NXT

di Roberto Rotonda - 27/03/2020

NXT: Ultimatum dal Boss

Triple H dà l'ultimatum a Ciampa e Gargano.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT. Si ritorna alla quasi normalità, dopo la cancellazione ufficiale di TakeOver: Tampa. Nessun rammarico però, i match programmati saranno comunque combattuti durante i prossimi episodi di NXT.

Show che si apre con il bel match tra Tyler Breeze e Austin Theory. Quest’ultimo paga la sua spavalderia, cosa che gli vale la sconfitta ai danni del veterano Breeze. Poco altro da aggiungere, rivalità che potrebbe proseguire per mandare over il giovane Theory.

Poco da dire anche sul match tra Killian Dain e Tehuti Miles. La Beast Of Belfast vince in una manciata di minuti, continuando il suo percorso dominante alla ricerca di avversari più seri.

Molto gradevole l’incontro tra Tony Nese e Cameron Grimes. Un bel match che Grimes ha vinto dopo un’equilibrata sfida. In ottica Cruiserweight Championship, potrebbe essere un buon segnale. Anche considerando l’aver sconfitto proprio un ex Cruiserweight Champion.

Match di qualificazione al Ladder Match che mette in palio il ruolo di prima sfidante al NXT Women’s Championship. Aliyah deve affrontare Xia Li, che però rimane nel backstage a seguito di un attacco, non si sa da parte di chi, che gli provoca un infortunio al ginocchio. A sostituirla è la rientrante Io Shirai. Vittoria rapida per la Genius of the Sky, che va a qualificarsi. Un’ottima cosa per NXT, Shirai con le sue capacità in una stipulazione del genere è una garanzia.

Keith Lee, Dominik Dijakovic e Damian Priest sono protagonisti di un segmento che vede Dijakovic avere la meglio sugli altri. Settimana prossima si prospetta un altro gran bel match, dove il Limitless One dovrà difendere il suo NXT North American Championship dalle grinfie di due agguerriti avversari.

Competizione di coppia che oggi vede la sfida tra Oney Lorcan e Danny Burch che vanno contro Shane Thorne e Brendan Vink. Buona prova di quest’ultimi che però alla fine subiscono il tap out in contemporanea, perdendo l’incontro. Io continuo a chiedermi come mai Lorcan e Burch non hanno avuto ancora un regno di Tag Team Champions.

Penultimo posto rimasto nel Ladder Match che mette in palio il ruolo di prima sfidante al NXT Women’s Championship. Kayden Carter affronta Candice LeRae. Dopo una più che discreta prova, è LeRae ad aggiudicarsi la vittoria. Un profilo che calza a pennello con le altre partecipanti ad ora qualificate. Mia Yim, Tegan Nox, Chelsea Green e Io Shirai. Con l’ultimo posto che sarà assegnato mercoledì in quello che è stato rinominato Second Chance Gauntlet Match tra Dakota Kai, Deonna Purrazzo, Kayden Carter, Xia Li, Aliyah e Shotzi Blackheart. Per la vittoria la scelta che pare più ovvia è quella di Kai, grande protagonista in questi mesi.

Roderick Strong vs Matt Riddle è il nostro ultimo match della serata. È Riddle a vincere, non senza sofferenze. Sicuramente la cosa più notevole è l’attacco che subisce da due non precisati lottatori. Dico non precisati perché i nomi non sono stai annunciati ufficialmente, anche se trattasi di Saurav Gurjar e Rinku Singh, già sotto contratto con NXT. Ai quali segue l’arrivo di Malcolm Bivens (lo Stokely Hathaway della ROH e della MLW) che li annuncia come il futuro della Tag Team Division. Una mossa d’impatto che porta due volti nuovi all’interno della divisione, con il post WrestleMania alle porte può significare o promozione per qualcuno nel Main Roster o licenziamenti. Magari però mi sbaglio.

