subire 10 frustate e sconfiggere Shawn Spears in uno steel cage match: vi ricorda qualcosa? Il contratto viene firmato e le regole sancite, ma non si poteva chiudere il tutto senza una Powerbomb, no? Il malcapitato del giorno è "Smart" Mark Sterling, avvocato di Maxwell Jacob Friedman. Inaspettatamente lo stesso Sterling sarà in azione al prossimo pay-per-view, facendo coppia con Tony Nese per affrontare... HOOKHAUSEN! Dopo settimane di provocazioni e di suspense Hook e Danhausen finalmente stringono un'alleanza, arrivata dopo una rapida sconfitta di quest'ultimo per mano di Nese.

 

E mentre Ricky Starks si conferma campione FTW sconfiggendo Jungle Boy in un incontro che ha visto l'interferenza di Swerve Strickland, il torneo in memoria di Owen Hart ha finalmente inizio. Adam Cole e Jeff Hardy sono i primi due semifinalisti del torneo maschile, avendo sconfitto rispettivamente Dax Harwood e Darby Allin: nella controparte femminile è Toni Storm la prima ad avanzare, grazie a una vittoria su Jamie Hayter.

 

Come detto nelle prime righe la card di Double or Nothing sta prendendo forma molto velocemente, lasciando qualche alone di mistero in alcune rivalità: ci sarà un incontro per i titoli di coppia? Vedremo il tanto atteso incontro a squadre tra il Death Triangle e la House of Black? E soprattutto, era veramente necessario l'inserimento del Blackpool Combat Club al fianco di Eddie Kingston, Santana e Ortiz come controparte alla Jericho Appreciation Society?


Fight Planet Italia

IMPACT Pubblicato in data 14/05/2022

IMPACT WRESTLING: Qui si fa la storia

Analisi dello show settimanale

Slammiversary è in avvicinamento: come fare a convincere il pubblico a comprare un Pay-per-View a due settimane da Double or Nothing della AEW? Semplice: andando a costruire, attraverso le puntate settimanali, uno show spettacolare, mescolando sapientemente vecchie glorie e nuove promesse ed aggiungendo colpi di scena.

 

La prima bomba è sicuramente quella sganciata da Gail Kim: la Hall of Famer ha annunciato che al Pay-per-View il Titolo Knockout sarà difeso nel primo Queen of the Mountain Match. Un grande traguardo per la scena femminile, che riporta una classica stipulazione della vecchia TNA (e nella città dove tutto è nato, Nashville) innovandola in una nuova veste, grazie ad un gruppo di atlete di primissima qualità: Tasha Steelz, Chelsea Green, Deonna Purrazzo, Jordynne Grace e Mia Yim sono una garanzia e si sono meritate l'onore di essere le prime nella storia a competere in questa tipologia di match. Vedremo come riusciranno a scrivere una nuova ed importante pagina per Impact Wrestling.

 

Kenny King sconfigge Chris Bay, qualificandosi per l'Ultimate X, grazie all'intervento di Maria Kannelis che fornisce un importante assist al membro degli Honor No More. La faida fra il gruppo dei reietti ed il Bullet Club è una delle più interessanti dello show ed il loro confronto a Slammiversary si prospetta come un possibile "Show-Stealer".

 

Bello il Tag Team Match che vede il l'Impact World Champion Josh Alexander fare squadra con la stella della NJPW Tomohiro Ishii contro il Bullet Club, rappresentato da Jay White ed El Phantasmo. Una bella vetrina per The Walking Weapon, che si sta sempre di più costruendo come il volto della compagnia, merito anche di questi incontri che lo mettono al pari con grandi atleti internazionali. È proprio Ishii a chiudere il match con la sua Brainbuster ed assicurare la vittoria al team dei face.

 

E parlando proprio dell'Impact World Champion, lo show si conclude con il Gauntlet For The Gold che mette in palio il ruolo di primo contendente alla cintura di Alexander.
Sicuramente è un piacere vedere un sacco di veterani mescolarsi con nuovi prospetti, soprattutto nell'ottica di decretare uno sfidante credibile e vendibile. Ad avere la meglio è Eric Young, complice anche l'opera di crescita e valorizzazione che i Violent By Design stanno raccogliendo nell'ultimo periodo.

