Retrospective

di Roberto Rotonda - 25/03/2020

INTERVISTA A GIACOMO "CICCIO" VALENTI

Oggi abbiamo il piacere di condividere con voi lettori l’intervista telefonica, realizzata dal nostro Jam, che ci ha concesso gentilmente Giacomo “Ciccio” Valenti. Voce storica della Mediaset che ha commentato WWE Smackdown, in coppia con il fido collega Christian Recalcati, quando il wrestling è tornato ad avere un’ottima popolarità nel nostro Paese negli anni 2000. Una chiacchierata che ha toccato diversi punti, ed è stata incentrata particolarmente sul passato del wrestling e soprattutto sul futuro. Nella maniera, simpatica e unica, del mitico Ciccio. Di sicuro un piacere enorme condividere con voi i suoi ricordi e le sue opinioni.

 

di Andrea Piccioli - 27/03/2020

INTERVISTA A CHRISTIAN RECALCATI

Intervista al commentatore WWE

È un piacere per noi di Fight Planet Italia ospitare Christian Recalcati, storica voce del wrestling WWE su Italia Uno assieme a Giacomo "Ciccio" Valenti. Qui di seguito l'audio intervista:

 

PRIMA PARTE

 

SECONDA PARTE

 


Continua a leggere
di Roberto Rotonda - 25/03/2020

INTERVISTA A GIACOMO "CICCIO" VALENTI

Oggi abbiamo il piacere di condividere con voi lettori l’intervista telefonica, realizzata dal nostro Jam, che ci ha concesso gentilmente Giacomo “Ciccio” Valenti. Voce storica della Mediaset che ha commentato WWE Smackdown, in coppia con il fido collega Christian Recalcati, quando il wrestling è tornato ad avere un’ottima popolarità nel nostro Paese negli anni 2000. Una chiacchierata che ha toccato diversi punti, ed è stata incentrata particolarmente sul passato del wrestling e soprattutto sul futuro. Nella maniera, simpatica e unica, del mitico Ciccio. Di sicuro un piacere enorme condividere con voi i suoi ricordi e le sue opinioni.

 


Continua a leggere
di Mirko Favale - 24/03/2020

INTERVIEW: ZICKY DICE (NWA)

Intervista a Zicky Dice

Hello everyone. Today it's a big honor and pleasure having the NWA Television Champion Zicky Dice. Zicky is one of the biggest breakout stars in NWA roster and he was very friendly with us. Let's check it out.

Ciao a tutti, è un grande onore e un piacere avere con noi il campione televisivo della NWA Zicky Dice. Zicky è una delle più grandi rivelazioni all'interno del roster della NWA ed è stato davvero amichevole con noi.

 

Hello Zicky, it's a real honor and pleasure having you on our website. First of all a classic question: what was the moment you understood you would become a pro wrestler? How your interest in professional wrestling started? What's the hardest thing for a guy who wants to start training as a wrestler?

 

I grew up in professional wrestling household. My older brother got me into pro wrestling which led me to start wrestling freestyle and Greco Roman at age 5. It wasn’t a hard decision for me. This is what I was put on this planet to do. Plain and simple.

 

Ciao Zicky. E' davvero un onore e un piacere averti sulle nostre pagine. Prima di tutto una domanda classica: qual è stato il momento in cui hai capito che saresti diventato un pro wrestler? Come è iniziato il tuo interesse? Qual è la cosa più difficile per un ragazzo che vuole iniziare ad allenarsi come wrestler?

 

Sono cresciuto in un ambiente familiare al pro wrestling. Il mio fratello maggiore mi ha introdotto al pro wrestling mentre ha portato a iniziare a praticare wrestling olimpionico e lotta greco romana a cinque anni. Non è stata una decisione difficile per me. Questo è ciò per cui io sono stato messo al mondo. Puro e semplice.

 

 

In NWA Power you are working with some great wrestlers and big stars: who of them taught you more?

 

I am still very new to the NWA and talent roster. I have had some great agents along the way such as Pat Kinney and Homicide. Every day there is a new learning experience.

 

In NWA Power tu stai avendo la possibilità di lavorare con alcuni grandi wrestler e grandi star: chi tra questi ti ha insegnato di più?

 

Sono ancora nuovo all'interno del roster nella NWA. Ho avuti grandi agents durante il mio cammino come Pat Kinney e Homicine. Ogni giorno è una nuova esperienza d'apprendimento.