A chiudere la puntata arriva addirittura Triple H. Il quale dà un ultimatum a Tommaso Ciampa e Johnny Gargano. Vederli tutti e tre sul ring è bellissimo. Il Triplo dice di tenere a freno le mani, e gli concede un ultimo match. Ciampa vorrebbe lottare anche subito, Gargano replica che ha bisogno di due settimane. HHH gli ribadisce che sarà l’ultimo capitolo della loro saga personale, e se dopo ciò avranno ancora intenzione di scontrarsi, saranno entrambi fuori dai giochi, licenziati. Il Cerebral Assassin dice che troverà un edificio vuoto in cui metterà un ring e un arbitro per la data 8 aprile. Il segnale si interrompe, si sente una voce femminile (Scarlett Bordeaux quasi al 100%) accompagnata da un video, si intravede il volto di Killer Kross. Fine. Dunque tra due settimane assisteremo a quello che potrebbe essere il match più incredibile tra i due, che sancirebbe la fine definitiva della rivalità, per ora ci aggiungo io.

 

Non c’è nessun nesso al momento, ma è stato sicuramente un finale molto buono. Che mi fa solo tanto piacere, visto che presumibilmente Kross ha mantenuto il character che lo ha caratterizzato in Messico e nelle sue avventure pre WWE negli USA. E soprattutto se consideriamo lo status di Ciampa e Gargano e la loro epica rivalità, due mostri sacri nella storia di NXT, per lo più con Triple H presente sul ring. Quasi a significare come una sorta di investimento sicuro. Vediamo come proseguirà.

 

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Continua a leggere
di Roberto Rotonda - 20/03/2020

NXT: Pausa inattesa

Analisi NXT.

Bentornati con il classico appuntamento settimanale dedicato a NXT. Che questa settimana va in onda con un episodio dove viene ripercorsa la carriera in WWE di Tommaso Ciampa, Johnny Gargano, Finn Balor e Rhea Ripley. Il tutto coadiuvato dalle interviste ai protagonisti, in chiave TakeOver. Uno speciale anche buono, ben realizzato, ma in questo la WWE è maestra. Non una riduzione della durata dell’episodio, questo va detto, che è stato trasmesso nella sua versione integrale come sempre su USA Network. Una settimana che dunque non ha offerto match e non ha regalato sviluppi di storyline.

Ed è su questo che mi voglio focalizzare. Sulla scelta presa dalla federazione. Una scelta alla quale proviamo a dare un senso. Mettere in pausa NXT con tutto il trambusto che il Coronavirus sta creando nel mondo ci può stare. La WWE ha dovuto cambiare in fretta e furia i suoi programmi. Decidere in maniera veloce non è facile. Dunque la decisione di spezzettare WrestleMania in due giorni, 4 e 5 aprile, ha portato di conseguenza alla posposizione sia della cerimonia della Hall Of Fame, sia di TakeOver. E questo ha influito, forse in un momento anche di confusione, conseguentemente su NXT.

Pure se provo a dare un senso a tale scelta. Non sono sicuro sia stata la mossa giusta. Guardiamo a RAW e a SmackDown. Anche NXT poteva muoversi in quella direzione. Nonostante la decisione di posticipare TakeOver a quella che nel momento in cui scrivo è data da destinarsi, si poteva offrire un NXT con qualche match interessante. Mi viene in mente la situazione delle ragazze e gli incontri di qualificazione al Ladder Match di TakeOver che mette in palio il ruolo di prima sfidante al NXT Women’s Championship. Solo per fare un esempio.

E non pensate sarebbe stata ancora più epica e geniale la celebrazione di Adam Cole e del suo regno di NXT Champion? Io si, davvero. Un heel solo sul ring (con i suoi compari ovviamente) che si auto celebra insultando chi lo guarda autocelebrarsi da casa, senza pubblico presente sul posto. Si scrive da sola, l’epicità. Con la risposta di Velveteen Dream, che avrebbe potuto elevarsi maggiormente paladino del pubblico, anche se solo televisivo.

Insomma, se The Undertaker, Edge e John Cena hanno portato avanti il loro lavoro, in una maniera surreale per la loro caratura, non vedo perché non si poteva fare con i talenti di NXT. Magari inserendo qualche match del passato di NXT, e ce ne sono di cose meravigliose da far vedere se si va a pescare negli archivi dei vari TakeOver. L’idea che avrei avuto io, considerando anche l’Hall Of Fame 2020, ad esempio poteva essere quella di mostrare il match tra Jushin “Thunder” Liger e Tyler Breeze di NXT: TakeOver Brooklyn del 2015. Unendo così l’utile al dilettevole, mostrando l’unico match fatto in WWE nella storia del leggendario lottatore nipponico.