 

Sarà quindi Young contro Alexander il Main Event di Slammiversary. Incontro potenzialmente molto interessante, anche se facilmente pronosticabile: una vittoria per l'attuale Impact Champion contro un avversario di esperienza come Young, che poco ha da chiedere alla sua carriera in questo momento, potrebbe essere un bel boost al suo Star Power, per continuare quell'opera di consacrazione già in atto.

 

Impact inizia a calare gli assi in attesa del suo prossimo Pay-per-View. Il risultato si vede nello show settimanale, davvero piacevole da vedere e capace di lasciarti con la curiosità di sapere cosa altro può accadere fra sette giorni.

 


Fight Planet Italia

INDIES Pubblicato in data 03/04/2022

ROH SUPERCARD OF HONOR 2022

Analisi dello Show

Supercard of Honor rappresenta il primo passo nel nuovo percorso della compagnia dopo il blocco legato alla pandemia e il passaggio di proprietà dal gruppo Sinclair alla famiglia Khan: veterani e stelle nascenti uniti per rappresentare il presente e il futuro della
compagnia.


Il Pay Per View si apre con la sfida lanciata da Swerve a Alex Zayne in un incontro uno contro uno. I due atleti dopo essere stati rilasciati dalla WWE si sono nuovamente fatti strada nel circuito indipendente, e poi rispettivamente in AEW e in NJPW e qui a Supercard
of Honor si incontrano nuovamente. Strickland,ormai definitivamente in rampa di lancio per puntare alle zone più alte della card dopo aver firmato per la All Elite Wrestling, dimostra ancora una volta di essere un atleta completo con carisma da vendere e indubbie qualità
in-ring, in un opener ad alta intensità che mette in mostra le doti atletiche di entrambi i lottatori. L'incontro viene vinto da Swerve.

 


Il prossimo match in programma è lo scontro tra Ninja Mack e il nuovo cliente del manager Tully Blanchard, fresco di licenziamento da parte degli FTR,che vedremo impegnati più tardi nel corso della serata.
Dopo che l'atleta mascherato ha già raggiunto il ring fa il suo ingresso sullo stage l'ex membro dei Four Horsemen e annuncia che il suo nuovo assistito è niente meno che "The Machine" Brian Cage. Cage negli ultimi mesi era al centro delle polemiche per le lamentele dovute alla sua prolungata assenza dalla programmazione della AEW al termine della storyline con lo split dal Team Taz data l'indisponibilità di materiale per lui da parte del team creativo con un contratto ormai in scadenza con la compagnia di Jacksonville. Sarà la Ring of Honor il suo nuovo territorio di caccia?

 


Detto questo come pronosticabile vediamo quello che è essenzialmente uno squash match, che sì evidenzia i tratti caratteristici dello stile di Cage ma che sostanzialmente non è nulla di diverso da ciò che ci ha abituati a vedere. Match insufficiente.

 


Il prossimo incontro mette a confronto il veterano e pluricampione ROH Jay Lethal e il giovane Lee Moriarty, di cui ultimamente non si fa che parlar bene tra gli addetti ai lavori,accompagnato da Matt Sydal. Il match è godibile, con un'ottima interazione tra la tecnica di Lethal e l'esplosività di Moriarty.

Tuttavia Lethal ottiene lo schienamento vincente con un low blow e continua ad infierire su Moriarty anche nel post-match confermando un turn heel vociferato da molto tempo che ridarà nuova linfa vitale al suo personaggio. Moriarty riesce a sfuggire all'assalto di Lethal anche con l'aiuto di Sonjay Dutt.

 


Successivamente abbiamo l'incontro valevole per il titolo Femminile ROH ad interim tra Mercedes Martinez e Willow Nightingale. Alla base di questo incontro a quanto pare c'è la decisione da parte di Tony Khan di non far lottare la campionessa Deonna Purrazzo,atleta di Impact, in un week-end già carico di eventi. Fin dalle prime battute possiamo notare come la Martinez abbia dalla sua un vantaggio dal punto di vista fisico e di esperienza ma la sua sfidante di tanto in tanto compie dei comeback e riesce a impensierirla ma dopo una dragon sleeper è costretta a cedere. Mercedes Martinez diventa campionessa femminile ROH e sfiderà la campionessa in carica in un match di unificazione.

