Impact

di Roberto Rotonda - 26/03/2020

IMPACT WRESTLING: Morte di un Padre?

Ben ritrovati con IMPACT. Andiamo a vedere cosa è accaduto questa settimana. Dove ci attendono diversi accadimenti molto interessanti.

Lo show si apre con il #1 Contender Scramble Match che mette in palio il ruolo di prossimo sfidante di Ace Austin per l’X-Division Championship. Jake Crist, Daga, Acey Romero, Trey, Cousin Jake, Chris Bey, Rohit Raju e Willie Mack sono i partecipanti. Un bellissimo opener, che ancora una volta dimostra quanto talento ci sia a IMPACT. Abbastanza scontata a mio avviso la vittoria di Mack, dopo quanto successo settimana scorsa. Questa sfida con Austin si preannuncia scoppiettante.

 

La oVe è convinta che Sami Callihan in realtà stia facendo un test sugli altri elementi del team, per vedere la loro lealtà. Vediamo come proseguirà la cosa. Ho già detto in passato che una sfida tra “psicopatici” Callihan vs. Fulton la vedrei molto bene.

 

Moose ha la meglio su Chase Stevens in pochi minuti, a fine match lo attacca e viene interrotto da Scott D’Amore, con una bella sorpresa, un bel pezzo di TNA. Suicide attacca quindi Moose facendo ritorno. Altro match up di costruzione per la puntata speciale dedicata alla TNA, che andrà in onda settimana prossima, invece che come evento speciale, causa COVID-19.

Direi sorprendentemente inaspettata la vittoria dei Reno Scum sui Rascalz. Match bello solido che riporta un certo equilibrio nella divisione di coppia che, nelle ultime settimane, ha visto quasi tutti i team autori di notevoli vittorie. Una scelta dovuta per rendere la corsa ai titoli dei The North, in settimana diventati i più longevi campioni nella storia della compagnia, più plausibile.

A proposito, nota stonata a riguardo, è la vittoria di Rhino e Sabu contro Madman Fulton e Dave Crist. Può essere vista come una sorta di mini rivalità in vista della punta speciale dedicata alla TNA, ma non capisco che senso ha. E poi Sabu lo vedo messo male, lento e che rischia di farsi male sul serio avendo perso molte delle sue qualità di gioventù. Anche Rhino a fine match mi ha dato l’impressione di non essere soddisfatto del partner. Magari mi sbaglio. Ma visto i giovani talenti sotto contratto, non capisco questa scelta. Capirei Rhino in coppia con qualcuno, visto che è ancora un bel cavallo di razza. Ma Sabu, con tutto l’amore che ho per lui e per ciò che ha rappresentato la ECW, non può portare a nulla di buono.

Buono il Main Event. Che è stata la sfida intergender tra Tessa Blanchard e Eddie Edwards contro Taya Valkyrie e Michael Elgin. Intreccio da titolo mondiale che è stato come immaginavamo. E cioè solido e a tratti caotico. Non mi ha sorpreso neanche la vittoria di Elgin e Valkyrie che arriva come specchio per le allodole di una Tessa che è ben lungi dalla conclusione del suo regno di IMPACT World Champion. Sicuramente un dispiacere per Elgin, che mi auguro possa diventare Campione prima o poi. Ma la sfida tra l’attuale Campionessa e Sami Callihan a un certo punto credo si farà. Dopo che quest’ultimo presumibilmente avrà messo da parte la rivalità con Ken Shamrock.

E chiudiamo con la chicca narrativa di questa puntata. Havok e Su Yung che si “alleano” per uccidere Father James Mitchell. Nell’Undead Realm succede di tutto, con le due che prima vanno una contro l’altra. E poi, dopo che l’ex Sinister Minister le scarica entrambe mandandole via teletrasporto nelle “terre deserte” del suo regno, vengono salvate da Rosemary che le riporta alla corte di Mitchell. Qui è Havok che dà la coltellata finale a Mitchell, che finisce, chissà se “realmente” post mortem, in una sorta di paradiso. Dove appare pure Abyss. Per me arte narrativa che mi ha portato alla mente subito il filone cine-narrativo adottato dalla Lucha Underground. Un segmento davvero ben costruito e che potrebbe portare a ulteriori nuovi scenari. Mi è piaciuto anche il fatto che il management abbia deciso di mettere questo segmento come parte finale della puntata. Una storyline molto ben confezionata, diversa da quanto si vede in giro in questo momento, e che ha saputo reinventarsi in questi mesi. Senza perdere mai il suo senso e l’interesse. Regalandoci anche dei bei match tra le protagoniste coinvolte.