Poi c’è tutto un discorso di ascolti. Su twitter ad esempio leggevo che molti fan, quando hanno visto che si trattava di una sorta di puntata speciale, hanno cambiato canale e sono passati a guardare la AEW. Che a quanto pare ha offerto una puntata, sempre senza pubblico, davvero sorprendente. Che vi racconterò domani, con il nostro solito appuntamento.

Dunque anche da quel punto di vista, un piccolo assist alla “concorrenza”. Anche se logicamente è più una fantasia dei tifosi, alla WWE non importa niente se i “rivali” fanno in media 100.000 spettatori in più a settimana contro quello che a tutti gli effetti è considerato solo il terzo brand della federazione. Pensare il contrario è eresia.

Si poteva dunque dare un seguito quantomeno alle rivalità più importanti, peccato. Una settimana strana per NXT, con questa pausa che non ci ha lasciato nulla, se non l’amaro in bocca per non aver visto i nostri beniamini esibirsi sul ring.

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Continua a leggere
di Roberto Rotonda - 13/03/2020

NXT: Never Ending Story

Continua la costruzione di TakeOver: Tampa.

Continua la costruzione di TakeOver: Tampa che, Coronavirus permettendo, dovrebbe tenersi regolarmente. E che ci sta consegnando una card da acquolina in bocca.

L’episodio si apre con il match dove Keith Lee difende il titolo di NXT North American Champion contro Cameron Grimes. Come detto sette giorni fa, vittoria prevedibile per il Limitless One, anche se un filino sofferta. A fine match viene attaccato da Damian Priest che lo colpisce alle spalle, poi scappa dopo l’arrivo di Dominik Dijakovic. E proprio quest’ultimo si becca una powerbomb da Lee che pensa sia stato Dijakovic a colpirlo. Un modo che mantiene ancora viva la rivalità e gli consegna nuovamente attenzione, con l’aggiunta di Priest che può essere un bene. Già me li vedo tutti e tre a battagliare per il titolo a TakeOver. Vediamo.

Prosegue il torneo di qualificazione per un posto nel Ladder Match di TakeOver che mette in palio il ruolo di prima sfidante al NXT Women’s Championship. Mia Yim affronta Dakota Kai. Alla neozelandese stavolta Raquel Gonzalez non basta, e infatti è Yim a vincere e qualificarsi. La HBIC subisce l’attacco di Gonzalez a fine incontro. Mi aspettavo che Kai vincesse proprio grazie alla nuova partner, invece nonostante ultimamente è sembrata essere quasi inarrestabile, a questo giro si è deciso di premiare Yim. Chissà in vista di TakeOver cosa si costruirà attorno a una Kai che in questi mesi è stata assoluta protagonista dello show.

Ed è vittoria anche per Kushida, che sconfigge Raul Mendoza. Per il giapponese è una situazione un po’ anonima, uno con il suo talento non può essere tenuto così senza un booking decente. Non mi sta piacendo la sua gestione, ve bene l’infortunio, ve bene il torneo con Alex Shelley. Ma vorrei vederlo coinvolto più seriamente. Capisco che a ridosso del week-end di WrestleMania è difficile creare o cambiare qualcosa, quindi mi aspetto dopo il Grandaddy Of Them All un push titolato, o per i titoli di coppia o per l’NXT Cruiserweight Championship. Mendoza invece è stato rapito da tue tizi mascherati, vediamo questo a cosa porta, mi auguro cose buone.

Buona di sicuro la rivalità tra Rhea Ripley e Charlotte Flair, che fa capolino nel Performance Center per rispondere alla NXT Women’s Champion. Con le due che vengono poi alle mani. Da un lato abbiamo la possibile vittoria di Ripley che sarebbe leggendaria e la consacrerebbe definitivamente, sconfiggendo una futura Hall Of Famer. Dall’altro la possibile vittoria di Charlotte che così dovrebbe tornare stabilmente a NXT. Mettiamoci comodi e aspettiamo.

Tocca ancora alle ragazze. Tegan Nox affronta Deonna Purrazzo, in palio un posto nel Ladder Match di TakeOver. Ho pensato che a un certo punto arrivassero Kai e Gonzalez, invece niente, al momento sembra un feud finito. Nox sconfigge la rivale e si qualifica. Per Purrazzo altra sconfitta e ancora tempo di attendere cose migliori. Nox continua la sua marcia in discesa all’interno dello show in maniera sempre più solida.