 

Veniamo poi a uno dei match più attesi e carichi della serata: gli FTR, campioni di coppia AAA, sfidano i Briscoe Brothers per i titoli di coppia ROH. I toni della faida sono stati fin da subito accesissimi con i Briscoe
che più volte hanno più volte proposto la sfida e gli FTR che si sono poi presentati a Final Battle per mettere in chiaro le loro intenzioni e stabilire data e luogo del loro scontro. Match duro, senza esclusione di colpi, probabilmente il migliore della serata al pari con il main event, con manovre e scambi intensi, è evidente la chimica tra i membri delle due coppie ma sono gli FTR a ottenere il pin vincente e a diventare campioni di coppia ROH.


Dax e Cash propongono di sotterrare l'ascia di guerra coi fratelli Briscoe con una stretta di mano ma vengono interrotti da Matt e Nick Jackson, gli Young Bucks, che fanno il loro ritorno in ROH, che con un doppio BTE Trigger colpiscono i Briscoe e si trovano a faccia a faccia con i nuovi campioni. Le due coppie decidono di affrontarsi nel loro secondoi ncontro nella prossima puntata di Dynamite con in palio le cinture.

 

Il prossimo incontro, coni l palio il titolo televisivo ROH, vede fronteggiarsi il campione Rhett Titus e la leggenda NJPW Minoru Suzuki. Incontro caratterizzato dalla solita violenza che contraddistingue Suzuki che sconfigge il campione gli strappa la cintura dalla vita.

 

L'incontro che procede peri l main event è un incontro con in palio il titolo Pure della ROH. È stata data l'opportunità a Wheeler Yuta, altro atleta da tenere d'occhio per il futuro, di sfidare il campione Josh Wood. L'incontro inizialmente procede con un ritmo lento e metodico,anche a causa delle regoleP ure che in un primo momento sembrano limitare lo sfidante. Yuta cerca di prendere le misure del campione fino a trovare lo schienamento vincente.

 

Arriviamo al match più importante della serata: incontro di unificazione del titolo ROH. Jonathan Gresham, uno dei wrestler più dotati a livello tecnico dell' ultimo periodo, possessore della cintura "classica" ROH, sfida Bandido, possessore della cintura dal nuovo design, che non ha mai perso in un incontro uno contro uno per via delle restrizioni dovute alla pandemia, accompagnato da Chavo Guerrero Jr. L'incontro ha un ritmo altissimo, con le manovre aeree di Lucha Libre di Bandido,che impedisce al suo manager di intervenire e quindi vincere con un finale sporco, e Gresham che cerca di portarlo al tappeto per applicare le sue prese di sottomissione. Gresham riesce a schienare Bandido e quindi ad entrare in possesso di entrambe le cinture, ma la sua celebrazione non dura per molto. Infatti sbuca fuori Jay Lethal, pronto a sfidare il campione, e lo attacca. In soccorso di Gresham accorrono Sonjay Dutt e Lee Moriarty ma vengono messi a bada da Lethal. A
questo punto arriva l'ultimo colpo di scena dello show che manda in visibilio i tutti i fan presenti: fa la sua comparsa Samoa Joe, anche lui al suo ritorno in ROH, in ring attire, pronto a mettere le mani addosso a Lethal che fugge. Nel finale Joe annuncia che presenzierà alla prossima puntata di Dynamite. Sarà quindi un ritorno in pianta stabile tra le corde e non solo al tavolo di commento o come presenza on-screen?

 


Uno show godibile che, a parte lo showcase per Brian Cage che lascia comunque degli interrogativi, mette in mostra i nuovi volti della compagnia e da speranza nel nuovo progetto di una Ring Of Honor targata Tony Khan.


Fight Planet Italia

APPROFONDIMENTI Pubblicato in data 17/05/2022

L'ultimo match di Ric Flair è inutile

Perché tornare nel ring nel 2022?

Il prossimo 31 luglio si ritirerà definitivamente (forse) dal mondo del wrestling lottato Ric Flair, combattendo un ultimo match contro un avversario ancora da annunciare.