Una buonissima settimana per lMPACT. Tra sette giorni torneremo per approfondire quanto successo nello speciale dedicato alla TNA. Mi auguro sia qualcosa da ricordare.

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Continua a leggere
di Roberto Rotonda - 19/03/2020

IMPACT: Ti vedo, Nuovo Hall Of Famer!

Andiamo a vedere cosa è accaduto questa settimana.

Ben ritrovati con IMPACT. Andiamo a vedere cosa è accaduto questa settimana. Dove fa ritorno Ken Shamrock, atteso da un annuncio molto speciale.

Partiamo dal match che ha visto The North difendere i titoli di coppia contro TJP e Fallah Bahh. Un buon match a mio avviso, con TJP che a un certo punto fa cedere Ethan Page, l’arbitro però non si accorge di quanto successo e alla fine Page e Alexander portano a casa la vittoria anche se in modo controverso. Per TJP e Bahh è comunque una serata positiva che solidifica la loro posizione all’interno della categoria, a questo punto non sarebbe più una sorpresa vederli campioni nei prossimi mesi.

 

The Real Housewives of Slam Town. Va beh, il riferimento a una sorta di trash reality show è di per sé qualcosa che non suscita il mio interesse, anzi. Capisco che calza a pennello con il character di Taya Valkyrie e che dunque è funzionale in questo senso. Rosemary che cerca di succhiare via l’anima a una delle amiche della Wera Loca mi ha strappato una risata. Ma nulla più. Bah, vediamo come si evolve questa strana situazione che vede il formarsi di questa improbabile coppia, lo scenario reality trash non aiuta.

 

Debutto vincente per Chris Bey, impegnato nel match contro Damian Drake. Classico rodaggio iniziale in vista di cose più serie. Stessa cosa che possiamo aspettarci prossimamente per Jackson Stone, che sconfiggendo Tyler Tirva si aggiudica la finale di Gut Check e di conseguenza il contratto che lo lega a IMPACT Wrestling.

 

Altra settimana in cui Moose insulta un vecchio nome della TNA. Questa volta è toccato a Chase Stevens avere una rissa, nel backstage, con l’autoproclamatosi Mr. IMPACT Wrestling. I due andranno 1-on-1 settimana prossima.

 

È nata una nuova fazione. La #CANCELCULTURE, formata da Joey Ryan, RVD e Katie Forbes. Per farla breve, sono passati all’estremo opposto, con Forbes che ora è coperta da una pelliccia e Ryan che è tutto vestito e non farà più D**k Flip fino a quando le cose non cambieranno. Esordio inoltre vincente con Ryan e RVD che sconfiggono The Deaners (Cody & Cousin Jake).

E a vincere è anche Kiera Hogan che ha la meglio su Lacey Ryan, dopo un discreto match. Niente di particolare, solo il continuarsi della storia tra Hogan e Madison Rayne che dovrebbe appunto proseguire nelle prossime settimane. Vittoria comunque importante, visto che dopo Jordynne Grace, al momento pare esserci il nulla. E questo lo dico considerando che Tessa Blanchard, questa settimana apparsa solo per essere intervistata da Jimmy Jacobs, è World Champion. Taya è al momento impegnata con Rosemary. Havok con Su Yung, che in questo episodio è stata contattata da Father James Mitchell tramite una lettera. Alla vecchia maniera insomma.