Molto solido Velveteen Dream che mette in chiaro una cosa a Adam Cole, vuole il suo NXT Championship. Settimana prossima il Campione celebrerà l’essere diventato il più longevo campione nella storia di NXT. Come potrà non essere un momento cruciale? Direi che abbiamo forse il Main Event di TakeOver: Tampa.

Altro ottimo incontro quello in cui i BroserWeights hanno difeso con successo le cinture di coppia contro Bobby Fish e Kyle O’Reilly. A nulla è servita l’intromissione dei Grizzled Young Veterans, che ancora una volta hanno provato a distrarre i campioni, senza successo. La naturale evoluzione potrebbe portare a un match a più coppie in quel di TakeOver e non sarebbe male, anzi. Mi auguro si vada in quella direzione.

Se sette giorni fa ho scritto che “TakeOver o WrestleMania che sia, se sul ring ci sono Tommaso Ciampa e Johnny Gargano l’epicità è garantita.” Oggi non posso che riconfermare quanto detto ancora con più fermezza. Sul ring sono straordinari e lo sappiamo. Ma è lo storytelling che si lascia guardare poeticamente, la dedizione nel volerci offrire qualcosa dal sapore unico. Hanno distrutto il Performance Center consegnandoci un altro capitolo che va a inserirsi negli archivi della storia della WWE come uno dei momenti più incredibili di sempre. Andando a rendere unica questa rivalità che è tra le migliori cose viste in WWE in questi anni. Se non lo avete visto, dovete vederlo assolutamente. Un finale pazzesco, che ha chiuso in maniera stupenda questa puntata.

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Continua a leggere
di Roberto Rotonda - 06/03/2020

NXT: A Dream in the Cage

NXT apre e chiude la serata con ben due Steel Cage Match.

Settimana da rimarcare per NXT. Che apre e chiude la serata con ben due Steel Cage Match davvero belli. Nel mezzo tante cose che vanno a mettere attenzione sui prossimi eventi targati WWE, e ovviamente mi riferisco al week-end di WrestleMania che potrebbe rappresentare, quest’anno più che mai, la consacrazione definitiva del brand giallo-nero.

La rivalità tra Tegan Nox e Dakota Kai accompagna da mesi oramai le nostre sorti di fan. E continua a lasciarsi vedere con piacere. Lo Steel Cage Match che hanno fatto è stato molto molto buono, e ha visto la vittoria di Kai arrivata grazie all’aiuto di Raquel Gonzalez. In una trasposizione narrativa impeccabile, che ha visto soprattutto Nox protagonista anche di alcuni spot di rilievo. Considerando quanto detto in apertura d’editoriale, con TakeOver: Tampa Bay ormai prossimo, e con la storia che ancora una volta vede la gallese perdere ingiustamente, quella di Tampa Bay può essere l’occasione ideale per mettere fine a questa rivalità con un ultimo match e con la vittoria definitiva di Nox, che anche il pubblico aspetta impazientemente da settimane. Magari nell’ennesimo gimmick match, che ha reso questa faida ancora più aspra e memorabile.

 

Finn Bálor e la probabile sfida con WALTER, una contesa che ha il suo fascino. In molti vedono una sorta di regressione per l’irlandese che “addirittura” è finito nell’ottica di NXT UK. Io modestamente invece penso che Bálor sarebbe perfetto come UK Champion, e ha lo starpower necessario per battere WALTER e alzare ulteriormente l’asticella del brand britannico.

Nonostante la situazione in direzione titolata è ferma e se ne parla dopo WrestleMania, dove Rhea Ripley difenderà la cintura contro Charlotte Flair, procede la costruzione di una nuova sfidante al titolo. Che passa attraverso l’NXT Women's Championship No. 1 Contender's Ladder Match che si svolgerà a TakeOver: Tampa. E che stasera vede il primo match di qualificazione tra Chelsea Green e Shotzi Blackheart. È proprio la prima ad avanzare, dopo un match senza infamia e senza lode. Comunque apprezzabile come a livello creativo si riesce a mantenere alto l’interesse per la divisione, considerando che c’è Ripley vs. Flair e che stiamo assistendo alla bellissima rivalità tra Tegan Nox e Dakota Kai.