 

Classe 1949, circa 5000 match al suo attivo e quasi 50 anni di carriera nel quadrato. Il suo primo match fu il 10 dicembre 1972 e quest'anno, a 73 anni, combatterà nuovamente quello che lui stesso ha dichiarato come il suo ultimo incontro.

 

Inutile parlare della sua carriera, basterebbe citare il suo palmarès per capire di trovarsi davanti non ad una leggenda, ma a qualcosa di più. Quello che mi spinge a scrivere un articolo su di lui è la motivazione che lo porta a tornare ancora una volta nel ring, mettendo a repentaglio la sua salute e, volendo, anche il ricordo che si ha di lui. Perché è facile pensare che vederlo un altra volta nel quadrato sarà un tuffo al cuore, ma cosa rimarrà dei suoi due ultimi match storici?

 

Torniamo indietro al 30 marzo 2008 e a quella Sweet Chin Music che mise fine alla sua carriera in WWE. L'emozione di quel momento, le lacrime di Shawn Michaels e quelle dello stesso Flair, mischiate a tutte quelle degli spettatori, me compreso, che capirono in quell'istante che era finita. Una conclusione perfetta, costruita per mesi con un climax palpabile e di cui tutti sapevamo esattamente come sarebbe terminato. Quel palcoscenico, quell'avversario, quel momento rimarranno impressi nelle nostre menti in maniera indelebile.

 

Balziamo al 12 settembre 2011, a quel match fra Sting e Ric Flair, l'incontro fra due leggende e pilastri della ormai defunta WCW, ritrovati in TNA e pronti a darsi battaglia in uno scontro dallo Star-Power memorabile. Ric ha più di 60 anni, Sting poco sopra i 50. In un mondo fatto da giovani atleti e carriere brevissime, i due mettono in scena un Main Event epico, 15 minuti di scontro che nulla hanno da invidiare a quelli fra giovani promesse del settore. The Icon vince e Ric mette fine alla sua esperienza in-ring regalandoci un ultimo match indimenticabile contro un avversario leggendario.

 

Questi due sono da considerarsi i match di addio di Flair, uno in WWE ed uno in TNA, strizzando l'occhio alla WCW. Due momenti che ogni fan della disciplina ricorda e conserva nel cuore, identificandoli come l'addio del Nature Boy ed il suo pensionamento.

 

Sono passati rispettivamente 13 ed 11 anni. Molti fan di oggi probabilmente non si ricordano nemmeno di questi incontri. Che senso ha dare loro un altro match? E se lo scopo è farlo per gli appassionati di vecchia data, vale davvero la pena rovinare il ricordo di queste due epiche contese con un match che, molto probabilmente, sarà al di sotto delle aspettative e del livello di quelli sopra citati?

 

Che poi Flair possa regalarci una perla ne sono perfettamente consapevole ed una certa parte di me lo spera, ma dall'altro lato c'è la volontà di conservare un bellissimo ricordo e due bellissime emozioni che rischiano di essere infangati da un ritorno nel ring non necessario.

 

Sarò il primo a guardare il match del Nature Boy, ad urlare "WOOOOO" ad ogni sua chop e a battergli le mani a fine incontro, ma c'è un lato di me che ha paura che questo ultimo match possa essere una evitabile castronata. E da fan del "Dirtiest Player in The Game" non posso che aver timore.


Fight Planet Italia

INTERVIEWS Pubblicato in data 15/07/2020

INTERVIEW: ETHAN PAGE

Intervista a Ethan Page.

Fight Planet Italia ha avuto l’onore di intervistare Ethan Page, attuale IMPACT World Tag Team Champion con il team The North (in coppia con Josh Alexander). Che quest’anno hanno scritto la storia della compagnia, diventando i più longevi Campioni in carica della federazione. Intervista realizzata da Roberto Rotonda.

 

Fight Planet Italia had the honor of interviewing Ethan Page, current IMPACT World Tag Team Champion with The North (with Josh Alexander). That this year they wrote the history of the company, becoming the longest reigning tag team champions of the federation. Interview by Roberto Rotonda.

 

1) Innanzitutto un grande ringraziamento per questa intervista. Qual è stato il momento in cui hai capito che saresti diventato un wrestler professionista? Come è iniziato il tuo interesse per il wrestling?
Adoro il wrestling da bambino. All’età di 2 anni citavo Jim Duggan e facevo Macho Man con le mani. Quando ho visto The Rock, ho capito che questo sarebbe stato il mio futuro.