Molto piacevole il match tra Daga e Jake Crist. È il messicano ad aggiudicarsi l’incontro, una vittoria che rilancia El Jefe nel giro del X-Division Championship. Titolo per il quale nel prossimo episodio assisteremo a un #1 Contender Scramble Match che, oltre a proprio Crist e Daga, vedrà impegnati Acey Romero, Cousin Jake, Chris Bey, Rohit Raju e Willie Mack. Quest’ultimo ha ribadito infatti all’attuale X-Division Champion Ace Austin, di non volere alcun partner al di fuori di Rich Swann, annunciando appunto la sua partecipazione al match di settimana prossima.

E siamo al momento finale della puntata. Ken Shamrock sale sul ring per ricevere un annuncio speciale. Josh Matthews comunica quindi che Shamrock è il nuovo membro della Hall Of Fame della compagnia, cerimonia che come al solito si avrà in occasione di Bound For Glory, dunque in autunno. Un video ripercorre la sua illustre carriera, con riferimenti alle MMA e il suo passato in WWE che nella Attitude Era lo ha visto far cedere The Rock nella finale del torneo King Of The Ring (1998) e vincere il WWE Intercontinental Championship e i Tag Team Championship in coppia con Big Boss Man. Tutto ciò in soli due anni. Appare il simbolo ICU, si spengono le luci, si riaccendono. Sami Callihan colpisce Shamrock al volto con una palla di fuoco. Callihan scompare. Shamrock viene soccorso dai medici, la puntata si chiude così.

Avevamo capito ci fosse lui dietro quelle interruzioni. Un ritorno atteso, con un mix tra l’attuale Callihan e il vecchio Solomon Crowe visto ai tempi di NXT. Che si candida a essere la psicopatica mina vagante senza freni della federazione che già era. Mi aspetto ottime cose da questo nuovo character che, è giusto dirlo, apparentemente è fuori da ogni legame con la oVe e che, sempre apparentemente, non è (ancora ci aggiungo) interessato al World Championship. Comunque questione di settimane credo.

Una buona puntata, sicuramente un passo in avanti rispetto a sette giorni fa.

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Continua a leggere
di Roberto Rotonda - 12/03/2020

IMPACT WRESTLING: A Undeniable Rebellion

Nel Main Event la sfida finale tra Michael Elgin e Eddie Edwards che decreta lo sfidante di Tessa Blanchard a Rebellion.

Puntata cruciale. Dove nel Main Event abbiamo la sfida finale tra Michael Elgin e Eddie Edwards, che va a decretare lo sfidante di Tessa Blanchard a Rebellion.

Puntata che si apre con la vittoria a sorpresa di Rhino su Madman Fulton. Inattesa, non mi aspettavo andasse così. Onestamente non riesco a capire tale decisione, Fulton sembrava lanciatissimo. Vediamo come prosegue la cosa. Da segnalare il ritorno di Sabu, che arriva a fine incontro dopo che i fratelli Crist attaccano il fautore della Gore. Con Tommy Dreamer nei paraggi, intravedo una telefonata faida a sei uomini. Comunque un’apertura a sorpresa, che sicuramente ha fatto iniziare la serata subito in maniera interessante.

Vincono anche i Rascalz (Dez & Wentz) nel match che li ha visti impegnati contro la Desi Hit Squad (Rohit Raju & Shera) w/ Gama Singh. Una vittoria che riporta un certo equilibrio nella categoria di coppia e ridà credito a Dez e Wentz, che così possono riaffacciarsi a un discorso di futuri contendenti ai titoli di coppia.

È vittoria anche per Jordynne Grace. Nel match dove ha difeso la cintura contro Lacey Ryan (scelta da Madison Rayne) la IMPACT Knockouts Champion ha sofferto più del previsto, segno che forse su Ryan ci sono buone probabilità di rivederla ancora on screen. Anche se a me non ha impressionato particolarmente. Con Tenille Dashwood sulla via del ritorno, mi auguro sia quest’ultima la prossima sfidante seria di Grace. E magari che in un futuro prossimo, possa anche batterla e diventare l’australiana nuova Knockouts Champion.