Keith Lee ha un nuovo sfidante in Cameron Grimes. Nulla più della difesa titolata transitoria per l’NXT North American Champion, che settimana prossima vincerà sicuramente l’incontro. Per TakeOver ci aspettiamo qualcosa di più, e sicuramente arriverà.

Passiamo alla categoria tag team. Bobby Fish e Kyle O’Reilly sconfiggono Oney Lorcan e Danny Burch. Match bello senza dubbio, ancora una volta Lorcan e Burch fanno un piccolo passo indietro con una sconfitta che non gli porta nulla. I ragazzi della Undisputed Era vogliono il re-match per i titoli, arrivano Dunne e Riddle, che vengono poi attaccati dai Grizzled Young Veterans, quest’ultimi sempre più protagonisti. Un intreccio ovviamente logico se consideriamo gli sviluppi delle ultime settimane. Metteteli tutti sul ring (Lorcan e Burch compresi) in un incontro titolato e lo spettacolo è assicurato.

Dopo aver disputato un match alla pari con Tommaso Ciampa la scorsa settimana, continua il percorso di crescita di Austin Theory. Che, con un’altra prova di ottimo livello, mette un piccolo ma rilevante mattoncino nella sua costruzione per l’immediato futuro. Sconfigge Isaiah “Swerve” Scott dopo un incontro dove entrambi hanno fatto molto bene.

 

TakeOver o WrestleMania che sia, se sul ring ci sono Tommaso Ciampa e Johnny Gargano l’epicità è garantita. Nell’intervista realizzata da Mauro Ranallo, Gargano perde le staffe e addirittura intimorisce talmente tanto il commentatore, che questi decide di andarsene perché non più a suo agio. Poesia assoluta. È così che funzionano i grandi feud, fatti da turn inattesi quando sembra impossibile possano capitare. E ci apprestiamo all’ennesimo grande capitolo di questa rivalità senza fine.

 

Puntata dove si è continuato a accennare all’arrivo prossimo di Killer Kross con dei video chiamiamoli misteriosi. Per come l’ho visto a IMPACT, in Lucha Underground e in Messico, mi piacerebbe avesse subito un grande push andando a sfidare chi sarà Campione di NXT. Soprattutto se mantengono lo stesso personaggio spietato.

L’altro Steel Cage Match della serata è anche il Main Event. Roderick Strong affronta Velveteen Dream. Un match bellissimo che ha tenuto incollati gli spettatori davanti agli schermi dall’inizio alla fine. Le qualità in-ring di entrambi sono fuori discussione, esibizione dunque magistrale arricchita dalla stipulazione. Ma è il racconto che è ancor più poetico. Dream si batte contro i membri della Undisputed Era, li mette ko, Adam Cole riesce a entrare nel ring. A quel punto, inaspettatamente, Velveteen Dream preferisce buttare fuori dalla porta Strong, che così vince l’incontro, ma restare chiuso nella gabbia con Adam Cole. Andando a colpire ripetutamente l’NXT Champion alzando al cielo il titolo.

Narrativamente tutto perfetto. Una mossa che a vederla a caldo, mi ha fatto venire alla mente subito Triple H e la sua caratteristica di Cerebral Assassin. Con Dream che ha pianificato tutto alla perfezione da quando è tornato. D’altronde a NXT è stato già North American Champion e, vista la caratura del suo personaggio attorno al quale si può creare davvero di tutto, era logico vederlo puntare prima o poi l’assalto al NXT Championship. Costruita in questa maniera, è veramente un pezzo d’arte di wrestling e intrattenimento.

Episodio molto ricco, costruito bene.

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Continua a leggere
di Roberto Rotonda - 28/02/2020

NXT: Il ritorno della Regina

Charlotte Flair torna a combattere nella Full Sail University.

Bentornati con un nuovo appuntamento dedicato a NXT. Charlotte Flair torna a combattere nella Full Sail University. Dopo aver accettato la sfida lanciata settimana scorsa da Bianca Belair, le due saranno impegnate nel Main Event.