 

1) First of all a big thanks for this interview. Which was the moment you understood you would become a pro wrestler? How your interest in professional wrestling started?
I love wrestling as a tiny kid. Age 2 I was quoting Jim Duggan and doing Macho Man hands. When I saw The Rock, I knew this was gonna be my future.

 

2) Tu sei Canadese. Il Canada ha una delle culture più incredibili per questo business e un'eredità che non è seconda a nessuno. Chi sono i lottatori canadesi che ti hanno ispirato nella tua carriera?
Edge, Christian, Test, Val Venis da ragazzo. Poi Bobby Roode, Kevin Steen e El Generico quando ho cominciato ad allenarmi.

 

2) You are Canadian. Canada has one of the most incredible culture for this business, and a legacy that is second to none. Who are the Canadians wrestlers that inspired you through your career?
Edge, Christian, Test, Val Venis as a kid. And then Bobby Roode, Kevin Steen and El Generico once I started training.

 

3) La tua esperienza nel circuito indipendente canadese, potresti dire ai nostri lettori com'è lavorare nel circuito indy canadese?
Non è così figo come sembra. Il wrestling non è grande come negli Stati Uniti. Non ha la stessa esposizione. Ma i nostri lottatori sono molto meglio. Hahah.

 

3) Your experience in Canadian independent circuit, could you tell our audience how it is, to work in Canada’s indy circuit?
It’s not as cool as it seems. Wrestling isn’t as big in Canada as USA. It doesn’t get the same exposure. But our wrestlers are much better. Hahah.

 

4) Nelle indies, hai affrontato nomi famosi sia del presente che del passato. Rhino, Shane Douglas, Petey Williams, Kevins Steen, Cesaro, Johnny Gargano e molti altri. Chi è stato il tuo avversario più duro e qual è il match di cui sei più orgoglioso?
L'avversario più duro è Darby Allin. Il mio match con lui nel weekend di WrestleMania a Orlando sarà quello che ricorderò per sempre.

 

4) In the indies, you’ve faced hot names from both present and past. Rhino, Shane Douglas, Petey Williams, Kevins Steen, Cesaro, Johnny Gargano and many many others. Who was your toughest opponent and what is the match you are more proud?
Toughest opponent is Darby Allin. My match with him WrestleMania weekend in Orlando will be one I remember forever.

 

5) Ora sei una leggenda del tag team. È stato difficile per te il passaggio dalla competizione singola alla competizione a squadre?
No. Facile. Josh e io abbiamo un'ottima chimica. Non è stato affatto difficile.

 

5) Now you are a tag team legend. Was difficult for you the transition from single competition to tag team competition?
Nope. Easy. Josh and I have great chemistry. Wasn't hard at all.

 

6) Ethan Page si è affermato nel tag team wrestling. Vincendo titoli importanti in un sacco di compagnie Indy con diversi partner. Come ACH, Elgin, Cody e ultimo, ma certamente non meno importante, il tuo attuale compadre Josh Alexander. È difficile cambiare mentalità o stile per adattarsi da un partner a un altro?
Beh, come ho detto, con Josh è stato facile. Anche con Cody c’è una buona chimica. Ma a volte devo solo seguire ciò che dice il promoter e non posso scegliere i miei partner. Con ACH è stato un periodo divertente della mia carriera e mi ha fatto realmente capire e dimostrare che non me ne frega niente di quello che pensa la gente. Faccio quello che mi pare.

 

6) Ethan Page established himself in tag team wrestling. Winning important championships in a lot of Indy promotions with different partners. Such as ACH, Elgin, Cody and last but certainly not least, your current compadre Josh Alexander. It’s hard to change mindset or style to adapt from a partner to another?
Well like I said with Josh it was easy. Cody has good chemistry too. But sometimes I just have to follow what the promoter says and I don’t get to choose my partners. ACH was a fun time in my career too though and really let me show I didn’t give a crap about what people think. I’m just doing what I want.