 

 

We in Fight Planet Italia really love NWA Power, we are the first italian website to start talking about it and maybe the only one who dedicate much space in our country, and our focus is to promote this weekly show in Italy as much as we can: what is NWA target with Power? How Power can grow up in the landscape of pro wrestling? 

 

What I recommend you do is watch the show every week. Go to YouTube.com/NWA and hit that subscribe button. Your help, your views, and your support will carry the NWA to the next level right before your eyes.

 

Noi in Fight Planet Italia amiamo davvero NWA Power, siamo stati tra i primi siti a parlarne e forse l'unico che dedica così tanto spazio alla NWA. Il nostro obiettivo è di promuovere il vostro show settimanale più che possiamo: qual è l'obiettivo della NWA con Power? Come Power può crescere all'interno del pro wrestling?

 

Ciò che posso raccomandarvi di fare è di guardare i nostri show ogni settimana. Andate sul nostro canale Youtube e iscrivetevi. Il vostro aiuto, le vostre views e il vostro supporto porterà la NWA al prossimo livello proprio davanti i vostri occhi.

 

 

One of our favorite thing of Power is its studio wrestling nature and the fact that it is much about promos and interaction. We think you are great as character and as a performer: how much of your real personality is inside your character?

 

What you see is what you get. Zicky Dice is literally me turned up to 11 which isn’t hard for me to do. It comes natural.

 

Alcune delle cose che preferiamo di Power è la sua natura da Studio Wrestling e il fatto che sia molto riguardante promo e interazione. Pensiamo che tu sia fantastico come personaggio e come performer: quanto della tua reale personalità c'è nel tuo personaggio?

 

Ciò che vedete è ciò che sono. Zicky Dice è letteralmente me portato al massimo, quindi non è stato difficile da fare per me. E' venuto naturale.

 

 

Talking about character and promos, what do you think about the change pro wrestling is making to a more athletic show? Do you think wrestling needs to come back to a more drama product, as Power is doing?

 

I like the fact that NWA is different from everything else that’s out right now. I do have to say there is something for everyone at the NWA.

 

Parlando di personaggi e promo, cosa pensi del fatto che il wrestling stia cambiando in un prodotto più atletico? Pensi che il wrestling abbia bisogno di un ritorno al drama, come sta facendo Power?

 

Mi piace il fatto che Power sia diverso da tutto ciò che c'è in giro ora. Devo dire che c'è davvero spazio per tutti alla NWA.

 

 

Is there something you want to say to all your italians fans? Thank you very much!

 

Fun fact Zicky Dice is half Italian! I’d like to thank you all for your support and I truly hope to come wrestle in Italy one day. I look forward to meeting you all. Please follow me @zickydice to stay engaged with this outlandish journey I call my life. Thanks again!

 

C'è qualcosa che vorresti dire a tutti i tuoi fans italiani? Grazie mille!

 

Un bell'aneddoto è che Zicky Dice è per metà italiano! Vi ringrazio per il vostro supporto e spero davvero di lottare in Italia un giorno. Mi piacerebbe incontrarvi tutti. Per favore seguitemi all'account @zickydice per rimanere informati sul mio bizzarro viaggio che io chiamo 'la mia vita'. Grazie ancora!

 

 

Ringraziamo Zicky Dice per l'intervista esclusiva! 

 


Continua a leggere
di Andrea Piccioli - 27/02/2020

RETROSPECTIVES: The Mass Transit Incident

L'incidente che ha quasi chiuso la ECW

Il primo Pay-per-view della ECW fu cancellato a pochi giorni dalla sua messa in onda e la federazione di Paul Heyman si trovò ad un passo dalla fine prima ancora di sbocciare. Ma cosa stava per provocare questo disastro? 

 

Torniamo con la nostra macchina del tempo al 23 novembre 1996 a Revere, nel Massachusetts, per un House Show della ECW. Uno dei match della serata prevede New Jack e Mustapha Saed, conosciuti come i Gangstas, contro Axl Rotten e D-Von Dudley.

Quella sera, però, Axl Rotten non si presenta allo show ed il match rischia di saltare. Preoccupato di fare una brutta figura di fronte ai fans a pochi giorni dal primo Pay-per-view, Paul Heyman si mette alla disperata ricerca di un sostituto, finché non gli si presenta davanti un ragazzone che dice di chiamarsi Erik Kulas, di avere 19 anni e di essere un wrestler in allenamento nella scuola di Killer Kowalski, lo stesso allenatore di Triple H.