 

Bello il segmento tra Chris Sabin e Moose. A i fan della vecchia TNA come il sottoscritto, questo TNA: There’s No Place Like Home mette il giusto hype. Anche se servirebbe un nome di quelli tosti per renderlo epico. Finalmente, poi, questa settimana Su Yung è riuscita a mettere nella bara Havok dopo averla presa alle spalle. Divertente anche la scena con Taya Valkyrie e Rosemary. Sono curioso di vedere se e come si svilupperà quest’improbabile unione.

 

Rimanendo in tema di improbabili unioni, quando Willie Mack è in difficoltà durante il 2 on 1 Handicap Match contro Johnny Swinger e Glenn Gilbertti, che i due veterani provano a vincere con le solite scorrettezze, è Ace Austin che arriva all’angolo di un sorpreso Mack. Aiutandolo così a vincere l’incontro. Credo nessuno se lo aspettasse, Austin che salva Mack è qualcosa che può far nascere diversi scenari, specialmente se pensiamo a Rich Swann e a quando tornerà. Una bella mossa a mio avviso.

Il Main Event è stato un gran bel match di wrestling, senza dubbio. D’altronde era la partita decisiva del Best of 5 Series tra Michael Elgin e Eddie Edwards. Mi è piaciuto molto come si è sviluppato l’incontro, il giusto minutaggio, il giusto storytelling e il finale controverso fatto perfettamente. Un arbitro chiama il tap out di Edwards, l’altro lo schienamento di Elgin sul bostoniano. Arriva Scott D’Amore a bordo ring per cercare di capire cosa è successo e a chi bisogna dare la vittoria. Nel frattempo suona la theme di Tessa Blanchard, la IMPACT World Champion imbraccia un microfono e annuncia che a Rebellion sfiderà entrambi, problema risolto. Una Undeniable che continua sempre più cazzuta nel suo percorso di World Champion. La puntata si chiude. Una decisione che mi stuzzica parecchio, mi intriga vedere come si andrà a costruire il match dove Tessa sfiderà non una, ma ben due super stelle nello stesso incontro. Divertimento assicurato.

Un episodio che mi ha lasciato un qualcosa di positivo addosso, il che è per il mio umile modo di vedere, una cosa più che buona.

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Continua a leggere
di Roberto Rotonda - 05/03/2020

IMPACT WRESTLING: Blanchard vs. Valkyrie

Main Event storico.

Settimana importante per IMPACT. Che ci regala la sfida con l’IMPACT World Championship in palio nel Main Event, dove si affrontano la World Champion Tessa Blanchard e Taya Valkyrie.

Per cominciare abbiamo il tag team match tra i Tag Team Champions The North (Ethan Page & Josh Alexander) e la coppia di origine filippina, TJP e Fallah Bahh. Un buonissimo opener secondo me. Dopo le ultime settimane in cui TJP e Bahh hanno avuto la meglio in incontri singoli contro i canadesi, c’era tanta curiosità su questa sfida, che non vedeva la difesa delle cinture. Nonostante uno sviluppo in cui abbiamo visto i campioni dominare per quasi tutto il match, alla fine è stato l’ex X-Division Champion a ottenere il pin vincente su Alexander. In una vittoria che però non mi ha sorpreso per niente. Sono settimane che dico di voler veder questa sfida in chiave titolata e, con questo risultato, credo sia la naturale conseguenza. E devo dire che TJP e Bahh sono un team che mi piace. Dopo queste settimane di vittorie, potrebbero anche diventare nuovi campioni, ma onestamente penso che per battere i The North in un contesto titolato sia ancora presto, vediamo che succede.

Si sta iniziando a costruire un po’ di più l’evento TNA: There’s No Place Like Home che si terrà il 3 aprile. Una delle leggende della TNA, nonché l’unico originals ancora attivo a IMPACT Wrestling è Petey Williams che, dopo gli screzi avuti nell’ultimo episodio, va 1-on-1 contro Moose. Il Canadian Destroyer prova con il suo stile a sconfiggere il rivale, al quale però basta la solita No Jackhammer Needed Spear per aggiudicarsi la vittoria. Potrebbe, questa costruzione, portare a scenari molto interessanti da qui al 3 aprile. Ce lo auguriamo.