 

7) The North. Un grande capitolo leggendario della tua carriera. Che ha portato te e Alexander nella storia di IMPACT Wrestling, il che significa nella storia del wrestling. Voi due siete diventati (e siete ancora) i più longevi IMPACT World Tag Team Champions nella storia straordinaria di quei titoli. Come ti senti a riguardo, considerando anche le incredibili leggende che hanno detenuto quelle cinture in passato?
Essere campioni per oltre un anno in qualsiasi compagnia è figo. Ma farlo con una compagnia come TNA/IMPACT! significa davvero molto. Sono cresciuto guardando la TNA, e ora faccio parte della gioventù dei nuovi fan. È una grande soddisfazione per me.

 

7) The North. A great legendary chapter of your career. That put you and Alexander in the history of IMPACT Wrestling, which means in the history of pro-wrestling. You two have become (and still are) the longest reigning IMPACT World Tag Team Champions in the amazing history of those titles. How do you feel about that, considering even the amazing legends that has hold those belts in the past?
Being champions for over a year in any company is cool. But doing it with a company like TNA/IMPACT! it truly means a lot. I watched TNA growing up and now I get to be a part of new fans youth. It’s a great accomplishment for me.

 

8) The North è stato il protagonista di uno dei "cinematic wrestling matches" (il Deaner Compound Match, in IMPACT) che recentemente hanno avuto un ruolo importante nel settore. Qual è la tua opinione a riguardo?
Adoro il cinematic wrestling. È solo un'opportunità per mostrare differenti abilità. Specialmente quando IMPACT! mi ha assunto e pagato per editare i segmenti per loro.

 

8) The North was the star in one of the "cinematic wrestling matches" (the Deaner Compound Match, in IMPACT) that recently had an important role in the business. What is your opinion about it?
I love cinematic wrestling. It’s just a chance to show different skills. Especially when IMPACT! hired and payed me to edit segments for them.

 

9) Ora, immagino che il vostro obiettivo è rimanere IMPACT Tag Champs a vita. Ma cosa ci aspetta per il The North. E le prospettive di ALL EGO. Hai intenzione di provare a vincere un titolo in singolo a IMPACT o anche in altri posti?
Non mi interessa quello che faccio dopo. Sono solo pronto per guadagnare più soldi. Credo di lavorare più duramente di chiunque altro a IMPACT e anche al di fuori. Ma non sono il più pagato. Quindi voglio cambiare questo o forse sono pronto per un diverso tipo di lavoro. Non ho fedeltà per queste cose. Solo per la mia famiglia.

9) Now I could just image that your goal is to still IMPACT Tag Champs for life. But what’s next for The North. And what’s next for the ALL EGO. Do you have any intention to try to win a single title in IMPACT or even in other places?
I don’t care what I do next. I’m just ready to make more $$$ (money). I believe I work harder than everyone in IMPACT and even people outside of it. But I’m not the highest paid. So let’s change that or maybe I’m ready for a different line of work. I have no loyalty to this stuff. Just my family.

 

10) So che sei anche un Vlogger e un gamer. Attivo su YouTube e Twitch. Puoi dirci come è nato questo lato di te? E come, o se, questo influenza il tuo personaggio.
Mia moglie mi ha fatto fare tutto. Lei è il cervello dietro "Ethan Page played by Julian". Crede in Julian più di quanto ci credo io. Tutto merito suo.

 

10) I know you are even a Vlogger and a gamer. Active on YouTube and Twitch. Can you talk how this side of you is born? And how or if this influence your wrestling persona.
My wife made me do it all. She’s the brains behind “Ethan Page played by Julian”. She believes in Julian more than I do. All her.

 

11) L'ultima, non è una domanda. È uno spazio libero per te. Sii libero di dire tutto quello che vuoi agli appassionati di wrestling italiani.
Adoro la pizza e voglio venire a mangiare una pizza italiana autentica, quindi spero che questo mi renda abbastanza famoso da poter lottare in Italia. In caso contrario, va bene lo stesso!!! Basta che andate a guardare i miei Vlog e i miei stream. Playedbyjulian.com

 

11) The last, is not a question. It’s a free space for you. Be free to say anything you want to the Italians wrestling fans.
I love pizza and want to come eat Italian authentic pizza, so hopefully this makes me famous enough to wrestle in Italia. If not, it’s okay!!! Just go watch my Vlogs & streams. Playedbyjulian.com


Categorie