 

Heyman deve rischiare e lo inserisce nel match, dandogli il nome di Mass Transit.

 

Ci sono due cose, però, di cui il Mad Genius non si preoccupa: la prima è di chiedere i documenti al ragazzo, la seconda è New Jack.

Difatti il wrestler di colore è noto per essere un picchiatore sadico e violento, soprattutto con i novellini.

Nel corso del match, Jack isola Transit a centro ring e comincia a picchiarlo violentemente con vari oggetti, facendolo sanguinare copiosamente. La ferita sulla fronte recise due arterie, trasformando il giovane wrestler in una maschera di sangue. Fu allora che dal pubblico si sentí qualcuno urlare: "Smettila! Ha 17 anni, è solo un ragazzino!"

Erik Kulas, infatti, non solo non è assolutamente un wrestler, ma non è neppure maggiorenne. Nessuno si è assicurato dei suoi dati anagrafici, mandandolo a combattere contro uno dei più violenti wrestler sulla faccia della Terra. La famiglia di Kulas fece causa alla ECW ed a New Jack per tentato omicidio e l'emittente On Demand cancelló dal suo palinsesto il Pay-per-view della Federazione.

 

Cosa sarebbe successo se le cose fossero andate avanti così?

 

La ECW non sarebbe mai diventata il fenomeno di massa che è stato, posizionandosi come "Outsider" nella guerra tra WWE e WCW. Non avremmo avuto l'esplosione di wrestler come Sabu, Tommy Dreamer, The Sandman, Rob Van Dam, i Dudley Boyz, Eddie Guerrero, Tajiri e Mick Foley, solo per citarne alcuni. Non avremmo conosciuto la voce di Joey Styles ed il suo inconfondibile "Oh My God!". Non avremmo avuto Paul Heyman, un genio visionario e folle, che da solo e con scarsi mezzi riuscì a creare un movimento come la ECW.

Probabilmente sarebbe rimasta una piccola indie seguita da una ristretta cerchia di fans, dediti principalmente a match hardcore e molto "smart", come ad oggi la CZW o la IWA.

 

Fortunatamente le cose andarono in maniera diversa: la causa intentata dalla famiglia Kulas venne vinta dalla ECW, che dimostrò come il ragazzo avesse deliberatamente chiesto a New Jack di farlo sanguinare e che, nel momento del "bladejob" si fosse spostato causando un taglio più grande del necessario. Kulas, dal canto suo, fece il gradasso per tutto il tempo nello spogliatoio, convinto di star vivendo la sua grande possibilità senza essersi mai allenato un giorno. Addirittura mentre i paramedici lo portavano via dal ring in barella accompagnato da un preoccupato Tommy Dreamer, il ragazzo fece il dito medio ai fans, volenteroso di mantenere il suo status di "bad guy", non rendendosi minimamente conto delle sue condizioni di salute e di cosa avesse rischiato.

 

On Demand mise nuovamente in cartellone il Pay-per-view, che fu chiamato "Barely Legal" anche a seguito dei fatti di Reveree. Andò in onda ad aprile 1997, con quattro mesi di ritardo rispetto alla prima programmazione. La ECW si salvò in extremis, ma quello che passò alla storia come Mass Transit Incident stava per distruggerla. 


Continua a leggere
di Piccioli-Rotonda-Biso - 01/01/2020

RETROSPECTIVES: Come è stato il 2019?

Recap dell'ultimo anno nel wrestling

Noi di Fight Planet Italia amiamo il wrestling a 360 gradi. Ecco quindi un recap di tutto quello che è successo nel 2019 nei principali shows!

Per quanto riguarda Friday Night Smackdown, il momento più importante è sicuramente stato il passaggio su FOX come canale di trasmissione dello show ed il Main Event della serata inaugurale, ovvero il match valido per il WWE Champion tra Kofi Kingston e Brock Lesnar.
Dell'incontro si può dire ben poco, visto che è durato solamente otto secondi nei quali è bastata una sola F-5 della Bestia per far sua la cintura. Questa scelta l'ho trovata molto scorretta nei confronti del membro del New Day, che dopo l'impresa di Wrestlemania, spinto a furor di popolo grazie alla KofiMania, è uscito completamente dai radar dei piani alti senza nemmeno ricevere una rivincita titolata.