Strano quanto accaduto nella sfida tra Acey Romero e Joey Ryan. Con quest’ultimo che, probabilmente per via delle varie critiche lette online dai suoi haters, ha un momento di riflessione sul ring quando deve decidere se farglielo toccare o meno al rivale. Questa indecisione gli vale la sconfitta. Uno sviluppo inatteso, lo stesso Ryan si sfoga poi nel backstage con Katie Forbes. Rob Van Dam sembra non prenderla molto bene, cominciando a mostrare piccolissimi segni di gelosia. Son curioso di vedere se, ed eventualmente fin dove, si spingeranno.

Se IMPACT è riuscita a ritrovare gran parte del suo brio è certamente merito della creazione di personaggi interessanti. Su Yung e Havok ne sono la testimonianza. Quando poi a ciò si aggiunge una rivalità abbastanza longeva ma costruita bene e che desta ancora interesse, il risultato è garantito. In questo No Disqualification Match le due wrestler hanno messo un altro mattoncino di rilievo nel loro feud. Regalando una prestazione buona e sapendo raccontare al meglio, nuovamente, una faida che ha tante sfaccettature ma continua a rimanere affascinante. Yung vince soffocando Havok con il cappio, quando la mette poi nella bara, Havok si ribella, si libera delle Undead Bridesmaids e se ne va. Narrativa perfetta.

The Deaners (Cody Deaner & Cousin Jake) sconfiggono Johnny Swinger e Glenn Gilbertti in un incontro in cui Swinger e Gilbertti provano a vincere utilizzando delle scorrettezze che gli si ritorcono contro. A fine match arriva l’ennesima interruzione di segnale, questa volta più lunga e visibile. ICU recita (Vi vedo), sarà Callihan?

E arriviamo al nostro Main Event. IMPACT World Championship Match. La IMPACT World Champion Tessa Blanchard difende il titolo contro Taya Valkyrie. Per la prima volta nella storia, saranno due lottatrici a darsi battaglia per il titolo mondiale. Una rivalità storica che ha travalicato i confini, risultando incredibilmente bella e molto apprezzata anche nella sua trasposizione messicana, nella AAA. Il match di oggi è stato abbastanza intenso, sicuramente un buon match. Nulla di straordinario, ma comunque un ottimo racconto. La Undeniable ha sofferto quanto basta, con i vari tentativi di intromissione del buon vecchio fido John E. Bravo, prima di sconfiggere la Wera Loca e mantenere la cintura alla vita. In un risultato che era forse prevedibile, ma non ha tolto a Taya la credibilità di poter, perché no, in futuro tentare nuovamente l’assalto al titolo mondiale. Per Blanchard, dopo questa conferma, è tempo di concentrarsi su Elgin e Edwards. Tenendo sempre in mente le minacce di Callihan dopo che quest’ultimo ha perso il titolo.

Un episodio che ho apprezzato, con il No Disqualification Match tra Yung e Havok, che è stato il mio preferito della puntata.

Anche per oggi è tutto. Alla prossima.


Continua a leggere
di Roberto Rotonda - 27/02/2020

IMPACT: World Championship tutto al femminile

Settimana dal sapore storico per IMPACT. Annuncio clamoroso!

Bentornati con il nostro editoriale su IMPACT Wrestling. Episodio post Sacrifice. C’è tanto da vedere anche questa settimana.

Lo show si apre con il match tra Daga e Rob Van Dam, come sempre accompagnato da Katie Forbes. È proprio quest’ultima a fare da filo conduttore della narrazione. Sta tutto il tempo con lo smartphone in mano a vedere gli haters cosa scrivono. Stufa dei commenti negativi, decide di tornare nel backstage. Con RVD che dopo un po’ è stanco di non vedere la sua compagna a bordo ring e sceglie di andarsene pure lui. Questo porta alla vittoria per countout di un seccato Daga.

Nel backstage poi è, a sorpresa, Joey Ryan a dare supporto alla coppia, offrendosi anche come terzo membro del gruppo. Se questo può voler dire il formarsi di un nuovo team ancora non lo sappiamo. Ma trovo giusto, in questo momento, mettere insieme due character così diciamo spinti. Potrebbe essere davvero interessante.