Si parte con il match tra Dominik Dijakovic e Cameron Grimes. Partenza ad alto ritmo e contesa che procede equilibrata, almeno fino a quando non arriva Damian Priest che colpisce Dijakovic con un bastone d’acciaio. Favorendo così la vittoria a sorpresa di Grimes. Ottima la costruzione, che permette al vincitore di innalzare il suo status e allo sconfitto di mantenere intatto il suo. L’Archer of Infamy torna così a mettersi sulle tracce del titolo di NXT North American Champion, che insegue da tempo.

Finn Bálor sale sul ring per tenere il suo promo, quando viene interrotto da Fabian Aichner e Marcel Barthel della Imperium. I due, per conto di WALTER, attaccano l’irlandese avendo la meglio dopo la rissa. È quindi l’austriaco, attuale NXT UK Champion, il prossimo nome sulla lista dell’ex WWE Universal Champion? Molto probabilmente sì, e si presenta come una rivalità molto affascinante. Bálor sarebbe perfetto come UK Champion, e ha lo starpower necessario per battere WALTER e alzare ulteriormente l’asticella del brand britannico.

Risultato a sorpresa nella divisione femminile. Xia Li sconfigge Mia Yim. Quest’ultima viene distratta dall’arrivo di Dakota Kai e Raquel Gonzalez. Distrazione fatale a cui segue l’attacco di Gonzalez ai danni di entrambe, con Kai che soddisfatta resta a guadare. La neozelandese comincia ad allargare il raggio delle sue “vittime” e, con l’aggiunta al suo fianco della possente Raquel Gonzalez, sembra un inarrestabile fiume in piena.

 

Molto bello il match tra Austin Theory e Tommaso Ciampa. Il ragazzo si farà, cantava De Gregori, e qua quoto a pieno. Ma Theory sembra già in grado di poter competere anche per qualche titolo. Le qualità in ring sono sotto gli occhi di tutti, il carisma non gli manca. Il futuro è tutto dalla sua. Nel presente deve “accontentarsi” di fare un incontro davvero combattuto benissimo, dove ha messo a dura prova un ex NXT Champion, e dove ha perso senza sfigurare neanche un po’. Ciampa è uno di quei nomi che sono sangue, sudore, lacrime e anima di NXT, cosa gli vuoi dire. A fine match torna pure Johnny Gargano che attacca il Blackheart, avendo la meglio alla fine. Ho già detto che questa è una delle più belle rivalità di sempre?

Killian Dain vince il suo incontro, avversario Bronson Reed, dopo una sfida molto fisica che non ha regalato particolari sorprese. Tuttavia è stato un buon match. Una vittoria che potrebbe rilanciare la Beast Of Belfast in un contesto titolato, magari NXT North American Championship. Per il buon Reed rimane la bella prestazione.

Nell’unico tag team match della serata, si affrontano The Grizzled Young Veterans (Zack Gibson & James Drake) e The Forgotten Sons (Steve Cutler & Wesley Blake w/ Jaxson Ryker). UK vs USA, è nata così la rivalità, con i britannici a insultare il popolo americano e con i tre Figli Dimenticati a farsi carico della questione. Un piacevolissimo incontro di wrestling a coppie. Tanta intensità e tanto talento sul quadrato. Gli anglosassoni vincono, continuando la loro scalata all’interno del roster in maniera molto autorevole. Per quanto riguarda gli statunitensi, continuo a pensare che potrebbero essere degli ottimi campioni di coppia, prima o poi.

E arriviamo al Main Event. Charlotte Flair affronta Bianca Belair. Una sfida molto fisica che vede Flair in controllo per quasi tutto il match. La EST of NXT riesce solo parzialmente a impensierire la 10 Volte Women’s Champion che, grazie anche a delle piccole scaltrezze, marchio di famiglia se ce n’è uno, alla fine riesce a ottenere la vittoria. Risultato forse troppo scontato, specie se letto in chiave WrestleMania. E infatti l’attacco della Queen inflitto a Belair, a fine incontro, porta all’arrivo di Rhea Ripley, con Flair che lascia il ring. Una rivalità che sta proseguendo bene e diventa sempre più stimolante per i fan. Che già guardano a inizio aprile e si chiedono cosa accadrà.

Un episodio più che discreto, che ha aperto nuovi scenari e dato continuità alle rivalità in atto. Da qui al weekend di WrestleMania di tempo ce n’è, aspettiamoci grandi cose.

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Continua a leggere