Dovendo scegliere due nomi per il 2019, il primo è sicuramente quello dell'Universal Champion Bray Wyatt che, dopo il draft che lo ha distaccato da Raw, si sta sempre di più imponendo come la Superstar di punta dello show blu. Onestamente, stravedevo anche quando era il del Guru della palude, affiancato da Erick Rowan e Luke Harper (che peccato non aver creduto in lui... ), ma questa versione di The Fiend è geniale e lui sta facendo un lavoro stratosferico, che potrà solo che migliorare.
Il secondo nome mi duole enormemente menzionarlo, ma da quando ha vinto il King Of The Ring sta svolgendo un lavoro egregio come Top Heel dello show. Sto parlando di King Corbin che, come molti di voi sapranno, non ho mai apprezzato tantissimo, ma piano piano sto iniziando a ricredermi.
Per Corbin é stato un anno memorabile, culminato non solo con la vittoria dello scettro di Re, ma anche con la vittoria a TLC contro Roman Reigns, anche se con l'aiuto dei suoi sudditi, Dolph Ziggler in primis.

Chi purtroppo invece non ha raggiunto i traguardi sperati è sicuramente The Miz che, nonostante si sia schierato dalla parte dei buoni già da inizio anno, ha risentito delle ripetute sconfitte patite per mano di Shane McMahon, che lo hanno gettato nella mid-card degli show settimanali. E proprio Shane O'Mac è stato uno dei principali protagonisti di inizio anno, il quale ha rischiato di essere l'indiziato numero uno per battere Kingston e laurearsi Campione WWE, prima dell'avvento di FOX con relativi cambi di piano da parte della dirigenza.

Parlando della divisione femminile, impressionante é stato l'anno di Nikki Cross che, insieme ad Alexa Bliss, hanno dimostrato di avere un ottima alchimia, arrivando anche a vincere i titoli di coppia femminili. Nonostante il turn heel, invece, Bayley non riesce a convincere come campionessa "cattiva", al contrario di Sasha Banks che gode di un ottima personalità.

Chiudendo con Smackdown, mi sarebbe piaciuto  parlare di Cain Velazquez e del suo approdo in WWE. Ma cosa potrei dire di un atleta che dopo aver fatto mille proclami di battere e distruggere Brock Lesnar, cede dopo pochi minuti nel suo match d'esordio nella più brutta Kimura Lock della storia? Assolutamente da rivedere , anche se si parla di lui come uno dei papabili vincitori della Royal Rumble.

Raw ha vissuto un anno in forte calo, soprattutto a seguito del passaggio a FOX di Smackdown e dell'inizio della guerra tra NXT e AEW, che hanno fatto allontanare le energie degli head bookers dallo show rosso.
L'inizio anno è sembrato in forte ascesa, soprattutto grazie alla vittoria di Seth Rollins alla Royal Rumble e alla conquista del Titolo Universale ai danni di Brock Lesnar.
La Bestia ha poi riconquistato la cintura incassando il proprio Money in The Bank ad Extreme Rules, per poi perdere nuovamente a Summerslam sempre a favore dell'Architetto.
Parallelamente a questa faida, nasceva il personaggio di "The Fiend" Bray Wyatt, che a Crown Jewel ha strappato il titolo a Rollins, portandolo con sé nello show blu dove era stato draftato.

Nel frattempo, il settore femminile godeva di ottima salute, con Becky Lynch campionessa assoluta della categoria sia a Raw che a Smackdown. L'Irlandese ha conquistato i due titoli a Wrestlemania sconfiggendo Ronda Rousey e Charlotte Flair, mantenendo quello dello show rosso sino ad oggi.

Tra le storyline più belle, sicuramente quella di Wyatt, trascinatore dello show nel periodo estivo, oltre all'inaspettato quanto sorprendente turn heel di Rollins dopo la disfatta di Survivor Series.

Il punto più basso, sicuramente, l'orribile finale di Hell in a Cell, che ha definitivamente affossato i già bassi rating dello show rosso e ha scatenati l'ira dei fans, sia nell'arena che a casa. Mai si era visto un passo così falso, che ha rischiato di distruggere la credibilità di Bray Wyatt in un Amen.

Menzione d'onore, la storyline tra Rusev e Bobby Lashley, con il coinvolgimento di Lana: speriamo che il 2020 ci allontani il più possibile da questo orribile menage-a-trois, che ha stufato già dall'inizio.