La seconda sfida è tra Rohit Raju (w/ Shera & Gama Singh) e Wentz dei Rascalz (w/ Dez & Trey). Un bel match tra due atleti forse un po’ sottovalutati. Ma i due ragazzi offrono qualcosa che si lascia ben vedere, segno che IMPACT è in salute e il talento c’è. Dopo i fatti di Scacrifice, Raju ottiene una vittoria che non fa che consolidare la posizione della Desi Hit Squad come team più che credibile per la categoria.

 

La oVe, attraverso la oVe Cam, fa sapere che Sami Callihan non tornerà e forse c’è bisogno di un nuovo leader. Viste però le continue interferenze di segnale durante le puntate, cosa da attribuire forse proprio all’ex World Champion, resta un tema molto curioso.

 

 

Jordynne Grace ha un alterco con Madison Rayne, con la ex 5 volte Knockouts Champion che comunica all’attuale campionessa di aver trovato un’avversaria per lei. Si tratta di Miranda Alize. Il match è buono e la rivale sfrutta bene l’occasione per mostrare le sue qualità, ma dopo aver sconfitto Havok a Scacrifice era davvero impensabile che Grace perdesse. Infatti vince e dà continuità al suo regno in modo dominante.

E, a proposito di Havok, è Rosemary a farle sapere che dovrà affrontare Su Yung in un No Disqualification match la prossima settimana. Ho l’acquolina.

Nuovo capito del Best of 5 Series tra Eddie Edwards e Michael Elgin. Il bostoniano settimana scorsa aveva “accorciato le distanze” portandosi sul 2-1. Altra bella prestazione di entrambi, molto strong style. Alla fine Edwards pareggia la serie grazie a un pin geniale che gli dà di conseguenza la vittoria. Ci aspetta un ultimo match che potrebbe essere un qualcosa dal sapore unico. Che bel feud.

In una puntata dove ritorna il Gut Check e abbiamo la probabile nascita di un team formato da Johnny Swinger e Glenn Gilbertti, è il Main Event il fiore all’occhiello della serata. Un Champion vs Champion match che vede lo scontro tra Ace Austin (IMPACT X-Division Champion) e Tessa Blanchard (IMPACT World Champion). X-Division Championship in palio. L’incontro procede bene e vede entrambi andare vicino alla vittoria, tuttavia sembra essere indirizzato più verso Tessa. Proprio quando appunto pare arrivare il momento decisivo per la Undeniable, arriva Taya Valkyrie che colpisce Blanchard.

Il match viene vinto da quest’ultima per squalifica. Austin resta campione. La rivalità tra le due lottatrici è cosa nota e dunque non sorprende. Ma il fatto che ora Blanchard è IMPACT World Champion può far propendere per la prima sfida della storia, tutta femminile, per una cintura che fino a qualche mese fa ha avuto solo competizioni maschili. È forte come cosa, ma è ufficiale e si farà settimana prossima. Comunque non è in controtendenza con le scelte che la federazione ha fatto negli ultimi due anni.

Io ve lo dico già ora, non penso sia una cosa sbagliata, anzi. Partendo dal presupposto che se Tessa Blanchard è femmina e ha vinto il titolo mondiale, ci sta che Taya Valkyrie possa e voglia sfidarla. Considero il wrestling uno show, come il teatro o il cinema, dove le donne prendono a calci nel sedere gli uomini in grande stile e nessuno ha nulla da ridire. Si può quindi considerare una gimmick o un character come una sorta di supereroe del grande schermo. E se l’atleta in questione ha le qualità per misurarsi con una controparte che può essere anche maschile, ben venga. Capisco anche chi dice che così il prodotto si snatura e il titolo femminile può perdere valore, ma con i giusti personaggi, i giusti feud e le giuste stroyline secondo me si può fare tutto. Ed è per questo che continuo a essere un fan di IMPACT. Poi se non vi piace, potete sempre guardare altrove. Intanto io, e mi auguro tanti altri di voi, non vedo l’ora di vedere questa bella sfida tra due delle migliori wrestler al mondo.

Anche per oggi è tutto. Alla Prossima.


Continua a leggere