Il 2019 è stato senza ombra di dubbio l’anno del brand giallo-nero, che ha offerto uno spettacolo unico rivelandosi lo show migliore dell’intera WWE. Un anno dove abbiamo avuto la storica rivalità tra Johnny Gargano e Adam Cole che ha infiammato gli show settimanali con incontri spettacolari, l’affermarsi a tutto tondo della Undisputed Era che ha vinto tutte le cinture maschili come promesso, la vittoria di NXT alle  Survivor Series, battendo RAW e Smackdown dopo averli invasi nelle settimane precedenti, con addirittura la vittoria del Main Event di Shayna Baszler, il ritorno di Finn Balor, che arriva in occasione del debutto televisivo sulla rete USA Network. Ultimo, non certo per importanza, la vittoria del NXT Women’s Championship di Rhea Ripley.

Un anno fantastico che non può far che accrescere l’interesse per il 2020, con l’augurio di vedere il nostro amato brand impegnato nella card di WrestleMania.

Il 2019 è anche l’anno della neonata AEW, una  federazione che propone un prodotto diverso da ciò che si vede altrove. Di grandi momenti ne abbiamo visti molti, in primis l’esordio di Jon Moxley, che personalmente reputo uno dei più belli della storia, con una reazione dell’arena pazzesca ed emozionante.
Da citare sicuramente anche quando Cody Rhodes ha distrutto il trono di Triple H, altro momento iconico da consegnare alla storia. L’abbraccio tra lui e Dustin Rhodes anche rientra in quell’ottica.

Poi c’è il ring, la vittoria di Chris Jericho che diventa primo storico campione è stata uno dei momenti più emozionanti per me, da pelle d’oca. E che dire dell’Escalera de la Muerte match tra Young Bucks e Lucha Bros? Sicuramente queste sono le cose migliori che la federazione ha offerto, assieme alla perla hardcore tra Kenny Omega e Moxley, poesia pura. E siamo solo all’inizio, il 2020 sarà ancor più straordinario.

Quando parliamo di IMPACT e del 2019, c’è tantissima carne al fuoco e molto da dire. Due nomi su tutti però hanno catalizzato l’attenzione: Tessa Blanchard e Sami Callihan. Questa rivalità che ancora non è conclusa, io la metto tra le più belle di sempre e sicuramente tra le migliori dell’anno in tutto il mondo del wrestling.

Senza dimenticarci l’anno fatto da Taya Valkyrie, diventata la più longeva campionessa della storia della compagnia. E, restando in tema, che dire della rivalità tra Gail Kim e Tessa Blanchard? Eccezionale, davvero, una goduria.

Oltre a questo IMPACT ha saputo regalare interesse e dare nuove opportunità ai talenti sotto contratto: Cage e Callihan hanno entrambi vinto il titolo massimo, sempre con match molto belli e rivalità mai banali. Direi che dopo gli anni delle perdite degli atleti più rappresentativi, l’ultimo triennio, e in particolare proprio questo 2019, ha rimesso IMPACT sulla strada della grandezza che gli appartiene. E che il 2020 possa essere ancora migliore...

Il 2019 ha visto anche il ritorno della NWA on-screen con uno show settimane su YouTube incredibile: Powerrr è fuori dal tempo, distaccato dallo schema degli odierni spettacoli settimanali delle varie federazioni. Guardandolo, sembra di vedere uno show di 40 anni fa, con una scenografia dozzinale ed un pubblico di non più di 100 persone.

La qualità del lottato e, soprattutto, dei promo, è il vero cardine della creatura di Billy Corgan che probabilmente non riuscirà mai a raggiungere livelli di grandezza notevoli, ma rimarrà una perla nascosta nel panorama del wrestling mondiale.

Grandiosi sono stati i match e i segmenti dei nomi più noti passati in NWA, ovvero Nick Aldis (l'ex Magnus della TNA), Eli Drake, Ken Anderson, James Storm ed Aron Stevens (l'ex Damien Sandow), oltre all'inserimento di superstars classiche come i Rock 'n' Roll Express. La voce di Jim Cornette ha fatto da sottofondo per buona parte delle puntate, prima di essere sostituito da Stu Bennet, già noto come Wade Barrett

L'arrivo di superstars da altre federazioni, come i LAX da Impact e Marty Scurll dalla ROH fanno intendere la volontà di crescere sempre di più. E noi non possiamo fare altro che goderci questa costante crescita

Questo è il nostro 2019. Con l'augurio che il 2020 possa regalarci altre soddisfazioni e molto divertimento. 


Continua a leggere